Notizie dal Mondo Cronaca

La Russia mobilita altri 300mila soldati. L'allarme dell'esercito ucraino: "Rischiamo crollo"

Il leader ucraino ha firmato una legge che abbassa a 25 anni l'età minima per essere arruolati

Print Friendly and PDF

''La Russia si sta preparando a mobilitare altri 300mila soldati entro il primo giugno'' da inviare in Ucraina, dice il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel corso di una conferenza stampa congiunta con il suo omologo finlandese Alexander Stubb a Kiev. ''Al momento non posso confermare quante persone sono mobilitate in Ucraina'', ha aggiunto Zelensky, secondo il quale ''non è necessario mobilitare 500mila persone'', come aveva proposto il suo ex capo di Stato Maggiore, il generale Valery Zaluzhny.

Kuleba: "Dateci missili Patriot"

"L'Ucraina è attualmente l'unico Paese al mondo che si difende dagli attacchi di missili balistici quasi ogni giorno.  
Ciò significa che tutte le batterie 'Patriot' disponibili nel mondo che possono essere fornite all'Ucraina devono essere consegnate al più presto. Non c'è posto più importante per loro". Lo scrive su X il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, che si trova a Bruxelles per partecipare alla ministeriale Nato. Kuleba sta avendo una serie di incontri bilaterali con le sue controparti, tra cui Polonia, Spagna e Danimarca. 

Kiev e la legge per aumentare i soldati

Intanto, però, lo stesso Zelensky sta lavorando per aumentare il numero di uomini pronti a scendere in campo per fronteggiare i militari russi. Nelle scorse ore, infatti, il leader ucraino ha firmato una legge che abbassa a 25 anni, dai precedenti 27, l'età minima per essere arruolati. Finora la legge in vigore proteggeva i giovani, con un occhio di riguardo per gli studenti, evitando che fossero mobilitati con la forza. Possibile invece già unirsi all'esercito volontariamente a partire dai 18 anni. Da quando è stata introdotta la legge marziale dopo l'aggressione russa, però, è stato vietato lasciare l'Ucraina per gli uomini di età compresa tra i 18 e i 60 anni.

Dove attaccherà la Russia

La macchina militare di Kiev si prepara ad una prevedibile spallata della Russia tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate. La Russia potrebbe sferrare l'attacco nella zona tra Kharkiv e Sumy a Nord o puntare verso Odessa a Sud. In ogni caso, il quadro per Kiev è estremamente precario a sentire alti ufficiali che hanno collaborato con il generale Valeri Zaluzhny, ex comandante delle forze armate recentemente sostituito dal generale Oleksandr Syrsky. In caso di attacco russo, esiste il rischio di un collasso delle prime linee ucraine. La Russia, dopo il forcing delle ultime settimane con droni e missili, potrebbe "bucare la prima linea e spezzarla in più punti", secondo gli ufficiali interpellati da Politico.

La difesa di Kiev rischia il crollo

"Non c'è nulla che possa aiutare l'Ucraina ora perché non esistono tecnologie serie in grado di sostenere l'Ucraina per la grande massa di truppe che la Russia probabilmente lancerà contro di noi. Non disponiamo di queste tecnologie e anche l'Occidente non le possiede in numero sufficiente". E' sbagliato, aggiungono le fonti, pensare che la strategia russa si limiti a utilizzare 'carne da cannone' per le offensive.

"Abbiamo usato missili Storm Shadow e SCALP per un breve periodo. I russi studiano e si aggiornano, non ci danno una seconda chance. Non bisogna credere alla narrazione secondo cui si limitano a mandare soldati all'assalto. Fanno anche quello, ovviamente, sfruttando l'impatto legato alle maggiori risorse a disposizione. Ma imparano e cambiano strategia". Nemmeno l'invio degli F-16 sarebbe risolutivo: "Ogni arma serve al momento opportuno. Gli F-16 erano necessari nel 2023, non andranno bene nel 2024. Negli ultimi mesi, abbiamo notato che la Russia hga lanciato missili dal nord della Crimea, ma senza testate esplosive. Non capivamo cosa facessero, poi ci siamo resi conto: stavano testando la gittata" in vista dell'arrivo di jet nemici.

La Polonia si prepara alla guerra?

Varasavia ha deciso di sospendere il Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa (FACE). Il Parlamento polacco ha votato a stragrande maggioranza. Così Varsavia esce dall'arccordo, in vigore dal 1990, che limita la dimensione delle forze militari nel Vecchio Continente. Ad aprire le danze la Russia lo scorso anno. Scelta che ha scetenato un effetto domino per i Paesi Nato. Le conseguenze? Chi non è più partecipe può superare i limiti alle dimensioni delle forze armate. Inoltre non dovrà riferire annualmente sul loro status. La Polonia, come molti altri firmatari, è tuttavia ben lontana dal raggiungere questi limiti, rendendo la sospensione del trattato in gran parte simbolica.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
03/04/2024 21:12:16


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Kate Middleton e gli effetti della chemioterapia: l'annuncio di Kensington Palace >>>

La Russia dà il via alle esercitazioni con "armi nucleari non strategiche" al confine con l’Ucraina >>>

Il procuratore del Tpi: mandato d'arresto per Netanyahu per "crimini di guerra e contro l'umanità" >>>

Trovato il relitto dell'elicottero di Ebrahim Raisi, presidente dell'Iran: tutti morti i passeggeri >>>

La Cina punta sui Dragoni dei mari: cosa possono fare i nuovi aerei anfibi >>>

Ok Usa a Kiev: potrà colpire in Russia. E Putin chiede a Xi nuove armi >>>

Bombe a guida laser e missili Maverick: scatta l'avvertimento alla Cina >>>

Il premier slovacco Fico "è tra la vita e la morte", ferito a colpi di pistola >>>

L’emergenza per l’influenza aviaria entra nel vivo, l’Oms: “Non consumate più questo tipo di latte” >>>

La Polonia si blinda sul confine orientale: Lukashenko fa sempre più paura >>>