Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Ilaria Finocchi assessore al comune di Caprese Michelangelo

"Il mio sogno é portare a Caprese in mostra temporanea delle opere originali del sommo artista"

Print Friendly and PDF

Tre anni e mezzo di mandato amministrativo anche per Ilaria Finocchi, assessore del Comune di Caprese Michelangelo e valida collaboratrice del sindaco Claudio Baroni. Turismo, cultura e affari legali le materie di sua competenza; per il turismo, potrebbe essersi aperto un capitolo nuovo.

Dottoressa Finocchi, che cosa di significativo è emerso dall’incontro fra gli assessori al turismo di vallata organizzato dalla sua collega Ilaria Lorenzini di Anghiari?

“Da quell’incontro che si è tenuto a metà novembre, con tutti gli assessori alla cultura e al turismo della Valtiberina Toscana, sono scaturite tante idee che auspichiamo di portare presto a compimento. È emersa la volontà da parte di tutti di voler collaborare assieme per cercare di intendere e sfruttare il turismo a livello di vallata. Noi assessori ci siamo dati appuntamento per il prossimo mese di febbraio per iniziare un interessante progetto che vedrà coinvolti noi stessi in turisti della Valtiberina. Una sorta di “assessore turista”, in cui ognuno di noi, a turno, farà da guida agli altri all’interno del proprio Comune, illustrandogli in prima persona le bellezze del proprio territorio, le opere d’arte e tutto quello che vi si può ammirare”.

Vi è la concreta possibilità che, in tema di turismo, la Valtiberina possa ragionare secondo una logica condivisa da tutti i Comuni, oppure teme che vi sia qualche ostacolo?

“La Valtiberina, in tema di turismo, deve per forza iniziare a ragionare in base a una logica condivisa da tutti i Comuni. Senz’altro vi saranno ostacoli di percorso e difficoltà da superare, ma con la giusta sinergia sono certa che possiamo ottenere ottimi risultati. Come ho già detto, stiamo cercando di far rete tutti insieme: questo è uno degli obiettivi che ci siamo prefissati noi assessori alla cultura e al turismo già dal nostro primo incontro. Abbiamo un grande filo conduttore che è quello del turismo legato ai ‘Cammini di Francesco’, ma anche ai numerosi percorsi naturalistici da percorrere in bici o a piedi, che ogni anno attirano sempre più persone. Il traguardo che vorremmo raggiungere è quello di trattenere il turista più a lungo possibile nella nostra vallata, non parlo soltanto di Caprese ma dell’intera Valtiberina toscana. Il nostro, purtroppo, è ancora un turismo mordi e fuggi, ma il desiderio unanime sarebbe quello di riuscire ad allungare i soggiorni, proponendo al turista nuove iniziative e luoghi da visitare”.

L’Unione dei Comuni può avere un senso anche nella programmazione del turismo, oltre che nell’erogazione di servizi alla comunità?

“L’Unione dei Comuni sta già portando avanti importanti progetti per la programmazione del turismo a livello di vallata: basti pensare alla realtà di “Meet Valtiberina”. È necessario che questo ente sovraccomunale provveda a intercettare finanziamenti e istituisca una cabina di regia per la progettazione delle proposte avanzate dai Comuni: iniziare a ragionare a livello di vallata, piuttosto che individuale, ritengo sia la chiave di successo per valorizzare e promuovere i nostri splendidi territori”.

Gli investimenti tecnologici e umani apportati a Caprese Michelangelo hanno prodotto una maggiore visibilità a livello turistico, anche se nel frattempo ci si è messo di mezzo il Covid-19?

“L’amministrazione comunale della quale faccio parte ha investito importanti risorse per valorizzare il Museo Casa Natale di Michelangelo Buonarroti, attrattiva turistica principale per il Comune. Per rendere fruibile anche ai portatori di handicap la sala principale del Palazzo del Podestà è stata creata una rampa di accesso; inoltre, sono state create installazioni multimediali per migliorare gli spazi a disposizione dei turisti, si è provveduto alla messa in sicurezza degli edifici del complesso museale anche incrementando i sistemi per la protezione delle opere. Ricordo che da metà del 2018 la casa natale fa parte dell’associazione ‘Case della Memoria’ e che da circa due mesi è entrata anche a far parte dei diciassette membri del sistema museale ‘Case Toscane della Memoria’: proprio lo scorso 2 dicembre, insieme al Direttore del Museo Casa Natale di Michelangelo Buonarroti, Gabriele Mazzi, siamo stati ospitati presso il Palazzo della Regione Toscana a Firenze che celebrare questo importante avvenimento. A livello di investimenti umani, grazie anche al direttore Mazzi, abbiamo delle persone altamente qualificate per rendere informazioni storiche e culturali al turista che vuol fare visita al museo e guidarlo durante il percorso. Altre importanti risorse sono state destinate alla riqualificazione del campeggio, con una nuova recinzione lungo tutto il perimento e la realizzazione di nuovi bagni. È già stato pubblicato il bando, con scadenza al 31 gennaio prossimo, della manifestazione di interesse per la gestione del campeggio comunale, auspicando in una sua apertura già dalla primavera di quest’anno. Purtroppo, il Covid-19 non ci sta dando una mano, anche se devo dire che il 2021 è andato bene, anche oltre le aspettative, sia per quanto riguarda le presenze al Museo che nelle strutture ricettive. Il turista - questo è un dato di fatto - oggi preferisce i piccoli borghi rispetto alle grandi capitali o al turismo estero. Fare previsioni per il 2022 è alquanto arduo, ma dobbiamo guardare avanti con ottimismo e sperare che questa pandemia lasci nuovamente spazio alla normalità”.

Quale obiettivo Lei insegue di qui alla fine del mandato?

“Il mio obiettivo è piuttosto ambizioso ma, grazie anche al legame sempre più importante fra la nostra amministrazione e l’Associazione ‘Case della Memoria’ della quale fa parte anche Casa Buonarroti di Firenze, potrebbe anche avverarsi: portare in mostra temporanea a Caprese delle opere originali del sommo artista. L’idea è di poter esporre dei manoscritti, che darebbero vita ad un’importante mostra, la prima in assoluto con opere originali di Michelangelo nel suo paese natale”.

Redazione
© Riproduzione riservata
13/01/2022 09:44:05


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Massimo Minciotti consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Marco Baccini sindaco di Bagno di Romagna >>>

Mondo Politica: intervista a Laura Chieli consigliere comunale a Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Ilaria Finocchi assessore al comune di Caprese Michelangelo >>>

Mondo Politica: intervista a Domenico Duranti uomo di punta del Pd a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Valerio Mancini consigliere della Regione Umbria >>>

Mondo Politica: intervista a Letizia Michelini sindaco di Monte Santa Maria Tiberina >>>

Mondo Politica: intervista a Angjelin Vata consigliere comunale a Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Simona Bartolo esponente di "Insieme Possiamo" >>>

Mondo Politica: intervista a Guido Galletti consigliere comunale a Pieve Santo Stefano >>>