Notizie dal Mondo Cronaca

Coronavirus: Johnson, restrizioni in vigore per 6 mesi

Estensione della legislazione di emergenza in Parlamento

Print Friendly and PDF

E' di "sei mesi" la durata prevista delle nuove restrizioni ripristinate oggi dal governo britannico sul fronte dell'emergenza coronavirus. Lo ha detto il premier Tory, Boris Johnson, alla Camera dei Comuni, precisando che la settimana prossima l'esecutivo sottoporrà al Parlamento un'estensione della legislazione di emergenza approvata in primavera nella fase più acuta della pandemia. Le misure includono anche la riduzione a 15 persone del numero massimo di invitati ai matrimoni. Johnson ha definito la situazione attuale "un pericoloso punto di svolta" da affrontare subito. Il leader dell'opposizione laburista Keir Starmer ha approvato le nuove misure, ma ha accusato il governo di non avere una strategia complessiva, ha criticato le falle nel sistema di test e tracciamento e ha detto che un eventuale lockdown nazionale bis rappresenterebbe il segno di "un fallimento" dell'esecutivo.

Redazione
© Riproduzione riservata
22/09/2020 14:45:59


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

La Svizzera sceglie: rianimazione negata agli anziani malati di coronavirus >>>

Arnold Schwarzenegger operato al cuore >>>

Il Parlamento europeo salva il “veggie” burger >>>

Covid, la Germania mette in quarantena l’Italia: 11 regioni nel mirino >>>

Addio Marge Champion, sue le movenze di Biancaneve >>>

Covid, in Spagna superato un milione di casi >>>

Australia: quest'anno 7 uccisi dagli squali, record dal 1934 >>>

Covid-19: Francia, 20.468 contagi, impennata di vittime >>>

Covid-19, l'Irlanda annuncia il lockdown >>>

La Lombardia chiede il coprifuoco dalle 23 alle 5: c’è l’ok di Speranza >>>