Notizie Nazionali Cronaca

Le tolgono lo stomaco per errore, due chirurghi a processo nel Milanese

"Ridotta a uno scheletro": per la Procura è un "malattia insanabile"

Print Friendly and PDF

Ha subito l'asportazione dello stomaco "per errore", dopo una "diagnosi di tumore maligno" che si è rivelata "totalmente sbagliata". E' accaduto nel 2016 ad una 53enne e per quell'operazione non necessaria, secondo la Procura di Monza, che le ha provocato una "malattia certamente o probabilmente insanabile", la perdita di un organo, sono finiti a processo due chirurghi dell'Irccs Multimedica di Sesto San Giovanni. La donna: "Ero ridotta a uno scheletro". 

Il pm di Monza ha disposto la citazione diretta a giudizio per lesioni colpose gravissime di due medici, in qualità rispettivamente di "primo" e "secondo" chirurgo all'epoca. La Multimedica spa è stata citata nel dibattimento come responsabile civile dal legale della donna.

L'avvocato Cioppa ha evidenziato "insieme all'inaudita gravità del comportamento negligente ed imperito mantenuto dagli imputati, l'incomprensibile ed inaccettabile indifferenza mostrata sia da questi, sia soprattutto dalla struttura sanitaria in cui questi operavano ed operano, nei confronti delle sorti della paziente e delle immani sofferenze a lei inferte".

Secondo l'imputazione, la 53enne, che per circa dieci mesi, dopo l'intervento di gastrectomia totale del 4 aprile 2016, non riuscì più ad avere una vita normale ("ha perso 30 kg da allora", spiega il legale), diede il "consenso informato" a quell'asportazione per una "diagnosi di tumore maligno dello stomaco rivelatasi totalmente sbagliata e priva di qualsiasi riscontro".

I due medici, "componenti l'equipe che ha prescritto, programmato, gestito ed effettuato l'intervento", tra le altre cose, come scrive il pm, hanno "interpretato in maniera completamente errata la Egds (esofago-gastro-duodenoscopia,ndr) e la Tac addominale del 31 marzo 2016". E hanno "formulato un'errata diagnosi di carcinoma gastrico" senza "attendere l'esito delle biopsie eseguite". Assenza di esiti di cui non hanno informato, sempre secondo l'accusa, la donna. Né le avrebbero spiegato "le ragioni della scelta di eseguire un'asportazione totale rispetto alla possibilità di procedere ad una asportazione parziale dell'organo". In più, sempre come ricostruito dal pm, nel corso dell'intervento non hanno eseguito biopsie per "acquisire ulteriori elementi di valutazione". E non hanno nemmeno rispettato le "linee guida in materia che impongono, ove possibile, di privilegiare un'asportazione parziale".

Notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
13/09/2019 14:51:00


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Piccoli comuni a rischio paralisi: mancano i segretari, uno su due è scoperto >>>

Auto si schianta contro un guard rail dopo la discoteca, morti quattro giovani nel Catanese >>>

Lutto nel mondo del musical italiano: è morto Manuel Frattini >>>

Latina, sparava contro i braccianti per farli lavorare di più: imprenditore arrestato >>>

Terremoto Amatrice, sei a processo per il crollo di una palazzina >>>

Vibo Valentia, cesareo rinviato per mancanza di anestesisti: muore il feto >>>

Brescia: si è costituito in carcere Mirko Franzoni, condannato per aver ucciso un ladro nel 2014 >>>

Foligno, uomo si barrica in una scuola: fatti sgomberare i bambini >>>

L'ex moglie di Cipollini ai giudici: "Mi puntò una pistola alla tempia" >>>

Milano, revoca a vita della patente per un maresciallo accusato di omicidio stradale >>>