Notizie dal Mondo Cronaca

Un pugno al cuore: Navalny ucciso con la tecnica killer degli agenti dell'ex Kgb

Era il principale avversario politico di Putin ed è morto il 16 febbraio in un carcere nell'Artico

Print Friendly and PDF

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è stato ucciso con un pugno al cuore, una tecnica degli agenti delle forze speciali dell'ex Kgb, dopo essere stato esposto a condizioni di congelamento per diverse ore. Lo scrive il Times citando Vladimir Osechkin, fondatore del gruppo per i diritti umani Gulagu.net  Secondo Osechkin, che ha citato una fonte che lavora nella colonia penale artica dove Navalny è morto venerdì, i lividi trovati sul corpo dell'oppositore sono compatibili con la tecnica del "pugno unico". Prima della sua morte, Navalny, 47 anni, era stato costretto a trascorrere più di due ore e mezza all'aperto in uno spazio di isolamento all'aperto dove la temperatura poteva scendere fino a -27 gradi, ha detto Osechkin. Di norma i detenuti non vengono tenuti all'aperto per più di un'ora.

Portavoce Navalny: arrestato prete che voleva fare funerale

"Ricordi il prete che voleva tenere una cerimonia commemorativa per Aleksey (Navalny)? Prima lo hanno arrestato, gli hanno fatto venire un colpo e ora le forze di sicurezza sono andate a casa sua", lo scrive Kira Yarmysh, la portavoce di Navalny, su X. "Ma a Pasqua (il presidente russo Vladimir) Putin sarà in chiesa con un’espressione addolorata con una candela: è un cristiano così devoto e quindi onora la legge di Dio", ha detto Yarmysh con evidente sarcasmo.

La madre fa causa a Mosca

Un tribunale dell'estremo nord russo esaminerà il mese prossimo una denuncia presentata dalla madre dell'ex opposizione Alexei Navalny, alla quale viene impedito di vedere il corpo del figlio: lo hanno reso noto i suoi collaboratori. Lyudmila Navalnaya si è recata nella remota prigione IK-3 dove suo figlio è morto, ma da sabato, quando è arrivata, le è stato impedito di vedere la salma. Secondo l'agenzia di stampa Tass, la corte ha ricevuto una denuncia per "atti illegali" e l'udienza si svolgerà a porte chiuse.

L'udienza il 4 marzo

Il tribunale della città artica di Salekhard esaminerà il caso il 4 marzo, riferiscono i collaboratori. Il responsabile della fondazione anti-corruzione di Navalny, Ivan Zhdanov, aveva fatto sapere che Lyudmila Navalnaya aveva presentato la denuncia accusando il Comitato investigativo russo di inazione nel consegnare la salma del dissidente. Navalny era il principale avversario politico di Putin ed è morto il 16 febbraio in un carcere nell'Artico dove era rinchiuso per motivi politici e dopo aver denunciato per tre anni di essere vittima di gravi soprusi dietro le sbarre.

Notizia tratta da tiscali.it
© Riproduzione riservata
21/02/2024 17:50:04


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Il patto fra Israele e Stati Uniti per l’attacco all’Iran e le probabili date >>>

Gli Usa spostano il sistema Typhon vicino alla Cina: cosa vuol dire e cosa può succedere >>>

Israele: "Reagiremo all'Iran". Teheran avverte: "Pronti ad usare un'arma mai utilizzata" >>>

Il Pianeta è sempre più inquinato: ma di chi è la vera colpa? Ecco le 57 aziende più "cattive" >>>

Fiumi di "ice" e "yaba": ecco l'epicentro mondiale delle metanfetamine >>>

L'Iran attacca Israele con droni e missili. Teheran all'Onu: "Missione conclusa" >>>

Attacco in un centro commerciale di Sydney: 7 morti. Polizia: "Non è terrorismo" >>>

Nuovo missile "Mako" per i caccia Usa: cosa può fare il muovo sistema ipersonico >>>

Il trucco "ucraino" di Kim: cosa succede alle armi nordcoreane >>>

La Francia avverte Netanyahu: "Conseguenze se Israele attacca Rafah" >>>