Rubrica Curiosità

Bonus benzina 2023, un ottimo assist per le aziende

I vantaggi sono notevoli anche per i datori di lavoro e per le aziende

Print Friendly and PDF

Negli ultimi mesi il prezzo del carburante ha subito un'impennata vertiginosa a causa del conflitto russo-ucraino, tanto che il Governo è dovuto ricorrere ai ripari con il Decreto Ucraina.

Per contenere gli effetti negativi derivanti dal caro benzina è stato prorogato il bonus carburante per il 2023, che i datori di lavoro privati possono erogare ai loro dipendenti.

Grazie a questo benefit i collaboratori, soprattutto i pendolari o quelli costretti a percorrere diversi chilometri per raggiungere il luogo di lavoro e poi per tornare a casa, possono alleggerirsi di una spesa che altrimenti graverebbe in maniera importante sul loro stipendio.

I vantaggi sono notevoli anche per i datori di lavoro e per le aziende, che ricevono importanti benefici da un punto di vista fiscale e contributivo.

L'acquisto sostenuto dalle aziende dei buoni carburante, da erogare poi ai dipendenti nell'ambito del welfare aziendale, è interamente deducibile ai fini IRPEF e IRES.

Inoltre, le aziende sono esentate dal versamento di contributi previdenziali a loro carico, in base al valore dei buoni erogati.

Tutti i buoni assegnati nel 2023 rientrano nell'esenzione ma, ai fini temporali, è rilevante il momento di assegnazione dei voucher e non quello di utilizzo.

Per saperne di più sulle modalità di fruizione e su come beneficiare dei vantaggi, tanto per i dipendenti quanto per le aziende, basta leggere l'articolo di approfondimento sui buoni carburante.

Da sottolineare inoltre che il bonus carburante si cumula all'esenzione di 258,23 euro e quindi, facendo un calcolo complessivo, il datore di lavoro può erogare ai propri dipendenti benefit del valore totale di 458,23 euro, di cui 200 da destinare appunto al bonus carburante.

Un altro importante aspetto da tenere a mente è che i bonus benzina sono esentasse, fino ad un massimo di 258,23 euro sulla base annua.

Le aziende a loro volta possono scaricare completamente il costo e dedurlo al 100% dal reddito sul quale pagano le imposte.

Il meccanismo è piuttosto semplice e fluido: i buoni benzina vengono erogati dalle imprese ai dipendenti sotto forma di ticket cartacei o digitali, e vengono successivamente rimborsati alle aziende dallo Stato.

I vantaggi per le aziende però non si esauriscono qui; infatti, bisogna analizzare anche quelli legati alla produttività e in generale all'immagine dell'attività.

I dipendenti che usufruiscono dei buoni carburante non devono mettere mano al portafogli per fare rifornimento alle loro auto, così risultano più motivati sul lavoro e si sentono maggiormente gratificati, anche perché il loro stipendio non viene eroso.

Tutto questo si traduce in una maggiore fedeltà verso l'azienda, che può ridurre in modo considerevole le criticità derivanti dall'assenteismo.

Le aziende che adottano politiche di welfare aziendale inoltre riducono anche il tasso di turnover del personale, quindi calano notevolmente i costi per la selezione e la formazione di nuovi dipendenti.

Infine risultano molto più attrattive agli occhi dei nuovi talenti, che

Redazione
© Riproduzione riservata
05/04/2023 11:34:50


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Curiosità

Una storia di successo: Agrati leader nella produzione di dadi nell’automotive >>>

Pasta "fuori orario" per 2 giovani su 3. Ma la spaghettata di Mezzanotte resta il vero mito >>>

Si chiama Daniela ed è cilena la nuova campionessa del mondo dei pizzaiuoli >>>

Nel paradiso d'Ogliastra c'è il più grande produttore di ostriche d'Italia >>>

Le vespe sono le loro antenate ed hanno 5 occhi: 8 curiosità sulle api che ti sorprenderanno >>>

Cambio gomme per la primavera - estate: quali scegliere e perché valutare l’usato >>>

Modi per rinnovare il tuo guardaroba per l'estate 2024 >>>

60 anni di Nutella: come Michele Ferrero la inventò, il nome per aggirare un divieto >>>

“Mio marito non c’è, vieni”, pappagalli chiacchieroni svelano il tradimento della moglie >>>

Come affrontare lo stress fisico e mentale: 5 consigli efficaci >>>