Notizie Nazionali Cronaca

Willy Duarte, il legale della madre: "Attendiamo la sentenza con serenità"

Secondo il legale "gli elementi raccolti su questa tragica vicenda sono univoci"

Print Friendly and PDF

"Attendiamo con serenità questa sentenza, così come abbiamo affrontato l'intero processo. Gli elementi raccolti su questa tragica vicenda sono a mio avviso univoci". Lo afferma l'avvocato Domenico Marzi, legale della madre e della sorella di Willy Monteiro Duarte, il giovane massacrato di botte nel settembre 2020 a Colleferro (Roma), in vista della sentenza di primo grado attesa per lunedì dai giudici della Corte d'Assise di Frosinone. Per i fratelli Marco e Gabriele Bianchi il pm ha chiesto l'ergastolo, per gli altri due imputati, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, 24 anni.

Il pm ha chiesto l'ergastolo - Un pestaggio dettato da un "impulso violento" messo in atto da mani esperte, quelle dei fratelli Gabriele e Marco Bianchi. Sulla tragica fine di Willy Monteiro Duarte lunedì è dunque attesa la sentenza di primo grado. A Frosinone i giudici della Corte d'Assise sono chiamati a decidere sui due ergastoli sollecitati dall'accusa per i fratelli di Artena a cui viene contestato l'omicidio volontario così come per gli altri due del branco, Francesco Belleggia e Mario Pincarelli per i quali è stata chiesta una condanna a 24 anni.

L'aggressione a Willy - Il 21enne Willy venne aggredito a morte la notte del 6 settembre del 2020 davanti a un locale di Colleferro, centro in provincia di Roma. Un blitz violento e mortale senza alcun motivo. "Un'azione del tutto spropositata" e "aggressiva con esiti letali", come hanno scritto i pm di Velletri nelle repliche trasmesse nei giorni scorsi alle parti. Secondo l'impianto accusatorio "appare evidente, come non vi fosse alcun elemento per giustificare una condotta di quel tipo" e messa in atto "utilizzando" una banale discussione nata fuori a un locale.

L'Impulso "violento" dei fratelli Bianchi - Quella notte i fratelli Bianchi hanno dato "sfogo al loro impulso violento, approcciandosi alla folla - scrivono i pm - con il solo intento di ledere e non recedendo dal proprio proposito criminoso nonostante i tentativi" di alcuni presenti "di spiegare come non vi fosse assolutamente la necessità di adoperare violenza". Per l'accusa, di fatto, non esiste un movente per quanto accaduto a Willy. Un quadro di violenza "così banale che si può definire come 'non movente'", afferma l'accusa.

"Nel posto sbagliato al momento sbagliato" - Nella requisitoria del 12 maggio scorso i rappresentanti dell'accusa hanno ricostruito le fasi del pestaggio. Sostanzialmente Willy si è trovato nel posto sbagliato nel momento sbagliato. "L'azione è partita da Marco e Gabriele Bianchi ma poi si salda con quella di Belleggia e Pincarelli e diventando un'azione unitaria - hanno spiegato i pm -. Quello che è successo a Willy poteva capitare a chiunque altro si fosse trovato di fronte" al branco. Un ruolo centrale nella requisitoria ha avuto il modus operandi dei quattro e in particolare la conoscenza della Mma, l'arte marziale di cui i Bianchi sono esperti: si tratta di una tecnica che è stata utilizzata come arma per "annientare il contendente" e di "farlo senza considerare le conseguenze dei colpi". 

Il pestaggio è durato cinquanta, interminabili, secondi in cui la vittima è stata raggiunta da colpi a ripetizione: "50 secondi di sofferenza incredibile" per il 21 enne di origini capoverdiane. 

notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
04/07/2022 05:57:53


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Pantelleria, grosso incendio: evacuate anche ville dei vip >>>

E' morto Niccolò Ghedini, senatore di Forza Italia e storico avvocato di Silvio Berlusconi >>>

Biella, 58enne uccide la madre in casa e poi si lancia dal ponte >>>

Piero Angela, l'ultimo saluto in Campidoglio >>>

Maltempo, tromba d'aria in Salento: alberi sradicati e turisti in fuga >>>

Trovata viva Marina Paola Micalizio, figlia dell'ex superpoliziotto scomparsa all'Elba >>>

Pasian di Prato (Udine), bimbo investito da un'auto: è grave in ospedale >>>

Colpita da una serranda staccatasi da una finestra, 26enne torinese muore in Francia >>>

Firenze, maltrattata e costretta alla prostituzione: arrestato il marito >>>

“Buon viaggio papà”: la morte di Piero Angela, la malattia e il messaggio d’addio commovente >>>