Notizie dal Mondo Cronaca

Attacco a Mosca, la Russia ha le prove: "C'è Kiev dietro"

Mosca: "Citeremo in giudizio l'Ucraina per terrorismo"

Print Friendly and PDF

Gli investigatori russi hanno trovato prove della pista ucraina nei recenti atti di terrorismo in Russia, compreso l'attacco terroristico al Crocus City Hall dello scorso 22 marzo. Tenendo presente questo, Mosca ha chiesto a Kiev di arrestare ed estradare in Russia tutte le persone coinvolte, tra cui il capo degli 007 ucraino Vasyl Malyuk. La Russia ha fatto sapere di essere intenta a preparare anche la documentazione per citare in giudizio davanti a Corti internazionali il governo di Kiev, con l'accusa di coinvolgimento in atti di terrorismo sul suolo russo. La comunicazione ha detto la portavoce del ministero degli Esteri, Maria Zakharova, non riguarda l'attacco al Crocus City Hall, per il quale le indagini sono ancora in corso e che quindi sarà oggetto di una nota separata. Nella comunicazione a Kiev, che la Russia aveva già reso nota ieri, la Russia chiede, nel quadro delle convenzioni internazionali contro gli attentati terroristici e il finanziamento del terrorismo, l'arresto e l'estradizione di coloro accusati di essere coinvolti in atti "terroristici". Tra questi il capo dei servizi segreti ucraini (Sbu), Vasiily Malyuk, in seguito a un'intervista in cui ha fornito dettagli sull'attentato al Ponte di Crimea nell'ottobre del 2022 e uccisioni o ferimenti di blogger e personaggi russi sostenitori dell'intervento armato in Ucraina. "La Russia - ha affermato Zakharova - chiede al regime di Kiev di mettere fine immediatamente al sostegno ad ogni attività terroristica, di consegnare gli autori e risarcire i danni provocati alle vittime. Le violazioni dell'Ucraina dei suoi obblighi nell'ambito delle convenzioni anti-terrorismo comporteranno una sua responsabilità legale internazionale".

"Il sanguinoso attacco terroristico del 22 marzo al municipio Crocus di Mosca, che ha scioccato il mondo intero, non è il primo attacco terroristico contro il nostro Paese negli ultimi tempi. L'indagine condotta dalle agenzie competenti russe rivela la pista ucraina in questi crimini", afferma il Ministero degli Esteri russo che "ha presentato una richiesta alle autorità ucraine per l'arresto immediato e l'estradizione di tutti coloro che sono coinvolti in attacchi terroristici ai sensi della Convenzione internazionale per la repressione degli attentati terroristici e della Convenzione internazionale per la repressione del finanziamento del terrorismo ". "Tra loro - sottolinea il Ministero - c'è il capo della SBU Vasily Malyuk, che il 25 marzo ha riconosciuto che l'Ucraina aveva organizzato l'attacco al ponte di Crimea nell'ottobre 2022 e ha rivelato dettagli di altri attacchi terroristici in Russia".

La Russia chiede inoltre che l'Ucraina smetta immediatamente di sostenere il terrorismo, estradando i colpevoli e risarcendo le vittime degli attacchi. Secondo il ministero degli Esteri, la violazione delle convenzioni antiterrorismo comporterà la responsabilità di Kiev. "La lotta contro il terrorismo internazionale - sottolinea il ministero - è un dovere di ogni Stato. La Russia chiede che il regime di Kiev cessi immediatamente qualsiasi sostegno alle attività terroristiche, estradi i responsabili e risarcisca le vittime. La violazione da parte dell'Ucraina dei suoi obblighi ai sensi delle convenzioni antiterrorismo comporterà la sua responsabilità legale internazionale".

La replica degli 007 ucraini

Le dichiarazioni del ministero degli Esteri russo "suonano particolarmente ciniche mentre ricordiamo l'anniversario del massacro di Bucha e la liberazione della città", afferma, secondo quanto riferisce 'Ukrainska Pravda', l'Sbu, il Servizio di sicurezza dell'Ucraina replicando a Mosca. "Cercando di appellarsi alle norme del diritto internazionale, vale a dire la Convenzione sulla repressione del terrorismo, il ministero degli Affari Esteri della Federazione Russa dimentica che il presidente russo Vladimir Putin è stato ufficialmente inserito nella lista dei ricercati internazionali, in particolare, è atteso al Tribunale dell'Aia per quanto riguarda il caso del rapimento di bambini ucraini".

"Le dichiarazioni sul terrorismo - rilevano gli 007 ucraini - sono particolarmente ciniche da parte dello stesso paese terrorista in occasione dell'anniversario della liberazione di Bucha e delle atrocità commesse dai russi. Ricordiamo a ogni ucraino che faremo di tutto per garantire che il nemico riceva la giusta punizione". Pertanto, rileva l'Sbu, "qualsiasi parola del ministero degli Esteri russo è priva di valore. In effetti, la Federazione Russa può fare solo una dichiarazione degna di attenzione: annunciare la sua sconfitta nella guerra e il ritiro delle truppe di occupazione dalla terra ucraina".

Chi sono i terroristi e cosa dicono

Sono al momento 4 i presunti attentatori fermati all'indomani della strage. Portati davanti a un tribunale di Mosca, sono accusati di aver commesso un reato ai sensi della parte 3, disposizione 'b' dell'articolo 205 del Codice penale russo (atto terroristico), che secondo il Codice penale russo è punibile fino all'ergastolo. Tre si sono dichiarati colpevoli di tutte le accuse. Ecco chi sono.

Dalerdzhon Mirzoyev - Il 32enne è stato il primo imputato portato in tribunale. Mirzoyev, del Tagikistan, aveva una registrazione temporanea per tre mesi nella città di Novosibirsk, nel sud della Russia, in Siberia, ma è scaduta, secondo RIA Novosti.

Saidakrami Rachabalizoda - È comparso come secondo imputato e ha detto alla corte che aveva i documenti di registrazione russi ma non riusciva a ricordare dove fossero. Ha comunicato tramite un interprete Secondo quanto riferito, Rachabalizoda è nato nel 1994.

Shamsidin Fariduni - E' nato nel 1998 in Tagikistan ed è cittadino del paese dell'Asia centrale. Fariduni era ufficialmente impiegato in una fabbrica nella città russa di Podolsk ed era registrato nella città di Krasnogorsk.

Muhammadsober Faizov - Il quarto imputato sembrava non rispondere su una sedia a rotelle ed è stato accompagnato da un medico in tribunale, come si vede nel video del Tribunale della città di Mosca condiviso su Telegram. Faizov era temporaneamente disoccupato, prima lavorava in un negozio di barbiere a Ivanovo, una città a nord-est di Mosca, ed è registrato in quella città. Secondo quanto riferito, è nato nel 2004.

Putin firma decreto leva, arruolamento per 150mila

Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato il decreto sulla leva primaverile per il servizio militare in Russia. Il documento, pubblicato sul portale ufficiale, a quanto riferisce la Tass, prevede l'arruolamento "dei cittadini russi di età compresa tra i 18 e i 30 anni, non in riserva e idonei alla coscrizione, tra il 1° aprile e il 15 luglio 2024, per un numero di 150.000 persone". Il decreto prevede anche il congedo di soldati, marinai, sergenti e sottufficiali il cui periodo di leva è scaduto.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
01/04/2024 13:02:12


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Kate Middleton e gli effetti della chemioterapia: l'annuncio di Kensington Palace >>>

La Russia dà il via alle esercitazioni con "armi nucleari non strategiche" al confine con l’Ucraina >>>

Il procuratore del Tpi: mandato d'arresto per Netanyahu per "crimini di guerra e contro l'umanità" >>>

Trovato il relitto dell'elicottero di Ebrahim Raisi, presidente dell'Iran: tutti morti i passeggeri >>>

La Cina punta sui Dragoni dei mari: cosa possono fare i nuovi aerei anfibi >>>

Ok Usa a Kiev: potrà colpire in Russia. E Putin chiede a Xi nuove armi >>>

Bombe a guida laser e missili Maverick: scatta l'avvertimento alla Cina >>>

Il premier slovacco Fico "è tra la vita e la morte", ferito a colpi di pistola >>>

L’emergenza per l’influenza aviaria entra nel vivo, l’Oms: “Non consumate più questo tipo di latte” >>>

La Polonia si blinda sul confine orientale: Lukashenko fa sempre più paura >>>