Notizie Locali Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Maria Cecchetti dirigente Lega Valtiberina

Nelle ultime elezioni regionali é stata sicuramente la "vincitrice morale"

Print Friendly and PDF

Ha deciso di impegnarsi in politica dopo una vita professionale trascorsa nell’ambito della sanità. Il suo esordio nell’agone elettorale risale all’estate scorsa, quando è stata uno fra gli otto candidati della Lega nella circoscrizione aretina alle regionali del 20 e 21 settembre scorsi. Come “prima volta” in assoluto da candidata, Maria Cecchetti di Sansepolcro può essere ben fiera del risultato conseguito: 908 preferenze, che significano senza dubbio vittoria morale. E con l’avvicinarsi delle comunali nella città biturgense, deciderà nuovamente di scendere in campo? È una fra le precise domande che le abbiamo rivolto.

Cecchetti, qual è stato il suo primo commento non appena ha conosciuto il suo esito elettorale?

“Nonostante una campagna elettorale sobria ed essenziale, ho raggiunto un bel risultato. Sicuramente, l’esito elettorale è andato sopra le mie aspettative e quando via via uscivano i risultati ho pensato che la chiarezza e la praticità del programma sono quello che la gente vuol sentire. Ma soprattutto la gente vuole confrontarsi ed essere ascoltata”. 

E il successo che la Lega ha riscosso a livello di vallata a cosa si deve attribuire?

“Alla voglia di cambiamento. Nel corso degli anni troppi problemi, troppe richieste non sono state ascoltate. Di questo fatto mi sono subito accorta perché di gazebo nelle piazze della Valtiberina ne abbiamo allestiti tanti e durante gli incontri con i cittadini è venuto fuori sempre lo stesso ritornello. Si avvertiva insomma nell’aria che l’elettorato di vallata era deluso da un comportamento non rispondente alle attese”.

Essendo una biturgense doc, lei conosce molto bene la realtà di Sansepolcro. Che cosa la preoccupa principalmente di questa città?

“La preoccupazione principale è costituita dalla momentanea chiusura delle attività commerciali dovuta alla pandemia, ma la preoccupazione c'era anche prima: per troppi anni abbiamo infatti assistito a un immobilismo economico, ambientale e del turismo, non sono stati fatti adeguati investimenti per creare le condizioni idonee per uno sviluppo produttivo e per una articolata ricezione turistica. La Valtiberina è una terra ricca di arte, ma non vi sono coordinamento e sinergia fra le varie realtà”.

In vista delle comunali di primavera, quale scenario politico prefigura? I partiti torneranno ad avere il loro peso sulle aggregazioni civiche?

“Sicuramente, come per tutti i piccoli Comuni, dovrà esservi un connubio fra liste civiche e politiche. Mi auguro che gli ideali prevalgano con programmi concreti ed efficaci, perché poi alla fine contano le proposte concrete e le persone scelte a tradurle in pratica, al di là dello schieramento di appartenenza. E' necessario coinvolgere persone della società civile in un progetto politico, noi dirigenti di partito bisogna dimostrare di non volere le poltrone ma il bene della città. Mi batterò all'interno del mio partito per vincere le elezioni e isolare, se ci fosse, chi lo vuole usare solo per i suoi interessi".

Ci sono le condizioni giuste per un centrodestra che possa correre unito e vincere a Sansepolcro?

“Credo di sì e voglio sperare che sia così. Mi auguro che le idee e i programmi di buon senso trovino un ampia condivisione per il bene comune. Così facendo, le probabilità di una vittoria sarebbero senza dubbio maggiori. La coalizione al momento é compatta, spetta a noi partiti dimostrare senso di responsibilità.

I suoi 908 voti alle regionali sono ora il “tesoretto” di partenza per le amministrative a Sansepolcro?

“Penso che sia ancora prematuro parlarne, visto che ci sono ancora diversi mesi di distanza dalla data dalle amministrative e l’ottimo risultato ottenuto alle regionali mi servirà da incoraggiamento per la decisione che prenderò. Ma lo ripeto, noi dirigenti-militanti non dobbiamo pensare a noi stessi, la cosa importante é raggiungere l'obbiettivo finale e andare a governare la città".

Redazione
© Riproduzione riservata
30/11/2020 09:43:11


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Interviste locali

Mondo Politica: intervista a Egildo Magrini esponente di Articolo Uno >>>

Mondo Politica: intervista a Claudio Marcelli sindaco di Pieve Santo Stefano >>>

Mondo Economia: intervista a Giordano Leonardi, imprenditore di Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Mauro Mariangeli segretario Pd a Città di Castello >>>

Mondo Economia: intervista all'imprenditore Giovanni Sassolini Busatti >>>

Mondo Politica: intervista a Vincenzo Bucci consigliere comunale a Città di Castello >>>

Mondo Politica: intervista a Simone Gallai consigliere comunale a Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Salvio Zoi presidente di Fratelli d'Italia a Sansepolcro >>>

Mondo Politica: intervista a Giuseppe Pincardini della lista "Cittadini per Sansepolcro" >>>

Mondo Politica: intervista al consigliere comunale di Sansepolcro Giuseppe Torrisi >>>