Rubrica Tecnologia

L’allarme della Polizia postale italiana, in crescita le truffe informatiche via telefono

Il nuovo fenomeno si chiama vishing ovvero voice-phishing

Print Friendly and PDF

Non c’è pace per i correntisti italiani (e non) alle prese sistematicamente con i tentativi di raggiro dei cyber criminali. L’ultima tecnica messa in atto dai truffatori si chiama Vishing, neologismo inglese che nasce dall’unione di altre due parole: voice e phishing, altro neologismo (quest’ultimo) con cui da anni ormai vengono indicate le truffe su internet. La caratteristica principale del vishing è che il raggiro nei confronti degli ignari correntisti avviene via telefono.

L’allarme sull’escalation del nuovo fenomeno è stato lanciato dalla Polizia postale. Nell’ultimo periodo anche nel nostro Paese sono aumentare le denunce da parte dei cittadini di addebiti non autorizzati sulle proprie carte di credito avvenuti dopo essere stati contattati telefonicamente dalla propria banca.

“Il contatto telefonico – ha spiegato la Polizia postale – avviene in realtà da parte di finti operatori bancari o di società emittenti carte di credito. Riferendo di presunte anomalie nella gestione della carta di credito o del conto corrente, avvisano la persona che, nel suo stesso interesse, è necessario attivare fantomatiche procedure di sicurezza”.

E qui scatta la trappola. “I cyber criminali – ha proseguito la Polizia postale – chiedono alle vittime di leggere a voce alta un codice di sicurezza necessario per poter completare la truffa ovvero la sottrazione dei fondi”.

I  cyber criminali sono riusciti (già prima della chiamata) ad entrare in possesso dei dati della carta di credito (numero, data di scadenza e CVV) ma in base alle nuove regole di sicurezza hanno bisogno di conoscere un codice autorizzativo per poter completare le transazioni e quindi rubare il denaro dai conti correnti. Obiettivo della finta chiamata telefonica (vishing) è proprio quello di estorcere il codice mancante.

Cosa fare per difendersi? Le indicazioni fornite dalla Polizia postale sono sempre le stesse: "Non rivelare mai a nessuno (via telefono,  via social o via email) informazioni su password dispositivepin e codici di accesso. E' opportuno diffidare sempre di fronte a soggetti che richiedono tali dati, presentandosi come operatori di istituti bancari”.

In caso di contatti/segnalazioni sospette c’è dunque una solo cosa da fare: non fornire nessun dato ed eventualmente chiamare i canali di assistenza della propria banca per chiedere chiarimenti. In caso di denunce è invece necessario rivolgersi direttamente alla Polizia postale

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
01/06/2020 20:42:13


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Tecnologia

Ecco il piano italiano per l’intelligenza artificiale: grandi ambizioni ma pochi soldi >>>

Ecco il superaggiornamento: così cambierà WhatsApp >>>

L’allarme della Polizia postale italiana, in crescita le truffe informatiche via telefono >>>

Non solo Libra, Visa potrebbe sfidare Facebook con una sua valuta digitale >>>

Al via TrHack your Tour, maratona informatica virtuale per immaginare il turismo del futuro >>>

Ecco come il 5G cambierà le nostre vite >>>

Puntini luminosi si muovono nel cielo: ma non si tratta di "alieni" >>>

Come il mondo sta usando l'intelligenza artificiale per combattere l'emergenza virus >>>

Verso il passaggio parlamentare per l'app Immuni >>>

HospitHome: la telemedicina risolve il problema del sovraffollamento degli ospedali >>>