Notizie dal Mondo Cronaca

Casa automobilistica deve risarcire l’acquirente se un impianto sulle emissioni è manipolato

I giudici di Lussemburgo sono stati chiamati a pronunciarsi su una causa intentata in Germania

Print Friendly and PDF

Gas di scarico fuori legge? Paga il costruttore, non il conducente. La Corte di giustizia dell’Ue, con sentenza, contribuisce a fare chiarezza e diritto. Le case automobilistiche sono sempre responsabili per il prodotto messo in vendita, e in caso di danno derivante da prodotto non a norma scatta il risarcimento nei confronti del proprietario della quattro ruote. 

I giudici di Lussemburgo sono stati chiamati a pronunciarsi su una causa intentata in Germania da un cittadino tedesco contro Mercedes-Benz. Il motivo è un modello messo in vendita ed equipaggiato con un impianto di manipolazione dei dati relativi alle emissioni di ossidi di azoto (NOx). In sostanza è risultato che il mezzo fosse più inquinante di quanto ufficialmente dichiarato. Una pratica non solo commercialmente sleale, ma contraria alle normative europee, per cui è imputabile il costruttore poiché il regolamento del 2007 in materia di omologazioni stabilisce «un collegamento diretto tra il costruttore di automobili e il singolo acquirente di un veicolo a motore volto a garantire a quest'ultimo che il veicolo sia conforme alla normativa pertinente dell'Unione». Se il proprietario dell’auto si trova in situazione di irregolarità in sostanza non ha né dolo né colpa, imputabili ai produttori.

La Corte dell’Ue, nell’esprimersi, stabilisce però due cose. La prima è che il risarcimento non è automatico, ma scatta solo «qualora detto impianto abbia causato un danno a tale acquirente». In secondo luogo, spetta alle competenti autorità nazionali fare chiarezza. In particolare spetta al sistema di giustizia degli Stati «svolgere le valutazioni di fatto necessarie» per stabilire se il software di programmazione in dotazione sull'automobile messa in commercio debba essere qualificato come impianto di manipolazione oppure no, ed esprimersi sulle eventuali deroghe che pure riconoscono il diritto comunitario e, soprattutto, giurisprudenza. 

A luglio scorso la Corte di giustizia dell’Unione europea, pronunciandosi in una causa contro Volkswagen e Porsche sempre per lo stesso motivo, programmi di manipolazione dei dati di gas di scarico, ha stabilito che «si potrebbe» procedere a deroghe qualora si dimostrasse la necessità per ragioni «strettamente all’esigenza di scongiurare i rischi immediati di danni o avarie al motore». Verifiche anche in questo caso di competenza di autorità e giudici nazionali. Ad ogni modo si ribadisce una volta di più il diritto del consumatore. Per pratiche commerciali e industriali non a norma che producono danno a chi compra, risponde la casa automobilistica.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
21/03/2023 20:02:58


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Elon Musk accusato di molestie sessuali. Le proposte indecenti alle dipendenti di SpaceX >>>

Venti balene pilota spiaggiate: la corsa per salvarle, ma alcune non ce la fanno >>>

Israele nella black list. E Netanyahu: "Onu nella lista nera della storia" >>>

Putin: "L'Occidente ci porta problemi molto seri. In Italia non c'è una russofobia" >>>

L'allarme della Germania: "Putin non si fermerà all'Ucraina, prepariamoci alla guerra" >>>

Il punto debole della Nato in caso di guerra: ecco l'isola nel mirino della Russia >>>

Massiccio attacco aereo russo: colpita base per gli F16. Kiev >>>

Biden: "Israele disposto a ritirare le truppe per sei settimane. Questa guerra deve finire" >>>

"Colpevole". Trump condannato per i soldi alla pornostar Stormy Daniels >>>

Israele-Hamas, si media per il cessate il fuoco. Usa: nuova proposta ha il sostegno di Tel Aviv >>>