Notizie Locali Attualità

Cammini di Francesco: due milioni di euro a disposizione anche della Valtiberina

Una app per chi esce dal percorso e il ritorno della passerella fra Sansepolcro e Gricignano

Print Friendly and PDF

Due milioni di euro che diventano realtà per il progetto dei Cammini di Francesco che coinvolge l’intera Valtiberina, ma Arezzo e una fetta di Casentino e di Valdichiana. Lo stanziamento è divenuto di recente effettivo: d’altronde, in questo versante gli interessati si sono mossi in anticipo e i soldi sono peraltro arrivati anche in ritardo rispetto alla prevista scadenza dello scorso febbraio, ma è positivo che la somma stanziata sia pari alla richiesta a suo tempo inoltrata. Oltre ai sette Comuni del comprensorio bagnato dal Tevere (Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro e Sestino), ne beneficiano anche quelli di Arezzo, Chiusi della Verna, Castiglion Fiorentino e Cortona, in base al percorso ufficiale che è stato riportato nella delibera di giunta n. 1192/2018 della Regione Toscana. O meglio, il tracciato storico è quello che da Chiusi tocca Pieve, poi Viamaggio, la Montagna, Sansepolcro e Citerna, per poi proseguire verso Assisi, ma sempre dalla Verna c’è l’altro che scende attraverso Caprese e Anghiari, più due diramazioni: quella che da Badia Tedalda prosegue in direzione di San Leo e di Rimini e l’altra che tocca Arezzo e la Valdichiana, anche se Assisi rimane la città di riferimento. Le rispettive amministrazioni comunali hanno preso atto della mappatura, che diventa così un vincolo da rispettare in sede di pianificazione territoriale. Due le novità particolari, che rientrano nel pacchetto del finanziamento: la prima riguarda l’attraversamento del Tevere a Sansepolcro; verrà ricostruita la passerella pedonale, esistente negli anni ’50,  che collegherà il centro storico con la frazione di Gricignano. La seconda riveste un’importanza fondamentale, come purtroppo insegna l’ancor fresca notizia del turista francese morto nel Cilento: il tracciato dei Cammini avrà l’opportuna segnaletica e, attraverso una app sul telefonino, il pellegrino verrà informato qualora si venisse a ritrovare fuori percorso, potendo così chiamare il 112 o un altro numero che verrà eventualmente messo a disposizione. “E’ dal 2016 che siamo costantemente in moto – ha dichiarato il professor Giovanni Tricca (nella foto), biturgense e presidente dell’associazione “I Cammini di Francesco in Toscana” – e ora siamo soddisfatti, anche se si sarebbe potuto arrivare a ciò in tempi più veloci. Credo comunque che l’obiettivo di realizzare tutto entro il 2020 possa essere ancora raggiungibile; abbiamo svolto – a mio parere – un lavoro eccellente, orientandoci verso coloro che in materia hanno più esperienza di noi. Un altro progetto è ora in itinere per il tratto che da Santa Croce, a Firenze, conduce alla Verna passando per Valdisieve e Casentino; ci sono i fondi, ma mancano ancora i progetti esecutivi”.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/08/2019 21:51:38


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

Due ristoranti della provincia di Arezzo inseriti nella Guida dell’Espresso 2020 >>>

"Viva!": studenti biturgensi a lezione di massaggio cardiaco >>>

E' nativo di Gubbio il nuovo capo della Gendarmeria vaticana >>>

I 75 anni di Fosco Bruschi, pioniere del podismo a Sansepolcro >>>

Sansepolcro, il nuovo piano del traffico arriva in giunta per l'ok >>>

Badia Tedalda, nonna Rosa festeggia il secolo di vita >>>

Il sindaco di Arezzo si sposerà il 21 marzo con l’affascinante americana Marjorie Layden >>>

Montedoglio: lavori di rifacimento del muro di sfioro assegnati a un'azienda di Terni >>>

Costi assistenza domiciliare in Valtiberina: "Ripresentare il modello Isee", dice Romanelli >>>

L’Accademia Enogastronomica della Valtiberina fa “centro” anche nella solidarietà >>>