Notizie Locali Attualità

Terminato il restauro delle due Olivetti P101 del Liceo Città di Piero di Sansepolcro

L'operazione è stata promossa dall'Associazione Cultura della Pace

Print Friendly and PDF

L’Associazione Cultura della Pace, in collaborazione con l’Istituto d’istruzione Superiore “Liceo Città di Piero”, il Circolo ACLI “Adriano Olivetti” di Sansepolcro e la Fondazione Progetto Valtiberina, comunica, con particolare soddisfazione, che, dopo un anno di lavoro, sono state restaurate, dalla Fondazione Natale Capellaro di Ivrea (To), le due Olivetti P101, di proprietà della scuola. Una di queste è stata riconsegnata all’ITE “Fra’ Luca Pacioli” dove sarà esposta in modo permanente e che sarà presentata, durante una cerimonia di inaugurazione, nel mese di Ottobre, in data da destinarsi.

La Olivetti P101 è il primo computer da tavolo della storia dell’informatica, un calcolatore che ha permesso all’Uomo di andare sulla Luna, essendo al centro del programma “Apollo 11” della Nasa. La Olivetti P101 venne utilizzata come strumento di calcolo nella preparazione delle varie fasi del viaggio, dalla compilazione delle mappe lunari alla scelta della località di allunaggio. La NASA, infatti, acquistò quaranta esemplari che furono decisivi per il successo dell’operazione.

Ad oggi esistono al mondo solo pochi esemplari funzionanti. Siamo orgogliosi di possederne due e di poterle mettere in mostra, una a Sansepolcro e l’altra a Ivrea (To).

Le due Olivetti P101 sono state restaurate a titolo gratuito dai tecnici della Fondazione Natale Capellaro e, in particolare, da Gastone Garziera, Giampietro Zanini e Sergio Perotti, collaboratori degli ingegneri Pier Giorgio Perotto e Giovanni De Sandre che, quindici anni prima di Steve Jobs e Bill Gates, riuscirono, sotto l’impulso di Adriano prima e di Roberto Olivetti poi, a creare il primo personal computer da tavolo, su disegno dell’architetto Mario Bellini. La P101 è stata riconsegnata alla scuola dal Vicepresidente della Fondazione Capellaro, Andrea Tendola alla presenza di Sergio Perotti, Giampietro Zanini e Marta Vescovo (nella foto con Leonardo Magnani).

La collaborazione con l’Associazione Cultura della Pace, il Circolo ACLI “Adriano Olivetti” e la Fondazione Progetto Valtiberina, permette alla scuola “Liceo Città di Piero” di aprirsi al territorio e di far conoscere una storia di eccellenza tutta italiana, che dona agli studenti e ai cittadini la possibilità di allargare i propri orizzonti e di riscoprire le finalità di un’economia e di una tecnica a favore dell’Uomo e del sociale, elementi per la costruzione di un’efficace cultura della pace.

Redazione
© Riproduzione riservata
16/08/2022 17:14:07


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Visita alla Guardia di Finanza di Arezzo del comandante regionale >>>

Il Papa ad Assisi per per l'atto conclusivo di The Economy of Francesco >>>

Fungo gigante trovato nei boschi dell'Altotevere umbro-toscano >>>

"Disposti a rientrare nella Fondazione Piero della Francesca davanti ad un progetto di sviluppo" >>>

Superato con oltre tre mesi di anticipo il record storico di traffico all’aeroporto di Perugia >>>

La Toscana dei grandi numeri con il turismo: +17,6 per cento di presenze >>>

Domenica 27 novembre l'ingresso ufficiale del Vescovo Andrea Migliavacca nella Diocesi Aretina >>>

The End per la piscina di San Giustino: troppo alte le spese per il gas e l'energia elettrica >>>

Sandy Brown sul Cammino di Francesco: tappa dopo tappa nel suo nuovo libro >>>

Sansepolcro, iniziati dopo anni i lavori all'istituto professionale "Buitoni" >>>