Sport Locale Automobilismo (Locale)

Andrea Crugnola vince il rally della ripartenza, suo il 40° Rally Internazionale del Casentino

Il pilota Citroen precede De Tommaso e Andolfi nel primo rally in Europa dopo lo stop

Print Friendly and PDF

Il Rally della ripartenza è di Andrea Crugnola. Il pilota varesino, con Pietro Ometto alle note e la Citroen C3 R5 della F.P.F. Sport, ha dominato il 40° Rally Internazionale del Casentino vincendo sei delle sette prove speciali. Alle sue spalle Damiano De Tommaso e Patrick Bernardi, su Skoda Fabia R5, hanno concluso staccati di 21.1 s, mentre Fabio Andolfi e Giorgia Ascalone, sempre su Skoda Fabia R5, hanno completato il podio con un distacco finale di 40.4 s.
Un podio festeggiato secondo le regole del distanziamento sociale: niente palco di arrivo, equipaggi con la mascherina e gradini separati tra loro. Cerimonia sobria e senza pubblico, come tutto il resto della manifestazione; il 40° Rally del Casentino – valido come prima prova dell’International Rally Cup Pirelli - passerà infatti alla storia come il primo rally in Europa dopo lo stop per l’emergenza COVID-19. Tutti gli occhi del mondo rallystico erano puntati sulla manifestazione a porte chiuse e la Scuderia Etruria ha dato prova - ancora una volta - della sua grande capacità organizzativa e passione, aiutata da un “pubblico” disciplinato che ha rispettato le indicazioni di restare a casa. Riordini e parco assistenza erano recintati con rigidi controlli all’ingresso e misurazione della temperatura, tutti gli addetti ai lavori hanno indossato le mascherine protettive e rispettato le distanze.
Crugnola è stato in testa dall’inizio alla fine, ma alle sue spalle c’è stata lotta serrata con lo sloveno Avbelj (Skoda Fabia R5) - quarto al traguardo a soli quattro secondi da Andolfi - capace di inserirsi tra i primi tre con una guida spettacolare.
Tutti gli altri hanno terminato la gara con distacchi superiori al minuto, da Porro-Cargnelutti (Ford Fiesta R5) quinti a 1’15’’ all’equipaggio locale Cresci-Ciabatti (Volkswagen Polo R5) che ha chiuso la Top10 con un distacco di 2’05’’.
“Casentino” da dimenticare, invece, per Felice Re e Mara Bariani, secondi dopo la PS1, ma costretti al ritiro per un problema tecnico alla loro Volkswagen Polo R5, e per Tosi-Del Barba, finiti fuori strada nell’ultima prova speciale.

Nelle altre categorie vittoria per Giovanella-Dresti (Renault Clio) in Super 1600 e per Straffi-Nesti su Peugeot 208 in R2B, classe che vedeva ben 19 vetture al via. Straffi si è così imposto tra le due ruote motrici precedendo Zorra e Griso. 
Tra le auto storiche, infine, successo per Bertelli-Neri su Opel Kadett GSI, staccatissimi Zuppardi-Kratzin (BMW M3) e Marencsics-Beres (Lada VTFS), secondi e terzi al traguardo.

Redazione
© Riproduzione riservata
05/07/2020 12:21:33


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Automobilismo (Locale)

Buon bilancio per la Speed Motor alla 46esima Alpe del Nevegal >>>

Lorenzo Mercati è secondo assoluto in gruppo N alla salita del Nevegal >>>

Giacomo Piccini ha vinto la gara della le Mans Cup a Spa >>>

Secondo miglior tempo di Lorenzo Mercati nelle prove del Nevegal >>>

Tre piloti della Speed Motor alla 46esima Alpe del Nevegal >>>

Andrea e Giacomo Piccini in pista per la vittoria sulla leggendaria pista di Spa >>>

Lorenzo Mercati all'Alpe del Nevegal con la Mitsubishi e con... Saturno Notizie >>>

Ricorso respinto: il trofeo "Luigi Fagioli" si disputa il 22 e 23 agosto >>>

Il 14° Rally Città di Arezzo-Crete Senesi e Valtiberina scalda i motori >>>

La scuderia Speed Motor scende in campo in favore del trofeo "Luigi Fagioli" >>>