Notizie dal Mondo Attualità

L’aborto adesso è legale anche in Argentina

E' il primo grande Paese del Sud America a dire sì

Print Friendly and PDF

È stata l’ex presidente e oggi vice Cristina Kirchner ad annunciare il risultato finale di una votazione storica per l’Argentina. Trentotto senatori a favore, solo ventinove contrari alla depenalizzazione dell’aborto e subito è scoppiato il grido di gioia da parte della “marea verde”, le donne con i fazzoletti simbolo della lunga campagna per la depenalizzazione dell’aborto.

I movimenti femministi argentini vi provavano da 20 anni, durante la presidenza della Kirchner il tema era ancora considerato tabù, nel 2018 un progetto analogo è stato bocciato proprio dal senato, tradizionalmente più conservatore rispetto alla Camera de deputati. Oggi è passato grazie soprattutto al pressing del governo del peronista Alberto Fernandez su alcuni senatori della maggioranza indecisi, che hanno chiesto delle modifiche in extremis al testo finale. La stessa Kirchner, contraria fino a tre anni fa, ha cambiato idea.

L’Argentina diventa così il più grande paese latinoamericano a legalizzare l’interruzione volontaria della gravidanza, che oggi era possibile solo a Cuba, in Uruguay e in Guyana. Grandissima la delusione del movimento «per le due vite», organizzato dalla chiesa cattolica e dai culti evangelici che ha ricevuto l’appoggio di Papa Francesco. Una grande sconfitta per Bergoglio nella sua terra. Ora è lecito pensare che questa decisione servirà da stimolo per le campagne pro legalizzazione nel continente più cattolico al mondo. Gli aborti, legali o no, esistono; si calcola siano 400.000 ogni anno in Argentina, oltre un milione nel vicino Brasile.

Chi ha facoltà economiche lo fa in cliniche private, nelle periferie più povere si ricorre spesso a metodi rudimentali che mettono a repentaglio la salute della donna. Per questo molti senatori in aula hanno parlato di una questione di salute pubblica e non di un dibattito religioso o morale. Gli ultimi sondaggi mostravano l’immagine di un’Argentina spaccata in due tra favorevoli e contrari alla depenalizzazione. Buenos Aires e le grandi città appoggiavano il movimento verde, le provincie del nord e le campagne pendevano più per gli “azzurri” antibortisti.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
30/12/2020 13:25:03


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Harry e Meghan lasciano ogni ruolo, non torneranno membri attivi della Famiglia Reale >>>

Tokyo 2020, scelta una donna dopo la frase sessista di Mori >>>

Svolta Jaguar, dal 2025 solo vetture elettriche >>>

Addio Daimler, il gruppo tedesco si chiamerà Mercedes-Benz >>>

Gli Usa rientreranno nel Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu >>>

Il nuovo jet supersonico sta per decollare: ecco l’erede del Concorde, in pista dal 2025 >>>

Lo Sri Lanka riapre al turismo grazie alle bolle di biosicurezza >>>

Ufo, la Cia svela migliaia di dossier governativi >>>

Capitol Hill sotto assedio, c'è un ferito >>>

I 18 anni di Greta Thunberg, la coscienza ambientalista della Terra >>>