Saperi e Sapori L'Esperto

Guida Michelin: confermate 3 stelle per 11 ristoranti

Novità di questa edizione é la stella verde che premia la sostenibilità

Print Friendly and PDF

Qualita' delle materie prime, originalita' e personalita' dello chef nei piatti proposti, la padronanza delle tecniche, il rapporto qualita'/presso, la continuita' nel tempo: sono i cinque criteri con cui vengono valutati i ristoranti per l'assegnazione delle stelle sulla Guida Michelin. Quest'anno gli undici ristoranti con tre stelle le hanno mantenute. Lo ha annunciato Marco Do, direttore comunicazione della Guida Michelin, nel corso della presentazione della 66esima edizione, disponibile a partire da domani in libreria. "Potevamo decidere tra chiudere gli occhi e aspettare che tutto passasse oppure tenere aperti gli occhi e continuare il lavoro di redazione della nostra guida per presentarla al pubblico. Abbiamo scelto la seconda" ha detto Marco Do "cosi' anche quest'anno vogliamo raccontare i grandi talenti del nostro meraviglioso paese che ogni giorno con passione fanno dell'accoglienza e del gusto italiano un'arte apprezzata in tutto il mondo". Tre stelle sono state confermate a Da Vittorio a Brusaporto (BG), Piazza Duomo ad Alba (CN), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull'Oglio (MN), Enoteca Pinchiorri a Firenze, Osteria Francescana a Modena, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN) e Enrico Bartolini al MUDEC a Milano. Si aggiudicano la seconda Stella Michelin, Rocco De Santis, ristorante Santa Elisabetta a Firenze, ristorante D'O di San Pietro all'Olmo, di Oldani, Marco Metullo, ristorante Harri's Piccolo a Trieste. Sono 26 i ristoranti ad una stella, di cui cinque nuove in Toscana, 14 chef under 35 e 4 under 30. Novita' di questa edizione e' la stella verde, che premia la sostenibilita', come madrina del nuovo riconoscimento e' stata scelta Federica Pellegrini: "mi e' capitato molto spesso di fare esperienza gastronomiche in ristoranti stellati, e' un lusso che mi concedo molto spesso, soprattutto nella mia zona, il veronese" ha confessato. "Siamo davvero lieti di introdurre nella selezione italiana 2021 un nuovo simbolo distintivo, che celebra e incoraggia le iniziative sostenibili nel campo della gastronomia" ha spiegato il direttore internazionale delle guide Michelin Gwendal Poullennec. "Il tema della sostenibilita' e' molto sentito, in Michelin insistiamo tantissimo sulla necessita' di sviluppare dei prodotti che abbiano delle performance che durino nel tempo e che siano quindi anche piu' sostenibili" il commento di Marco Giuliani, direttore commerciale Michelin Italia. Per Davide Oldani, seconda stella Michelin "la sostenibilita' e' una parola che ha molti significati, un punto fermo della nuova sostenibilita' saranno i giovani, il premio dovra' essere la coerenza nel tempo, ringrazio Michelin per aver creduto in un nuovo modo di porsi con la cucina".

Notizia tratta da tiscali.it
© Riproduzione riservata
25/11/2020 18:42:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio L'Esperto

Qual'é la differenza tra Brandy e Cognac? >>>

Il miglior vino rosso al mondo del 2020 é l'Amarone della Valpolicella Classico Fieramonte del 2012 >>>

Guida Michelin: confermate 3 stelle per 11 ristoranti >>>

Liquore alla banana >>>

Il liquore alla Nutella >>>

Il Sagrantino, un vino per le feste o "divino" >>>

La birra? In Gran Bretagna trovate tracce risalenti al 400 avanti Cristo >>>

Vino Millesimato: di cosa parliamo? >>>

Pandoro o panettone: tradizione o innovazione? >>>

E' arrivato il vino Novello >>>