Notizie Nazionali Economia

Mutui: per nuovi prestiti fino a 50 euro in più a rata

Centomila euro a 30 anni costano 17.000 euro in più di gennaio

Print Friendly and PDF

L'aumento dei tassi si fa sentire sui nuovi mutui. Dopo anni di sostanziale calma, il costo dei finanziamenti è tornato ad aumentare, come certificato solo pochi giorni dalla Banca d'Italia, che ha riscontrato a marzo il ritorno sopra il 2% per la prima volta dal 2019. Aprile e maggio hanno confermato lo stesso trend e il risultato è che chi vuole accendere ora un prestito, si ritrova a pagare molto più di quanto gli sarebbe stato richiesto solo 4 o 5 mesi fa. Ad esempio, un 37enne che chiede oggi un prestito a tasso fisso del valore di 100mila euro per l'acquisto di una casa a Roma, si ritrova un Tan (Tasso annuo nominale) più caro tra lo 0,80 e l'1% rispetto a gennaio 2022, a seconda della durata del finanziamento. La rata mensile, calcola il Centro ricerca e studi di Alma Laboris Business School, sale così in poco più di 4 mesi di circa 38 euro per un mutuo a 20 anni, di oltre 40 euro per un mutuo a 25 anni e di 49 euro per un mutuo a 30 anni. Su base annua - segnala ancora la società specializzata in master e corsi di alta formazione e specializzazione per professionisti - l'impennata dei tassi si traduce in un aggravio di spesa che arriva a sfiorare i 590 euro nel caso di mutuo a 30 anni rispetto allo stesso prestito richiesto a gennaio. Considerata la totalità delle rate, e al netto di spese bancarie, perizie e altri costi legati ai finanziamenti, un mutuo a tasso fisso a 20 anni costa oggi 9.099 euro in più rispetto a inizio anno, +12.107 euro un mutuo a 25 anni, e +17.640 euro quello a 30 anni.

L'Eurirs, ossia l'indice di riferimento per i mutui a tasso fisso, ha registrato una forte crescita nelle ultime settimane, aumentando di oltre 1,30 punti in appena 4 mesi (Irs a 20 anni) - spiega Alma Laboris - Un incremento che si riflette in modo diretto non solo sulle condizioni applicate dalle banche che concedono prestiti, ma anche sulle spese mensili e annuali a carico di chi accende un mutuo. "Il forte rialzo dei tassi risente in modo diretto del conflitto in Ucraina e dell'instabilità economica del momento. - afferma l'amministratore di Alma Laboris Business School, Dario Numeroso - E' bene ricordare che chi ha già acceso un mutuo a tasso fisso non subirà alcuna conseguenza, perché le ripercussioni di tale situazione saranno avvertite solo da chi accende oggi un finanziamento. Per il tasso variabile, invece, la situazione risulta stazionaria, fattore che sta spingendo un numero crescente di italiani ad optare oggi per tale tipologia di mutuo, che al momento consente risparmi non indifferenti sulla rata mensile rispetto al tasso fisso", conclude Numeroso.

Redazione
© Riproduzione riservata
16/05/2022 14:26:09


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Caro carburanti, prorogato fino al 2 agosto lo sconto di 30 centesimi >>>

Vacanze estive, 4,7 milioni di italiani resteranno a casa a causa dell'aumento dei prezzi >>>

Stangata su commercio e turismo, bolletta luce-gas sale a 27 miliardi >>>

Superbonus 110%, arriva il salvagente per sbloccare i crediti e far ripartire il mercato >>>

I dati Usa affossano Piazza Affari: Ftse Mib chiude a -5,17% >>>

Bollette: sì italiani a sacrifici, non su aria condizionata >>>

Mutui: cresce tasso fisso prima casa, fino a +17.000 euro >>>

Inflazione, Istat: a maggio accelera a +6,9%, massimo dal 1986 >>>

Prezzi: caro-caffè, tazzina al bar tocca fino a 1,25 euro >>>

Consumi, gli italiani non spendono più (-12%): resistono viaggi e vacanze >>>