Opinionisti Alessandro Ruzzi

Belladonna e le regolarizzazioni: vado in crisi

Forse è giusto concedere permessi temporanei

Print Friendly and PDF

La proposta del ministro dell'agricoltura di concedere permessi temporanei agli extracomunitari presenti in Italia affinché possano, con uno straccio di legittimità, lavorare nei settori in cui la manodopera italiana è latitante mi mette in crisi.

Manca sicuramente una normativa applicabile per scacciare dal nostro paese coloro che vengono o finiscono per delinquere. E troppo spesso si tende a confondere questa indegna categoria con quella molto più ampia di chi viene in Italia a trovare una prospettiva di vita migliore.

Perché è la stessa motivazione che ha spinto milioni di italiani a emigrare verso paesi che non li accoglievano, semplicemente li tolleravano.

Ma temo che lasciando queste persone in un limbo legislativo e in attesa di una regolarizzazione consapevolmente si spingono verso lo sfruttamento dove le organizzazioni criminali imperano.

E siccome le organizzazioni criminali e i loro galoppini mi stanno sul cazzo più dei migranti, allora è giusto sottrarre alla loro influenza le tante persone che svolgono funzioni e lavori umili e sottopagati. Questo non è indegno, è solo il risultato della insufficiente conoscenza e preparazione di queste persone che non possono far altro che il bracciante agricolo, la badante, le pulizie. Però ci sta bene che lo facciano, altrimenti non ci sarebbe nessuno a farlo, nessuno si prenderebbe cura dei nostri anziani.

E sono d'accordo che c'è chi nell'accoglienza si arricchisce a spese nostre e dei migranti. E nessuno dei due gruppi ne trae beneficio.

La regolarizzazione temporanea potrebbe permettere anche in questo periodo alcuni benefici: di carattere sanitario perché non possiamo permetterci di avere masse importanti che hanno ben altre preoccupazioni, gente che non gliene frega niente di prendere una multa; di beneficio all'economia statale, queste persone pagando anche un modesto importo di tasse aiuterebbero il nostro bilancio; di beneficio all'economia del paese, i produttori agricoli devono poter raccogliere i prodotti che noi dobbiamo poter acquistare ad un prezzo ragionevole.

Enorme sciocchezza la abolizione dei voucher.

Vedere persone trattate come schiavi, sottoposte a ricatti, pagate cifre irrisorie non viene a nostro beneficio, credo che non paghiamo i prodotti agricoli in base a quanto poco costa la manodopera che li raccoglie, li paghiamo per come la criminalità e i giganti del settore decidono.

Chissà quando quelli che prendono a male parole tutti i migranti comprenderanno che fanno il gioco dei criminali.

Ma contemporaneamente dobbiamo buttare fuori dal nostro paese tutti coloro che hanno cercato e trovato solo la via facile, quella della delinquenza prestandosi a fare gli spacciatori o i ladruncoli: per questo occorre una normativa nuova e un'applicazione della stessa.

Chiaramente senza le impostazioni ideologiche che troviamo in alcuni settori (sanità, giustizia, istruzione) nei quali un partito a partire dal dopoguerra ha introdotto quella visione pseudo comunista che ci ha portato ad avere il "tutti i dottori sono uguali", a concedere gli arresti domiciliari ad un settantenne a prescindere la sua pericolosità quando un uomo di quell'età secondo il ministero del lavoro è appena andato in pensione, il 18 politico che ha inondato scuole e uffici di persone impreparate. Problemi che molti contestano, che hanno portato il paese a disconoscere il merito in favore dell'appiattimento, a uffici pubblici poco efficienti, ad una gioventù che  in grande parte non ha stimoli e obiettivi.

È vero che esistono tanti italiani poveri e ancora più ne incontreremo nei prossimi mesi, ma taluni non vogliono essere aiutati; non posso pensare di aiutare chi non vuole essere aiutato, mentre molti migranti in Italia si fanno un culo che merita rispetto, sperano di far crescere qui i loro figli, che anche in pochezza di mezzi godono di un sistema civile e di un livello dei servizi che nei loro paesi d'origine è destinato solo ai ricchissimi.

È comunque buona parte del problema sta negli italiani razzisti e vi assicuro che esistono, i racconti di quello che accade alla mia badante -italiana ma mulatta- sono imbarazzanti. Partiamo da qui.

Alessandro Ruzzi
© Riproduzione riservata
10/05/2020 20:40:58

Alessandro Ruzzi

Aretino doc, ha conseguito tre lauree universitarie in ambito economico-aziendale, con esperienza in decine di Paesi del mondo. Consulente direzionale e perito del Tribunale, attento osservatore del territorio aretino, ha cessato l'attività per motivi di salute, dedicandosi alla scrittura e lavorando gratuitamente per alcune testate giornalistiche nelle vesti di opinionista. alessandroruzzi@saturnonotizie.it


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Alessandro Ruzzi

Tre siluri al sindaco Ghinelli ed al suo “sistema” >>>

I problemi di Italia, quelli di Arezzo >>>

Le tensioni politiche e dei cittadini >>>

Belladonna e le regolarizzazioni: vado in crisi >>>

Ardateci quelli de prima, io lai! >>>

Salute o lavoro? >>>

L'uscita a gamba tesa del vescovo Fontana >>>

Il tenente Drogo affila la baionetta >>>

Dinanzi all'eterno riposo recitato in tv >>>

Sulla pelle degli italiani >>>