Notizie dal Mondo Politica

Elezioni Usa, un ex ambasciatore Onu e una senatrice in difesa di Trump

Gli obiettivi: cancellare le ombre sulla gestione Covid e e demolire l’avversario Biden

Print Friendly and PDF

Difendere l’operato del presidente Trump, soprattutto nella controversa gestione dell’epidemia di Covid; demolire l’avversario democratico Biden, accusandolo di essere un ostaggio della sinistra radicale e socialista; consolidare la base elettorale, ma cercare anche di ampliarla, parlando almeno formalmente alle minoranze. Sono i tre obiettivi principali emersi dalla prima serata della Convention repubblicana, andata in onda ieri dall'Andrew W. Mellon Auditorium di Washington, dopo la nomination formale del capo della Casa Bianca che era avvenuta in mattinata a Charlotte. Sul primo punto ha lavorato lo stesso Trump, comparso con un gruppo operatori sanitari e lavoratori essenziali, che hanno lavorato per contenere il virus, responsabile ormai di quasi 180.000 morti negli Usa. Poi lo ha difeso il figlio Don junior, che secondo molti osservatori sta pensando a candidarsi nel 2024. Infatti ha lanciato anche uno degli attacchi più duri contro Biden, definendolo «il mostro di Loch Ness della palude di Washington», ossia un campione della corruzione che però non ha mai combinato nulla di concreto. Don junior ha anche rilanciato il padre come garante della legge e dell’ordine, denunciando che «gli anarchici si stanno impossessando delle nostre città, e gli amministratori democratici non fanno nulla per fermarli». La parte più costruttiva della serata è stata affidata all’ex ambasciatrice all’Onu Nikki Haley e al senatore della South Carolina Tim Scott, entrambi considerati astri nascenti del Partito repubblicano, che potrebbero puntare a candidarsi alla Casa Bianca fra quattro anni. Haley, di origini indiane, ha esaltato la politica estera di Trump che ha messo l’America al primo posto, e poi ha fatto un ritratto della situazione interna opposto a quello della Convention democratica della settimana scorsa, affermando che «gli Stati Uniti non sono un paese razzista». Scott ha criticato Biden, ma soprattutto ha cercato di sottolineare i risultati economici ottenuti dall’amministrazione, per evidenziare come hanno aiutato anche le minoranze. Lo scopo qui era cercare di scalfire il consenso quasi monolitico di cui il candidato democratico gode soprattutto fra i neri.

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
26/08/2020 05:38:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Politica

È il socialista Luis Arce il nuovo presidente della Bolivia >>>

Brexit, trattative tra Ue e Regno Unito in stallo: la tensione è alle stelle >>>

Tra i ricchi pensionati della Florida: “Ora basta Trump, scegliamo Biden” >>>

Trump al comizio in Florida dopo la malattia lancia mascherine ai fan >>>

Pelosi: “Instabile lo stato di Trump”. Parte la procedura per rimuoverlo >>>

"Trump non ha pagato le tasse": lo scoop del Nyt che fa tremare la Casa Bianca >>>

Uccidere o meno i lupi, la Svizzera decide in un referendum >>>

Trump ha scelto: Amy Coney verso la Corte Suprema >>>

Pelosi, impeachment per evitare la nomina >>>

Gli Usa ripristinano le sanzioni contro l’Iran e spaccano l'Onu >>>