Notizie Nazionali Cronaca

Caro bollette: chiude l'unico supermarket di San Giorgio di Cesena

Lascia 4mila persone senza spesa: costi di gestione insostenibili

Print Friendly and PDF

Seimila euro al mese solo per la bolletta per l'elettricità. Poi, vanno aggiunte tutte le altre utenze e le spese per i costi di gestione. Troppo per un piccolo supermercato di paese che si arrende: chiude, lasciando a casa anche due commesse, pur essendo l'unico di una zona che serve oltre 4mila persone. Accade in Romagna, a San Giorgio, frazione di Cesena, dove da domani per i residenti non sarà un problema da poco fare la spesa di tutti i giorni. La causa principale della chiusura dell'attività economica, spiega senza mezzi termini la proprietà, è il proprio caro bollette. Quei seimila euro al mese non sono più sostenibili. In pratica già da tempo il punto vendita apriva ogni mattina con un grosso passivo che è poi cresciuto di ora in ora e che non è stato compensato dagli incassi. Da qui la decisione, sofferta ma inevitabile spiegano i proprietari, dato che i conti erano in passivo da tempo, di abbassare definitivamente la saracinesca. Restano oltre tutto senza lavoro le due commesse del punto vendita. E questo significa che due famiglie perdono uno stipendio.

E grossi problemi ci saranno per chi deve trovare un altro negozio in cui rifornirsi del necessario: San Giorgio ha circa duemila residenti, ma con gli abitati limitrofi si arriva a oltre quattromila persone. Una popolazione tra l'altro mediamente anziana, per cui molti non hanno la possibilità di spostarsi autonomamente. Se non ci saranno soluzioni, solo l'aiuto dei familiari e dei vicini automuniti permetterà di riempire la borsa della spesa. Quello di Cesena non è un caso isolato. Qualche settimana fa anche un altro negozio di generi alimentari ha lanciato l'SOS per il rischio chiusura a Longastrino, paese tra i Comuni di Alfonsine (Ravenna) e Argenta (Ferrara), unico punto vendita di generi alimentari della zona. Una frazione di duemila abitanti che dovrà arrangiarsi – e spostarsi di chilometri – per comprare latte, pane e pasta. In altre zone d'Italia pure altri piccoli esercenti hanno alzato bandiera bianca, da pasticcerie a panifici. Il caro bollette per loro è insostenibile.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
29/09/2022 20:04:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

'Mazzette dal Qatar al Parlamento europeo', quattro italiani fermati >>>

Seregno, sotto l'effetto della droga lancia il suo cane dal tetto >>>

Michele Merlo, rubati i regali dalla tomba >>>

Camorra, arrestati i vertici del clan Mazzarella: fermati Michele e Ciro e Salvatore Barile >>>

Violenza sessuale di gruppo, Manolo Portanova condannato a 6 anni >>>

Frana di Ischia, trovato il corpo dell’ultima persona >>>

“Declassate perché lesbiche”. I giudici condannano il sindaco >>>

Chiesto l’ergastolo per gli anarchici della Fai, Cospito e Beniamino >>>

Maremoto a Stromboli, due frane causano onde tsunami di oltre un metro e mezzo >>>

La Chiesa allenta le misure anti-Covid, tornano le acquasantiere e il segno di pace >>>