Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Giuseppe Pincardini della lista "Cittadini per Sansepolcro"

"Valuteremo le condizioni per far parte di un’alleanza di centrodestra o centrosinistra"

Print Friendly and PDF

La politica è la sua passione. Per Giuseppe Pincardini, cinque anni da consigliere comunale di minoranza, dal 2011 al 2016, poi la creazione del movimento civico “Cittadini per Sansepolcro”, che fino all’emergenza Covid-19 era stato molto attivo con l’organizzazione di dibattiti attraverso serate conviviali, poi il 2020 dove sembravano essere spariti. Abbiamo fatto quindi alcune domande al fondatore di questo movimento.

Pincardini, perché dopo tanta attività negli anni passati il movimento Cittadini per Sansepolcro è uscito così poco negli ultimi tempi?

“Diciamo che siamo sempre stati al pezzo. Abbiamo sempre seguito gli sviluppi politici, anche se con l’emergenza sanitaria in atto non volevamo approfittare della situazione, per cui abbiamo cercato di far lavorare l’amministrazione comunale con la massima tranquillità. A per dire fino in fondo la verità, è anche vero che il contesto generale non ha destato interesse più di tanto: la politica locale (tutta) si è appiattita, nonostante i problemi da affrontare non manchino e il Covid-19 ha creato un sostanziale stallo che ha favorito coloro che amministrano. La nostra azione politica è stata in parte limitata, in attesa di tempi migliori”.

Una valutazione sull’operato dell’amministrazione, quando la legislatura è oramai prossima alla scadenza?

“Il lavoro portato avanti dalla giunta biturgense è da considerare "ordinario" e non "straordinario". L’impegno non è mancato, anche se l’attività è stata condizionata dalla figura veramente troppo autoritaria del sindaco, che ha preso decisioni senza un minimo di confronto e gli assessori sono rimasti sempre nell’ombra. Su alcuni aspetti – vedi il ritorno della Compagnia Carabinieri, la messa a norma del palazzetto e degli impianti sportivi, la videosorveglianza agli ingressi della città, l’iter del secondo ponte sul Tevere, gli orti sociali e il riconoscimento di Comune europeo dello Sport – il giudizio é positivo; gli ambiti sui quali invece l’amministrazione é completamente mancata sono quelli economici. Se guardiamo agli insediamenti produttivi, sarebbero state opportune forme di incentivazione per fare impresa, non sono state create le condizioni per rendere appetibile la città dal punto di vista imprenditoriale. Spostandoci sul commercio, la situazione del centro storico è sotto gli occhi di tutti: si sarebbe potuto e dovuto ovviare con precise proposte, vedi punti vendita per le tipicità locali, oppure la rivalutazione dell’artigianato e dei vecchi mestieri. Nell’ambito del turismo abbiamo assistito a un vero flop. Favorevoli alla esternalizzazione della gestione del museo civico, perché ha prodotto una migliore organizzazione, con assieme più presenze di turisti. Il problema è poi però il solito: tutto finisce con la visita al museo, con turisti di nuovo in pullman e via. Il classico “mordi e fuggi” non è stato superato: ecco perché diventa fondamentale investire sulla promozione del territorio”.

Nella fresca vicenda della Fondazione Piero della Francesca, uscita dal Comune di Monterchi, quali sono le pecche dell’amministrazione di Sansepolcro?

“Intanto, siamo dispiaciuti per la decisione presa dal Comune di Monterchi, anche se allo stesso tempo diciamo chiaramente che si sarebbe potuto e dovuto fare molto di più. La notizia ha destato stupore, ma non più di tanto: dopo la frettolosa riapertura della Casa di Piero nel 2016, è subentrato di nuovo un grande immobilismo, tanto che sono in molti a chiedersi il perché e cosa questo ente ci sta a fare. La Casa di Piero continua a essere un contenitore vuoto che genera solo costi”.

Qual è il problema principale che in questo momento deve essere risolto a Sansepolcro?

“Quello del lavoro. Senza stare a valutare il periodo del Covid-19, i problemi vengono da lontano, si sarebbe potuto fare di più per portare le aziende a Sansepolcro ed elaborare progetti di sviluppo turistico. La domanda chiave dalla quale partire è la seguente: Sansepolcro è una città industriale, commerciale, artigiana, agricola o turistica, oppure è un po’ di tutto questo? Facciamo allora una scelta ben precisa, o quantomeno definiamo una politica mirata al raggiungimento di determinati obiettivi. La mia convinzione è che debbano essere sviluppati gli aspetti commerciali e turistici”.

In vista delle elezioni comunali della prossima primavera, prevede che vi sarà un tendenziale ritorno al bipolarismo?

“Sento in effetti parlare di bipolarismo ed è chiaramente importante. Si stanno tuttavia creando coalizioni di centrodestra e di centrosinistra, ma l’aspetto civico è importantissimo: lo ha dimostrato l’esito elettorale del 2016, nettamente favorevole alle aggregazioni civiche, per cui non credo che all’improvviso scompaia questa componente, anche se al momento non si sa se verrà riproposto il terzo polo”.

Ci sarà anche Cittadini per Sansepolcro nella prossima competizione elettorale?

“La nostra intenzione è quella di essere presenti, anche perché siamo stati l’unica forza politica che, pur non essendo rappresentata in consiglio comunale, ha continuato a lavorare. Valuteremo le condizioni per entrare a far parte di un’alleanza e l’esistenza o meno di persone spendibili. Non vi è per noi un orientamento preciso: nell’ultima consultazione eravamo con il centrodestra, ma prioritaria è la condivisione di programmi, candidato sindaco e squadra di giunta, per cui potremmo andare di qua come di là”.    

 

Redazione
© Riproduzione riservata
06/01/2021 11:20:26


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Gabriele Marconcini assessore del comune di Sansepolcro >>>

Mondo Economia: intervista all'imprenditore di Sansepolcro Massimo Foni >>>

Mondo Politica: intervista al sindaco di Citerna Enea Paladino >>>

Mondo Economia: intervista ad Alessia Uccellini titolare del ristorante Fiorentino >>>

Mondo Politica: intervista a Mirco Rinaldi sindaco di Montone >>>

Mondo Economia: intervista a Donatella Montini >>>

Mondo Politica: intervista a Giampaolo Tellini sindaco di Chiusi della Verna >>>

Accadde Oggi: nel 2016 firmato l'accordo per il rilancio della ferrovia ex Fcu >>>

Mondo Economia: intervista a Gabriele Bigiarini dell'agriturismo Terra di Michelangelo >>>

Mondo Politica: intervista al consigliere comunale di Sansepolcro Michele Del Bolgia >>>