Opinionisti Punti di Vista

Ripartiamo ma con progetti diversi

Che la crisi serva per avviare quei cambiamenti rinviati da tempo

Print Friendly and PDF

Fase 1…Fase 2…Fase 3… Con tutte queste “fasi”, rischiamo di non capirci più nulla. La pandemia dovuta al Covid-19 ha fatto esasperare un declino dell’economia italiana che dura almeno da 15 anni. Molte aziende sono alle prese con problemi dovuti alla perdita di fatturati e ordini; una burocrazia e una tassazione come quella italiana sono dei veri freni per il rilancio economico, ai quali si aggiunge un aumento esponenziale di lavoro nero. Paghiamo scelte politiche sbagliate fatte negli ultimi decenni, depotenziando il peso dell’amministratore (dal locale al nazionale) a favore di tecnici che non si assumono la minima responsabilità, facendo cosi rallentare tutto il sistema. Abbiamo un’Europa che - così com’è - non funziona e dove per di più abbiamo mandato politici a fine corsa o che bisognava “parcheggiare” da qualche parte, mentre gli altri Paesi hanno usato Bruxelles come una palestra per allenare le eccellenze di cui oggi avremmo un grande bisogno. Sarà necessario quindi inventare soluzioni nuove per ripartire, imparare a consumare prodotti italiani e con i nostri imprenditori - di cui l’Italia per fortuna dispone ancora - creare un modello di sviluppo all’altezza dei tempi, in cui le componenti pubbliche tornino ad agire da volano per gli investimenti a lungo termine e i privati rilancino le attività sul territorio. Dovremo creare un rilancio serio del nostro turismo, che - lo ricordo - vale il 13% del nostro Pil, ma potrebbe aumentare e molto se vi fossero progetti, idee e organizzazione diverse da quelle a cui siamo stati abituati negli ultimi anni. I soldi che saranno erogati dovranno essere impiegati per lavorare sulla ristrutturazione di un settore lasciato finora nelle mani di un’occasionalità che è il momento di superare. Sarà necessario rivedere anche il “modo di lavorare”, dove non conti l’orario dell’ufficio, della fabbrica o il tempo trascorso sul posto di lavoro, ma un nuovo tipo di occupazione più flessibile che abbia come pilastro fondamentale quello della sostanza: meritocrazia e creatività. Sono un ottimista di natura, credo quindi che abbiamo le capacità di sconfiggere il virus e in un tempo relativamente breve di far ripartire la nostra economia, ma dobbiamo imparare e correggere alcune cose da questa crisi. Dovremmo creare un’unità di emergenza sanitaria, ammodernare le procedure e sfruttare le moderne tecnologie. Oggi tutti parlano di ricerca, ma l'Italia è uno dei Paesi che destina meno risorse alla ricerca scientifica e tecnologica; negli ultimi 10 anni, sono stati tagliati 35 miliardi alla sanita pubblica, una vera follia. Stessa cosa per la globalizzazione: tutti la volevano, ma era o è ancora la soluzione giusta? Per l'economia italiana, questa crisi potrebbe essere anche un momento per avviare cambiamenti a lungo rimandati e diventare più efficienti.

Domenico Gambacci
© Riproduzione riservata
22/05/2020 11:03:09

Punti di Vista

Imprenditore molto conosciuto, persona schietta e decisa, da sempre poco incline ai compromessi. Opera nel campo dell’arredamento, dell’immobiliare e della comunicazione. Ha rivestito importanti e prestigiosi incarichi all’interno di numerosi enti, consorzi e associazioni sia a livello locale che nazionale. Profondo conoscitore delle dinamiche politiche ed economiche, è abituato a mettere la faccia in tutto quello che lo coinvolge. Ama scrivere ed esprimere le sue idee in maniera trasparente. d.gambacci@saturnocomunicazione.it


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Punti di Vista

Alpe della Luna, dorsale appenninica e cammini di Francesco >>>

Emergenza Coronavirus: il “lockdown” grande lezione di vita >>>

Si riparte...si ma dove si va? >>>

Ripartiamo ma con progetti diversi >>>

Ma quanto piace indossare l’abito del provocatore! >>>

Il 18 si riparte... >>>

Vacanze 2020: molto diverse da quelle a cui eravamo abituati >>>

Emergenza Covid-19: siamo nella Fase 2 tra una montagna di polemiche >>>

Amici virtuali e amici reali >>>

Covid-19: separazioni, nuovi bambini e rigetto dei social >>>