Notizie Locali Sanità

Banca del latte umano ad Arezzo: sei le mamme arruolate per la donazione

Tante hanno risposto all’appello del Reparto di Neonatologia e Terapia intensiva neonatale

Print Friendly and PDF

Sono 6 le nuove mamme donatrici di latte arruolate dalla Banca del Latte Umano Donato dell'Ospedale San Donato. Un mese fa l’appello lanciato dalla dr.ssa Letizia Magi, direttrice UOSD Neonatologia e Terapia Intensiva neonatale dell’Ospedale San Donato, aveva dato il via ad una gara di solidarietà che ha portato ad arruolare 6 neomamme che hanno iniziato a donare il proprio latte.
«Donare il latte è un grande gesto d'amore e di generosità – spiega la dr.ssa Letizia Magi -. Il latte di mamma può essere salvavita per alcuni neonati e per questo vogliamo ringraziare tutte le mamme che ci hanno contattato.  
In seguito all'appello lanciato lo scorso mese sulla carenza di latte umano per i prematuri, abbiamo assistito ad una vera mobilitazione da parte di tutta la cittadinanza».
«Il nostro messaggio – prosegue la dr.ssa Magi - si è diffuso attraverso i media e i vari canali social arrivando a sensibilizzare quasi tutte le province della Toscana e le Banche del latte Umano Donato hanno ricevuto moltissime chiamate da mamme che mettevano a disposizione il proprio latte per i piccoli prematuri. Grazie alle 6 nuove mamme arruolate nell’ultimo mese la Banca del Latte Umano Donato dell'Ospedale San Donato abbiamo potuto raccogliere quasi 4 litri di latte umano».

Negli ultimi 6 mesi, nell'Ospedale San Donato, sono nati quasi 50 neonati prematuri con età di gestazione inferiore a 36 settimane e gran parte di loro ha potuto usufruire del latte donato dalle mamme donatrici.

«Il latte donato non è mai abbastanza – aggiunge la Direttrice della Neonatologia - per questo vogliamo continuare a diffondere il nostro messaggio di sensibilizzazione e ricordare quali sono le caratteristiche richieste per poter donare. Ogni goccia di latte donato è prezioso».

È possibile donare il proprio latte entro i 6 mesi dal parto e per farlo è necessario contattare il reparto al numero 0575-254531 e prendere un appuntamento con le infermiere della neonatologia per un questionario sullo stile di vita e prelievo di sangue per le malattie infettive. Una volta che la mamma è stata arruolata come donatrice, perchè le sue caratteristiche lo permettono, le verranno dati dei biberon sterili dove poter conservare il latte tirato e congelato a domicilio. Successivamente il latte raccolto verrà ritirato con un servizio appositamente dedicato. Ogni donatrice è libera da obblighi o vincoli sulle quantità donate o sulla durata del rapporto di donazione.

«Voglio ringraziare tutti gli operatori del reparto che con amore e dedizione si occupano della Banca del Latte Umano Donato - conclude la dr.ssa Magi -. Un grazie particolare anche alle Mamme Peer dell'Associazione Latte di Mamma che da sempre supportano con la loro attività di volontariato la promozione dell'allattamento materno».

Redazione
© Riproduzione riservata
04/06/2024 12:25:21


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Sanità

Riabilitazione: da 25 anni la CRT del Valdarno al servizio della comunità della ASL Toscana Sud Est >>>

Valtiberina, lunedì 15 luglio punto informativo dell’Asl Tse per il servizio Pronto Badante >>>

All'ospedale San Donato di Arezzo aperto un ambulatorio vaccinale per i più fragili >>>

Ondata di caldo anomalo, i consigli per evitare comportamenti a rischio >>>

Valdarno, al via l’allestimento cantiere per le case di comunità e per l’ospedale di comunità >>>

Sara Casalini è la nuova direttrice dell’UOC Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale del Valdarno >>>

La Asl Toscana Sud Est vince il primo premio Protagoniste in Sanità 2024 >>>

Valtiberina, assistente familiare per persone non autosufficienti: come accedere ai contributi >>>

Prevenzione oncologica, i dati del 2023 raccontano una Toscana virtuosa >>>

Ricostruzione della vescica dopo l’asportazione: un corso all'urologia di Arezzo >>>