Notizie Nazionali Attualità

Meteo, è arrivata l'aria fredda: temporali, neve e 15°C in meno

Sta per aprirsi una fase di maltempo con temporali, nubifragi e il ritorno della neve

Print Friendly and PDF

La fase quasi estiva e di caldo anomalo è ormai agli sgoccioli: un'imponente discesa di aria fredda dal Nord Europa si è già messa in movimento verso sud con bersaglio finale il Mar Mediterraneo. Da domani sembrerà di tornare per certi versi in inverno con un notevole crollo termico rispetto ai valori attuali, piogge e temporali anche di forte intensità su alcune zone d'Italia e il ritorno della neve su Alpi e Appennini. Le condizioni meteorologiche volgeranno al maltempo con l'anticiclone africano costretto a battere in ritirata.

Dove colpirà il maltempo

Tutto nasce in Svezia e Finlandia con correnti di origine polare che investono già gran parte del Continente europeo: se nella giornata di oggi il bel tempo sarà ancora protagonista ma con i primi cenni di cambiamento in prossimità dell'arco alpino, attenzione a quanto succederà da martedì 17 aprile. L'ingresso dell'aria fredda da est (Porta della Bora) creerà le condizioni favorevoli per "la formazione di un profondo ciclone che scatenerà venti forti e temporali. A causa dei forti contrasti che potrebbero venirsi a creare tra masse d'aria diverse non escludiamo la possibilità di eventi estremi come grandinate e nubifragi", spiega Antonio Sanò, direttore de Ilmeteo.it. Il maltempo colpirà specialmente le aree a est del nostro Paese: dal Triveneto al Centro-Sud adriatico, risulteranno maggiormente protetti dai fenomeni Nord-ovest e aree tirreniche.

Il crollo termico

Come detto, l'elemento saliente di questo peggioramento saranno le temperature: dalla eccessiva mitezza a un quasi ritorno dell'inverno. "Il crollo termico interesserà soprattutto le regioni di Nord-est e gran parte del Centro-Sud: su queste zone, entro giovedì 18, i termometri potranno crollare anche di 14/15°C rispetto a questi ultimi giorni", spiegano gli esperti. Il clou dell'aria fredda entrerà nel Mediterraneo soprattutto tra mercoledì e giovedì quando la quota neve sulle Alpi sarà anche al di sotto dei mille metri, intorno ai 1.300-1.400 metri sull'Appennino.

La durata della nuova fase

Stavolta non si tratterà di una toccata e fuga: lo sconquasso sarà tale che il nuovo scenario atmosferico "dovrebbe tenerci compagnia almeno fino alla fine della settimana, ma probabilmente anche oltre", sottolineano gli esperti. La prima tendenza per il prossimo fine settimana mostra, infatti, ancora correnti fredde da nord con femomeni sparsi soprattutto al Centro-Sud ma anche a medio-termine l'alta pressione africana, quella più calda, sembra debba rimanere lontana dal nostro Paese. Per maggiori dettagli, però, bisognerà aspettare i prossimi giorni.

Notizia tratta da ilgiornale.it
© Riproduzione riservata
15/04/2024 11:06:26


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Attualità

L'Iss: l'acqua del rubinetto è sicura nel 99% dei casi, eppure un italiano su 3 non si fida >>>

L'estate folle del gelato: se Leclerc sfida i famosi biscotti e creme dolci trasformati in ice cream >>>

Villa Certosa in vendita, interessato anche il Sultano del Brunei >>>

Una nuova stella in cielo: sarà visibile ad occhio nudo. Torna a brillare ogni 80 anni >>>

A Pompei emerge un bellissimo sacello, poi la scoperta: è stato depredato >>>

E' boom dell'intelligenza artificiale nelle aziende italiane: ecco come viene utilizzata >>>

Arriva la Nutella vegana. Ecco quando e cosa cambia nel sapore e nella ricetta >>>

Cos'è il "rotudone", la molecola scoperta di recente in un vino rarissimo: la vernaccia nera >>>

Obbligo di assicurazione contro alluvioni e terremoti: tutto quello da sapere >>>

Garrone e Cortellesi trionfano ai David di Donatello. Standing ovation per Vincenzo Mollica >>>