Notizie dal Mondo Cronaca

Doping, la Russia esclusa per quattro anni dalle Olimpiadi

Decisione dura della Wada ma resta il diritto dei singoli a partecipare ai Giochi

Print Friendly and PDF

A un passo dalla severità più estrema la Wada (organizzazione mondiale antidoping) vota all’unanimità per quattro anni di squalifica della Russia. La decisione non è una sorpresa, era attesa dopo che tutte le commissioni avevano dato parere in questo senso ma resta la più dura mai adottata. E sarebbero quattro anni senza partecipare a competizioni mondiali di qualsiasi sport e senza poterne ospitare, ma i canoni del bando sono tutti da capire perché nella richiesta resta salvo il diritto dei singoli di smarcarsi dal sistema doping da cui la cui Russia non riesce ad uscire.

Si accusa, di nuovo e con prove più evidenti, una intera nazione di non stare al gioco: di mettere in piedi una catena di sotterfugi, di promuovere una cultura malsana che incoraggia a barare pur di vincere. Il laboratorio antidoping russo era stato riabilitato dopo una prima sospensione con la promessa di fornire alla Wada i dati raccolti, di farlo a lungo termine. Non hanno rispettato le scadenze e quando sono stati obbligati a fornire il materiale la Wada ha trovato in quelle analisi tracce di ulteriore manipolazioni.

La Russia sostiene che ci sia un pregiudizio contro di loro. Dicono di essersi adattati a tutti i controlli, ribadiscono di aver rimosso ogni dirigente sospettato e di essere pronti a vietare le gare a qualsiasi atleta di cui venga provata la cattiva condotta, ma rifiutano di ritenersi collettivamente responsabili.

A differenza di quanto successo nel 2016, il Cio, Comitato olimpico internazionale, deve rispettare la decisione della Wada, ma loro per primi sono scettici di fronte all’idea di proibire l’acceso a tutti i russi: “Si punirebbero gi atleti puliti”.

La Russia non potrà partecipare come stato ai Giochi del 2020 di Tokyo, né a quelli invernali del 2022 a Pechino e neppure a Parigi 2024, non potrà partecipare come squadra e quindi la nazionale di calcio non potrà sostenere le qualificazioni ai Mondiali del 2022 in Qatar. Hanno 21 giorni per presentare l’appello al Tribunale dello sport e prima di allora si saprà con quali credenziali i singoli saranno ammessi alle competizioni senza bandiera e senza inno. Nel 2018, la Russia squalificata ha portato 168 atleti ai Giochi di PyeongChang sotto la sigla Oar (Olympic Athletes from Russia).

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
09/12/2019 14:21:32


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Coronavirus, a Wuhan sbarrate le strade per evitare l’esodo >>>

Morte di Kobe Bryant, l’elicottero viaggiava a 300 chilometri orari >>>

Virus cinese, i ricercatori: “Il primo caso non è partito dal mercato di Wuhan” >>>

Kobe Bryant, leggenda del basket Nba, morto in un incidente di elicottero >>>

In Germania chiude il laboratorio che ha condotto test crudeli sugli animali >>>

Salvati 301 migranti su imbarcazioni alla deriva davanti alla Libia >>>

Forte terremoto ieri sera in Turchia: 19 morti e 922 feriti >>>

Il coronavirus arriva in Europa: tre casi in Francia >>>

Usa, potente esplosione in una fabbrica a Houston >>>

Ciclista trova un cane solo e disidratato, lo salva caricandoselo in spalla >>>