Notizie dal Mondo Attualità

Patto migranti, Commissione Ue: alleggeriremo il peso sui Paesi di primo ingresso

"Necessario un sistema di gestione prevedibile e affidabile", dice Ursula von der Leyen

Print Friendly and PDF

Il regolamento di Dublino pone tutta la responsabilità per il migrante entrato illegalmente nell'Ue sul Paese di primo ingresso, salvo alcuni casi, e presenta "scappatoie che permettono ai migranti di fuggire e andare a chiedere asilo nello Stato di sua scelta. Questa proposta chiude le scappatoie e introduce modifiche che consentono una distribuzione più giusta della responsabilità". Così la commissaria Ue Ylva Johansson, che col vicepresidente Margaritis Schinas presenta il nuovo Patto su migrazione e asilo. La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ha così introdotto la filosofia di fondo del Patto: "L'Europa deve abbandonare le soluzioni ad hoc per mettere in atto un sistema di gestione delle migrazioni prevedibile e affidabile. Questo pacchetto riflette un equilibrio giusto tra la responsabilità e la solidarietà fra Stati membri".

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
23/09/2020 14:24:45


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Capitol Hill sotto assedio, c'è un ferito >>>

I 18 anni di Greta Thunberg, la coscienza ambientalista della Terra >>>

Brexit: il padre di Boris Johnson chiede la nazionalità francese >>>

L’aborto adesso è legale anche in Argentina >>>

Austria: la Corte costituzionale consente il suicidio assistito >>>

Matteo Mecacci nuovo direttore Ufficio Osce diritti umani >>>

Twitter cederà l’account del presidente a Biden il 20 gennaio >>>

Gran Bretagna: Johnson lancia mega programma di spese militari >>>

Zuckerberg: “Facebook non è pensato per indurre dipendenza” >>>

Un’app calcola quanto si rischia il contagio da coronavirus con un pranzo in famiglia >>>