Opinionisti Il Direttore Davide Gambacci

Giallo intenso per il comportamento

L'Italia verso un lento ma graduale ritorno alla normalità

Print Friendly and PDF

Un lento, ma graduale ritorno alla normalità: almeno questo è quello che si spera, seppure così proprio non sembra. Andiamo un po’ a macchia di leopardo, un po’ in tutti i sensi: alcune regioni restano ancora in zona arancione oppure rosse – nonostante la maggior parte d’Italia sia in giallo – e i comportamenti non sempre sono congrui con quelli imposti dal Governo. Resta il problema coprifuoco che molti stentano ancora a digerire, seppure da metà mese si dovrebbe andare verso un allentamento. Occorre senza dubbio utilizzare il buon senso, seppure tutti siamo al corrente che la situazione si sta facendo sempre più pesante soprattutto per determinati settori. Vero che ci sono regole stringenti, ma alla fine lasciano anche un po’ di respiro per potersi muovere: sono bar, esercizi pubblici e ristoranti quelli che soffrono un po’ di più seppure la maggior parte delle municipalità hanno adottato delle strategie interessanti per venire incontro ai titolari. Un passo alla volta e utilizzare sempre la giusta prudenza: tanto per intendersi non deve essere affatto un interruttore che, premendolo, tutto riparte. È una macchina che deve essere oliata, gli ingranaggi – in questo caso i vari indotti - devono tornare a girare in maniera corretta spolverando quella ruggine che si è creata con le saracinesche abbassate. Si sta andando verso la bella stagione e la speranza è che il virus possa iniziare ad alzare bandiera bianca. Per ottenere questo, però, occorre essere immuni e l’unica strada attualmente percorribile è quella del vaccino: maggio, quindi, dovrebbe essere il mese della svolta e al tempo stesso della speranza; da una parte salutare in maniera definitiva il virus che ci accompagna oramai da troppo tempo, dall’altra tornare ad una graduale normalità quotidiana. E ritorna nuovamente la definizione “buon senso”: rispettare le regole per avere un futuro più roseo.

Davide Gambacci
© Riproduzione riservata
03/05/2021 10:57:59

Il Direttore Davide Gambacci

Si avvicina al giornalismo giovanissimo e ne rimane affascinato. Dal 2009 è iscritto all’ordine dei giornalisti della Toscana dopo aver fatto esperienza in alcune testate locali. Nel 2010 diventa direttore del quotidiano online Saturno Notizie e inviato fisso del quotidiano Corriere di Arezzo. Nel 2011 é stato nominato anche direttore responsabile del periodico l’Eco del Tevere e vice direttore di Saturno Web Tv. Ideatore e regista di numerosi programmi televisivi, dove da il meglio di se dietro la telecamera. Inchieste e cronaca i campi di particolare competenza professionale. Ricopre anche il ruolo di addetto stampa per alcune associazioni e Enti.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Il Direttore Davide Gambacci

Coprifuoco alle 22? L'ennesimo schiaffo all'economia >>>

Un ritorno alla normalità uniforme... magari >>>

Pronti per la ripartenza? >>>

Una Pasqua fotocopia >>>

Un anno dal ciclone della pandemia >>>

Sempre la beffa dell’ultimo minuto >>>

Non possiamo vivere ad intermittenza >>>

Dalla settimana bianca al periodo nero >>>

Che il 2021 sia l'anno della speranza! >>>

Un Natale di speranza! >>>