Notizie Locali Comunicati

Giani: “Doniamo il sangue prima di andare in vacanza, ma anche al rientro”

La crisi pandemica ha ulteriormente evidenziato la strategicità del sistema trasfusionale

Print Friendly and PDF

In Toscana la raccolta di sangue è in linea con gli anni scorsi, ma i consumi sono in aumento. Il sistema sanitario si sta riprendendo dalla pandemia con l’obiettivo primario di recuperare le liste di attesa, senza tralasciare il fatto che in Toscana ci sono centri di eccellenza, che attraggono pazienti anche da fuori regione.

“Tutto questo comporta un maggior bisogno di sangue, ma anche di plasma, necessario, oltre che per il trattamento di determinate patologie, per la produzione di farmaci salvavita”, commenta il presidente Eugenio Giani nel richiamare l’attenzione sull’importante lavoro svolto a oggi dalle Associazioni e dalle Federazioni dei donatori della Toscana “che hanno fatto il possibile per garantire la loro massima collaborazione, a fronte di misure restrittive, dettate dall’emergenza Covid, che hanno messo in grande difficoltà le loro attività di sensibilizzazione in presenza e di contatto, basilari per trovare nuovi donatori e fidelizzare quelli già attivi. Nonostante questo, a gennaio 2021, la risposta dei donatori è stata tale da avere fatto rientrare in parte l’emergenza, rispetto allo stesso periodo del 2020. Nel ringraziare tutti loro, rivolgo un appello ai toscani, per continuare a donare il sangue prima di andare in vacanza, ma anche al rientro. Gli ospedali non chiudono mai per ferie e anche in pieno agosto si fanno interventi, che richiedono una grande quantità di sangue”.

“La crisi pandemica ha ulteriormente evidenziato la strategicità del sistema trasfusionale all’interno del sistema sanitario - spiega l’assessore alla salute, Simone Bezzini -. In questo contesto è apparsa a tutti evidente l’importanza della sinergia tra istituzioni, operatori del sistema trasfusionale e associazioni. È un momento cruciale, in cui si registra un aumento della domanda e dove ognuno di noi può offrire il proprio contributo, donando sangue e plasma, per garantire la piena ripresa delle attività sanitarie e continuare a dare risposte adeguate e immediate a chi ne ha bisogno. La nostra attenzione è rivolta in primo luogo ai pazienti e alle loro cure, che dipendono dalla necessità sia di globuli rossi che di plasmaderivati. Ringrazio tutti gli attori del sistema trasfusionale, il Centro regionale sangue e le associazioni dei donatori per il lavoro straordinario che portano avanti, nonostante le difficoltà determinate dal Covid. Il diritto alla salute e l’universalità delle cure dipendono anche dalla disponibilità dei cittadini a donare, un grande gesto di solidarietà e di altruismo, che può fare la differenza e salvare molte vite umane”.

“In questi giorni stiamo registrando una fase particolarmente critica, che necessita della collaborazione di tutti. Le donazioni programmate non sono sufficienti a far fronte alle necessità, che stiamo registrando e che ci porta ad una situazione particolarmente preoccupante. Abbiamo bisogno di sangue, ma anche di plasma, necessario, oltre che per il trattamento di determinate patologie, per la produzione di farmaci salvavita - fa sapere Franco Bambi, direttore del Centro regionale sangue -. Chiediamo a chi è già donatore di contattare l’associazione di appartenenza o il servizio trasfusionale di riferimento, e prenotare la donazione. Chi fino ad ora non ha mai donato - prosegue - può rivolgersi alle associazioni di volontariato, che operano sul territorio, oppure a un qualunque Centro trasfusionale regionale, per iniziare il percorso della donazione e aiutare chi è meno fortunato di noi, ricoverato in ospedale in piena estate, in attesa di un piccolo, ma importantissimo gesto di solidarietà come la donazione del sangue, per essere curato al meglio”.

In questi giorni le associazioni sono al lavoro per intensificare la chiamata dei donatori. A rilanciare l’appello alla donazione sono stati i presidenti di Avis Regionale Toscana (Claudia Firenze), di Fratres Toscana (Claudio Zecchi) e il responsabile regionale donatori Anpas Toscana (Patrizio Ugolini).

“In una fase così complicata come quella pandemica deve essere obiettivo comune l’incremento delle donazioni, per assicurare un flusso adeguato ad ogni necessità del sistema sanitario - commentano all’unisono -. L’impegno alla promozione del dono è costante, così come costanti sono le campagne che puntano ad accogliere nuovi donatori e che mettono al centro dei nostri messaggi i pazienti e le loro cure, le quali dipendono dalla disponibilità sia di globuli rossi che di plasmaderivati. L’universalità delle cure dipende anche dalla disponibilità delle persone a donare. Alla Regione - continuano - chiediamo anche di creare le condizioni per un incremento del numero di medici e infermieri abilitati ad operare nelle Unità di Raccolta, superando le incompatibilità che, a oggi, non consentono la piena attività dei centri di raccolta delle associazioni. Riteniamo sia un modo efficace per incrementare le donazioni e soprattutto per legare al territorio il gesto di alto valore civico dei nostri volontari”.

Alcuni dati

Nel primo semestre del 2021 rispetto all’analogo periodo del 2019 si è registrato in Toscana un aumento della raccolta di sangue pari a 2,8% a fronte di un aumento dei consumi dell’1,5%, particolarmente rilevanti a partire dal mese di marzo scorso.

Nel primo semestre del 2021 le unità di sangue raccolte sono state, infatti, 82.642, mentre nel 2019 hanno raggiunto quota 80.395. Nel 2020, invece, c’è stato un calo importante dovuto alla pandemia con 77.414 unità di sangue, raccolte sempre nel primo semestre.

Le unità di sangue trasfuse nel primo semestre del 2021 sono state 80.858, nel 2020 invece 75.496 e nel 2019 ben 79.680.

I donatori attivi in Regione Toscana sono circa 140mila.

Chi può donare

Chiunque può donare, basta avere tra i 18 e i 65 anni (70 per chi è già un donatore abituale), pesare almeno 50 kg, essere ritenuto in stato di buona salute da un medico trasfusionista, programmare la donazione e recarsi presso il centro trasfusionale più vicino presente in ogni ospedale (https://www.regione.toscana.it/-/strutture-trasfusionali), ricordandosi di aver con sé un documento di identità e la tessera sanitaria. Il percorso di donazione è assolutamente sicuro e si attiene scrupolosamente al rispetto delle misure anti Covid.

Redazione
© Riproduzione riservata
04/08/2021 14:09:03


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Opere pubbliche, al Comune di Umbertide finanziati lavori per circa 2 milioni di euro >>>

Al via i lavori di realizzazione del nuovo percorso culturale delle mura di Anghiari >>>

Bruzzone a Città di Castello: l’appuntamento con i cacciatori è per lunedì 20 settembre >>>

La Lega di Cortona continua a perdere i pezzi, anche Luca Ghezzi passa con Fratelli d'Italia >>>

Ceccardi a Civitella in Val di Chiana a sostegno di Migliore >>>

Tre anni dalla tragedia dell'Archivio di Stato ad Arezzo: lunedì il ricordo >>>

Chiassai risponde a Canonici: basta falsità e cominci a fare proposte serie per Montevarchi >>>

Stangata sulla Tari a Montevarchi: Chiassai cosa ci dici? >>>

Sansepolcro, Fratelli d'Italia: "Sansepolcro ha l’occasione per una vera svolta politica" >>>

Sansepolcro, inizia dalla zona Coop il tour in bici della coalizione “Il coraggio per cambiare” >>>