Salute & Benessere Malattie

Covid, doppio danno sui reni: i problemi possono durare mesi

Il virus può infettare direttamente le cellule renali e causare danni cellulari

Print Friendly and PDF

L'infezione da Sars-CoV-2 può colpire anche i reni di persone sane, aggravando il decorso della malattia, tanto che un deceduto su 4 per Covid-19 presentava un danno renale acuto. E le conseguenze del Sars-Cov-2 su questi organi, spesso sottovalutati e poco conosciuti, proseguono anche nella fase di convalescenza: chi soffre di Long Covid, infatti, ha un maggior rischio di sviluppare problemi ai reni. Il virus può infettare direttamente le cellule renali e causare danni cellulari ai soggetti con funzione renale normale prima della infezione. L'impatto della pandemia sui reni è uno dei temi al centro di NefroFocus, il convegno che si terrà a Roma il 25 e 26 marzo, a ridosso della Giornata Mondiale del Rene che si celebra il 10 marzo.

I  medici di Wuhan l'avevano segnalato

All'inizio del 2020, i medici di Wuhan in Cina avevano segnalato insufficienza renale acuta legata all'infezione da Sars-CoV-2 nei pazienti. A distanza di 2 anni, gli studi hanno mostrato che questa compare in una quota tra il 24 e il 57% dei ricoverati per Covid-19, ma può arrivare anche all'80% tra chi necessita di terapia intensiva. Dal report dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) su un campione di circa 7.900 deceduti per Covid, il 24,9% riportava un danno renale acuto. Le cause di questi danni sono dovute sia a effetti diretti che indiretti.

Effetto indiretto

"Il virus - spiega Massimo Morosetti, presidente Fondazione Italiana del Rene (FIR) e direttore UOC Nefrologia dell'Ospedale Grassi di Roma - provoca sui reni un effetto indiretto, determinato dalla risposta infiammatoria diffusa che provoca la liberazione di mediatori dell'infiammazione nel sangue, il cui accumulo è tossico per reni". Ma il Sars-Cov-2 arriva anche direttamente nei reni che abbondano di recettori ACE2, porta d'ingresso del virus nelle cellule. "Le ultime evidenze - prosegue - mostrano che il virus può infettare direttamente le cellule renali e causare un processo di fibrosi". L'infiammazione, inoltre, può persistere per mesi. Una recente ricerca su 89.000 veterani statunitensi mostra un calo del 50% delle funzioni renali, in molti casi fino a un anno dopo l'infezione da Sars-Cov-2.

Notizia tratta da tiscali.it
© Riproduzione riservata
10/03/2022 15:21:49


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Malattie

Cervicale, perché provoca dolore e i metodi per curarla >>>

Herpes labiale, come prevenirlo e curarlo >>>

Acne, cause e rimedi di questo inestetismo della pelle >>>

Lo smog aumenta il rischio di infarto >>>

Coliche renali, come riconoscerle e prevenirle >>>

Mal di stomaco, cause e i rimedi efficaci >>>

Estate e allergie, i consigli degli esperti >>>

Capillari fragili e lividi, ecco cosa fare >>>

Tumore del cavo orale: prevenirlo si può, mentre una diagnosi tempestiva salva la vita >>>

Arriva la “V-beauty”: la nuova routine di benessere è la skincare intima >>>