Notizie Nazionali Politica

Superbonus, Giorgetti: "Come nel Vajont, la valanga era già partita"

Il governo sul Superbonus cerca di arginare gli effetti deleteri del provvedimento grillino

Print Friendly and PDF

Una valanga che ha prodotto disastri. Il ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti, ha usato un'immagine forte ma efficace per descrivere gli effetti del Superbonus 110%. Una slavina partita ben prima che si insediasse il governo Meloni. Ma ora si cambia. Dopo i dissesti provocati dal provvedimento nella sua versione grillina, l'esecutivo ha dettato una nuova linea: spalmare i crediti derivati da lavori di Superbonus dieci anni sarà un obbligo. Lo ha indicato stamani lo stesso capo del Tesoro, dopo aver partecipato ai lavori della commissione finanze del Senato, proprio sul decreto Superbonus. Arriva inoltre una stretta su nuove deroghe al blocco delle cessioni, proposte dai parlamentari con gli emendamenti al decreto 39/2024 in conversione a Palazzo Madama.

A chi gli chiedeva della possibilità di spalmare i crediti su dieci anni anziché su quattro o cinque, Giorgetti ha risposto chiaramente: "Non sarà una possibilità ma un obbligo". Poi le ulteriori considerazioni su un provvedimento che lo stesso esponente di governo aveva già in passato stigmatizzato per i suoi effetti. L'idea di uno stop anticipato al Superbonus, ipotizzata da Banca d'Italia in una memoria depositata al Senato, "sarebbe stata gradita se fosse stata avanzata nel 2022 o nel 2023, mentre arriva nel 2024 quando il Governo sta esattamente procedendo a fare questo", ha commentato il capo del Tesoro. Quindi, le ulteriori valutazioni sugli impatti del provvedimento grillino, con una spesa innescata dal 110% in crescita. "Noi siamo arrivati al Governo nell'ottobre 2022 quando la valanga era già partita e abbiamo fatto quello che potevamo fare"

E ancora, rispondendo sull'argomento, ha usato una metafora eloquente: "Ha presente il Vajont, quando c'è stata la valanga, era partita poi quando è arrivata giù ha prodotto dei disastri. Quando noi siamo arrivati al governo, era l'ottobre 2022 ci hanno avvisato che stava arrivando la valanga e abbiamo fatto quello che si poteva, ma purtroppo era già partita". Giorgetti ha infine garantito che non ci sarà spazio per nuove deroghe sul Superbonus nel decreto all'esame del Senato. Parlando con i cronisti al termine dell'intervento in commissione Finanze, il ministro ha messo in chiaro: "Il governo si assume la responsabilità di presentare il suo emendamento.

Gli emendamenti parlamentari come avvenuto in passato, di ampliamento delle deroghe non saranno presi in considerazione".

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
08/05/2024 20:19:58


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

Ma quanto guadagna un europarlamentare? Stipendio, indennità, benefit e pensione >>>

Europee 2024, ecco tutti i 76 italiani eletti al Parlamento Ue >>>

Da Sgarbi a Renzi, Calenda e Santoro: ecco la lunga lista dei non eletti eccellenti >>>

Meloni e il magic moment: più forte in Europa e anche in Italia >>>

L'8 e il 9 giugno si vota per il Parlamento Europeo >>>

Salvini: "Rispetto Mattarella ma non Macron" >>>

Meloni: "L'Italia in Ue da protagonista" >>>

Mattarella nomina Marina Berlusconi Cavaliere del lavoro >>>

La premier saluta De Luca: "Sono quella stronza della Meloni" >>>

Stretta autovelox, solo segnalati e addio sotto 50 km/h, arriva il decreto >>>