Notizie Nazionali Cronaca

Coronavirus, frenano i contagi e i decessi: 3.957 nuovi casi, 651 vittime

"Numeri in calo, ma non abbassare guardia". I guariti sono 7.024 (+952)

Print Friendly and PDF

"I numeri sono in calo, ma si deve non abbassare guardia". Lo ha dichiarato capo della Protezione civile Angelo Borrelli in conferenza stampa per fare il punto sull'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore si è infatti registrata una lieve diminuzione dei contagi e dei morti. In particolare, solo 651 i nuovi deceduti (ieri erano 793) per un totale di 5.476 persone. Per quanto riguarda invece i soggetti positivi, ad oggi, sono 46.638 i malati: 3.957 in sole 24 ore mentre ieri si erano registrati 4.821 nuovi casi. Sale di 952 unità il numero dei guariti (7.024 in totale).

Dall'inizio della diffusione del virus in Italia sono 59.138 le persone hanno contratto il Covid-19 (contando anche morti e guariti). I pazienti ricoverati con sintomi sono oggi 19.846; 3.009 sono in terapia intensiva, mentre 23.783 sono in isolamento domiciliare fiduciario.

"I numeri di oggi sono minori rispetto a quelli di ieri - ha spiegato Borrelli -. Mi auguro che questi numeri possano essere confermati. Non bisogna abbassare la guardia, tenere le misure adottate e rispettare le indicazioni anche del provvedimento del governo". "Oggi - ha continuato il capo della Protezione civile - abbiamo registrato 12 colleghi risultati positivi al coronavirus. Abbiamo provveduto ad adottare tutte le misure e a sanificare gli ambienti. Ringrazio tutti gli uomini della Protezione civile, sono quasi due mesi che siamo qua a gestire l'emergenza. I colleghi risultati positivi continuano a lavorare da remoto, questa struttura continuerà a gestire l'emergenza".

"Non vogliamo farci prendere da facili entusiasmi né sopravvalutare una tendenza", ma il calo del numero giornaliero di contagi è "un segnale che cogliamo soprattutto perché comincia ad avvicinarsi alla distanza temporale a cui ci aspettiamo di vedere i segni tangibili dell'efficacia delle misure intraprese", ha commentato Franco Locatelli, direttore del Consiglio superiore di sanità. "Dopo quanto è stato comunicato dal premier Conte - ha aggiunto - siamo arrivati al massimo delle misure di prevenzione del contagio in termini di attività sociali piuttosto che lavorative".

Notizia e foto tratte da Il Giornale
© Riproduzione riservata
22/03/2020 18:36:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Coronavirus, il contagio rallenta ancora. Migliora anche la Lombardia: 7 nuovi casi su 10 >>>

Seconda ondata di coronavirus, allarme dall’Istituto superiore di Sanità e Oms >>>

Omicidio Sacchi, chiesti 6 anni e 4 mesi per l’ex amico Princi. L’accusa: acquisto di droga >>>

Coronavirus, contagi stabili: 593 nelle ultime 24 ore. Calano le vittime: 47 meno di ieri >>>

Morta a soli 32 anni Alice Severi, la pianista geniale >>>

Coronavirus, contagio in crescita. Il 66% dei casi registrati in Lombardia >>>

Ergastolo confermato per Igor, il killer dalle mille identità che ha ucciso in Italia e in Spagna >>>

Il 30% dei guariti Covid avrà problemi respiratori cronici >>>

Silvia Romano, prima uscita dopo la quarantena >>>

Coronavirus, il bollettino della Protezione civile: contagi e decessi bassi >>>