Notizie dal Mondo Altre notizie

Eccezionale scoperta in Amazzonia: 15 siti sconosciuti sotto la foresta pluviale

Le strutture sarebbero state realizzate circa 2500 anni fa

Print Friendly and PDF

L’ostinata passione di alcuni ricercatori e le nuove tecnologie hanno consentito di fare una scoperta archeologica rivoluzionaria, di grande importanza, nella foresta Amazzonica. Dopo vent’anni di ricerche e un’accurata mappatura Lidar del terreno sono stati individuati, sotto il folto manto verde, una serie di insediamenti precolombiani sconosciuti con i relativi collegamenti stradali.

La tecnologia Lidar

Ma cos'è la tecnologia Lidar? L’acronimo LiDAR (Light Detection And Ranging) è riferito ad una tecnologia che  misura la distanza da un oggetto illuminandolo con una luce laser e, al contempo, consente di trarre informazioni tridimensionali ad alta risoluzione sull’ambiente circostante. In questo caso gli impulsi laser a infrarossi hanno consentito, insomma, di mappare le strutture celate sotto l’intricata vegetazione della foresta.  I risultati di questa scoperta sono stati pubblicati a gennaio di quest'anno da Science.

Le strutture scoperte

Le strutture rilevate sarebbero state realizzate circa 2500 anni fa dalle culture  Kilamope e Upano a est delle Ande, nell’attuale Ecuador. Si tratta - si legge sulla rivista scientifica - di centri urbani molto estesi e simili a quelli attribuiti ai Maya nell’America centrale. Questo ritrovamento rappresenterebbe il primo e più significativo esempio del genere in Sud America.

L'eccezionale scoperta – fanno notare gli autori dello studio – è "un altro vivido esempio della sottovalutazione del duplice patrimonio dell’Amazzonia: ambientale ma anche culturale, e quindi indigeno”. Un motivo in più per “rivedere a fondo i nostri preconcetti sul mondo amazzonico e, così facendo, reinterpretare contesti e concetti alla luce necessaria di una scienza inclusiva e partecipativa”.

L’indagine – come ha spiegato Stéphen Rostain, archeologo e direttore di ricerca presso il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS) e principale artefice dello studio -  ha riguardato 300 chilometri quadrati di foresta pluviale consentendo di individuare circa 6mila piattaforme di terra regolari, piazze, strade e sentieri di collegamento, tumuli, oltre a ambienti agricoli e canali. Complessivamente sono stati registrati 15 siti di svariate dimensioni. A destare la maggior meraviglia sono state però le complesse e incredibili reti stradali realizzate per collegare gli insediamenti urbani e le zone vicine.  

Gli archeologici ritengono, sulla base degli scavi effettuati, che tali centri siano stati realizzati e abitati dalle culture Kilamope e Upano tra il 500 a.C. circa e il 300-600 d.C. In seguito, dopo un periodo di abbandono da parte di queste società agricole, alcuni insediamenti furono occupati dalla cultura Huapula.

 

 

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
31/03/2024 08:04:07


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altre notizie

La Colombia fa sul serio con la Spagna: vuole indietro un favoloso tesoro precolombiano >>>

Record per un quadro di Monet: cifra da brividi >>>

Schumacher: all'asta gli orologi di lusso. Valgono 3,76 milioni di euro >>>

Meghan Markle: "Sono nigeriana al 43%" >>>

"Il caffé sta finendo": coltivazione insostenibile, terreni distrutti, in arrivo quello sintetico >>>

Allo studio un nuovo prototipo di minitaxi aereo elettrico che può trasportare fino a 4 persone >>>

In Giappone mancano le donne, crollo delle nascite e il 40% dei comuni a rischio >>>

Pugno duro degli Stati Uniti contro TikTok >>>

Giro di vite dell'Europa sui siti per gli adulti: cosa cambia con le nuove regole >>>

Radiazioni nucleari in Norvegia: di cosa si tratta e quali sono i rischi >>>