Notizie Nazionali Eventi

Il Papa ad Assisi: il mondo ha bisogno del perdono

Il Perdono è lontano dal gesto "me la pagherai"

Print Friendly and PDF

"In questo Anno Santo della Misericordia diventa ancora più evidente come la strada del perdono possa davvero rinnovare la Chiesa e il mondo. Offrire la testimonianza della misericordia nel mondo di oggi è un compito a cui nessuno di noi può sottrarsi. Il mondo ha bisogno di perdono; troppe persone vivono rinchiuse nel rancore e covano odio, perché incapaci di perdono, rovinando la vita propria e altrui piuttosto che trovare la gioia della serenità e della pace". Lo ha detto il Papa pregando alla Porziuncola. E' il perdono - ha detto il Papa - "la strada maestra da seguire" per raggiungere un posto in Paradiso. "E' difficile perdonare, eh? Quanto ci costa perdonare". "Il perdono è una carezza, è tanto lontano dal gesto 'me la pagherai'. Il perdono è un'altra cosa", ha detto Francesco.

Ansa

Redazione
© Riproduzione riservata
05/08/2016 07:02:19


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Eventi

Porta del Foro: tutto pronto per la “Cena dellla Vittoria” >>>

In 300mila hanno sfilato a Milano per la parata del Pride >>>

Da ieri, Matera è ufficialmente capitale europea della cultura 2019 >>>

Festa 4 novembre, Mattarella: “L'Ue è la più alta espressione di amicizia e collaborazione” >>>

Marcia della Pace, il coordinatore: 'Candidiamo il modello Riace per il Nobel per la pace' >>>

Palio di Siena: il vescovo non benedice il 'cencio' >>>

Palio di Siena: vince la contrada del Drago >>>

Roma si tinge di arcobaleno per il Gay Pride. Critiche al neoministro Fontana >>>

Festa del 2 giugno, Mattarella: “I valori della Repubblica sono un pilastro per l’Ue” >>>

Le spoglie di San Giovanni XXIII tornano a Bergamo. Prima tappa: il carcere >>>