Notizie Nazionali Politica

Sondaggio, centrodestra a valanga

Calano 5s, Pd e Italia Viva

Print Friendly and PDF

Quarantanove e rotti percento. Tanto vale, oggi come oggi, secondo l'ultimo sondaggio realizzato da Index Research, la coalizione del centrodestra unito.

Nella prima serata di giovedì, su La7, uno dei momenti clou del consueto appuntamento settimanale con Piazzapulita è stato proprio il momento dei dati raccolti dall'istituto demoscopico. E i numeri, come noto, parlano chiaro e dicono che la Lega si mantiene saldamente il primo partito italiano nelle preferenze degli italiani: nonostante il Carroccio di Matteo Salvini perda lo 0,1%, la compagine leghista tocca il 32,7% delle indicazioni di voto.

Alle spalle di Salvini and co., a distanza siderale, ecco il Partito Democratico. I dem di Nicola Zingaretti continuano ad arrancare e pagano i continui litigi con l’alleato grillino di governo. Il Pd, infatti, cala dello 0,2% e si ferma al 19,1%, dunque ancora al di sotto della soglia cosiddetta "psicologica" del venti percento.

Terzo gradino del podio, però in crisi nera, il Movimento 5 Stelle. Beppe Grillo e Luigi Di Maio, anche questa settimana, raccolgono un trend molto poco incoraggiante, visto che il M5s perde 0,7 punti percentuali e scende al 16,2%.

Continua invece la crescita esponenziale e per certi versi inarrestabile di Fratelli d'ItaliaGiorgia Meloni vola verso il 10% e secondo il recente sondaggio di Index FdI arriva al 9,8% (+0,5%). Rimanendo nello schieramento di centrodestra, rimane invece stabile – al 6,6% – Forza Italia di Silvio Berlusconi. Sommando dunque i volumi elettorali di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, il centrodestra tocca il 49,1%.

Ecco, sono invece guai per Italia Viva di Matteo Renzi, presente proprio in studio al fianco di Corrado Formigli quando il giornalista e conduttore legge i numeri della rilevazione. La smorfia preoccupata dell’ex presidente del Consiglio non sfugge all’occhio della telecamera: Iv perde lo 0,2%, scende sotto alla soglia del 5% e si arresta al 4,9%. Non proprio quello che avrebbe sperato l'ex rottamatore.

Carlo Calenda? La sua neonata Azione, almeno per il momento non sfonda: 1,6%. Meglio di Azione fa +Europa di Emma Bonino (1,6%) e i Verdi (1,8%), mentre Cambiamo di Toti non va oltre l'1%. Dunque, i partiti della sinistra italiana, messi assieme, fanno il 3,4%.

Last but non least, un dato da tenere a mente e in assoluta considerazione è quello relativo agli indecisi e al famoso partito del "non voto". Già, perché attualmente – chi non sa chi scegliere e chi allora non si reca neanche alle urne – rappresentano il primo partito italiano con il 38,4%.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
07/12/2019 06:53:05


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Gregoretti, ok al processo a Salvini. Ma la maggioranza scappa >>>

Il fuggi fuggi della società civile dal Movimento 5 stelle >>>

La sinistra e la sindrome della scissione >>>

Berlusconi ricorda Craxi: "L'Italia è stata ingrata con lui" >>>

La Coca cola lascia l'Italia, assieme ad altre aziende decolizza in Albania >>>

Caso Gregoretti, nessun rinvio: il voto su Salvini fissato per il 20 gennaio >>>

Prescrizione, la maggioranza è in bilico >>>

Renzi: il Movimento 5 Stelle é finito >>>

Il Pd campione nella corsa del due per mille: nel 2019 ha raccolto 8 milioni >>>

Ennesima grana nel M5S: "Il ministro ha copiato la tesi di laurea >>>