Rubrica Tecnologia

Messaggi vocali su WhatsApp? Ecco perché è meglio evitarli

È sbagliato pensare di risultare meno invadenti nei confronti dell'interlocutore

Print Friendly and PDF

Anche se si tratta di uno degli strumenti maggiormante utilizzati dagli utenti per scambiarsi informazioni, il messaggio vocale di WhatsApp sarebbe da evitare, almeno secondo l'opinione di alcuni esperti che hanno valutato le motivazioni alla base della scelta e le conseguenze di questa prassi.

Solitamente si utilizza questa funzione per evitare di risultare invadenti con una conversazione telefonica, magari rischiando di disturbare l'interlocutore in un momento in cui si trova impegnato al lavoro o in famiglia. Eppure proprio questa accortezza rischia di trasformarsi in un boomerang per la persona che si cerca di contattare, la quale poterebbe al contrario risultare pesantemente infastidita a causa dell'inattesa comunicazione che magari "costringe" a replicare con una risposta complessa e articolata.

Talvolta chi ricorre al messaggio vocale potrebbe infatti riassumere molto rapidamente il concetto da esprimere al proprio contatto tramite un sintetico ma esaustivo messaggio di testo, risultando meno indigesto. Spesso e volentieri, tuttavia, questo non viene fatto per "pigrizia": è molto più semplice rifugiarsi nella registrazione di una conversazione da inviare con un semplice click, diventando prolissi e aggiungendo, come capita di frequente, dettagli inutili e spesso estranei a quello che dovrebbe essere il fulcro del discorso e il vero motivo che ci ha spinto a contattare qualcuno. Altro elemento da considerare è che comunque, quando sono lunghi e articolati, i messaggi vocali richiedono, eccome, del tempo per poter essere ascoltati, compresi e per generare una risposta sensata: l'idea di non impegnare il tempo di qualcuno, quindi, è decisamente errata.

Meta rivela che quotidianamente vengono inviati cirtca 200 milioni di messaggi vocali, i quali, secondo il The Emily Post, sarebbero tuttaltro che rispettosi del prossimo. "Bisogna aver chiaro che si tratta di un monologo in cui non è previsto l’intervento di un interlocutore", spiegano alcuni esperti. Meglio, quindi, limitarsi a usarli "solo se il tono di voce ha un significato, come per esempio un augurio di compleanno, o se la questione è assolutamente seria".

Ecco qualche consiglio per interpretare i segnali di un'insofferenza malcelata. Innanzitutto se chi risponde a un vocale lo fa con un testo scritto non è necessario affannarsi per comprendere: l'interlocutore vuole porre fine alla catena estenuante di messaggi. Un occhio di riguardo anche per la durata: quando si arriva ai tre minuti e anche oltre è più che legittimo ignorare il messaggio.

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
03/11/2023 07:11:54


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Tecnologia

"Modalità oscura": qual è la novità di WhatsApp >>>

Su Google arrivano le audio emoji: cosa sono e come funzionano >>>

WhatsApp, 5 funzioni di cui forse non conosci il significato >>>

La sfida a colori della nuova famiglia Motorola >>>

È partita la guerra alle false notizie >>>

I 15 telefoni più venduti di sempre. Sorpresa: non è uno smartphone >>>

WhatsApp, ritorno al passato: cosa potranno fare gli utenti (di nuovo >>>

Instagram consente di modificare i direct message >>>

Smartphone, come aumentare la durata della batteria: i consigli nel "Battery Day" >>>

Nuove emoji in arrivo su WhatsApp: quali sono e cosa significano >>>