Notizie Locali Comunicati

Agricoltura Aretina, è la conta dei danni: la Cia al lavoro per stime

“Nuovi strumenti per rispondere alle calamità naturali. Il sistema delle assicurazioni non basta”

Print Friendly and PDF

Anche nella provincia aretina sferzata da raffiche di vento di eccezionale violenza e investita da sventagliate di grandine e da violenti nubifragi, gli agricoltori sono impegnati nella  conta dei danni

“Frutteti ormai pronti per la raccolta, vigne dove è già scattato countdown per la vendemmia, oliveti stressati dalla siccità e dal caldo hanno dovuto sopportare l’aggressione di un’ondata di maltempo di portata straordinaria, evidente spia del cambiamento climatico in atto”, commenta il direttore di Cia Arezzo Massimiliano Dindalini. E aggiunge: “I nostri tecnici sono impegnati su tutto il territorio per la raccolta delle segnalazioni dei problemi registrati alle coltivazioni e agli impianti. La situazione è diversificata di zona in zona. Come ormai accade da tempo, infatti, i fenomeni sono spesso improvvisi e concentrati su aree geograficamente ristrette. Siamo in una  stagione particolarmente delicata per l’agricoltura: adesso basta davvero poco per vanificare gli sforzi di un anno di lavoro”.

Grande l’amarezza degli imprenditori agricoli, che, oltre a doversi confrontare con i rincari delle materie prime e dell’energia e con la difficoltà a reperire manodopera, sono alle prese con le avversità meteorologiche.

Un sentimento rappresentato da Serena Stefani, Presidente di Cia Arezzo che chiede alla politica e alle istituzioni un cambio di passo.

“Sono sufficienti pochi istanti per azzerare o compromettere il risultato commerciale di un raccolto - commenta Stefani -.  L’agricoltura è ostaggio di bizzarrie meteorologiche e di calamità naturali che si ripetono con allarmante frequenza. Per questo è necessario rivedere completamente il sistema di interventi a sostegno delle aziende agricole.   Il problema infatti non si può risolvere solo con le assicurazioni contro le calamità naturali. Sono necessari interventi e liquidità immediata, sospensione delle rate dei mutui e comunque indennizzi per il risarcimento del danno   adeguati e tempestivi: oggi dobbiamo aspettare anche  3-5 anni per ricevere percentuali che vanno dal 2 al 5% del danno stimato. La politica e le istituzioni devono intraprendere azioni al passo con gli scenari che i cambiamenti climatici stanno delineando”.

Redazione
© Riproduzione riservata
19/08/2022 09:53:01


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Il cordoglio dell'amministrazione comunale tifernate per la scomparsa del dottor Villarini >>>

Eaut, Veneri (Fdi): “La mozione della maggioranza mette una toppa aumentando le poltrone” >>>

Approvata la mozione che garantisce la rappresentanza dei territori nell’Ente Acque Umbre Toscane >>>

Subbiano, iniziati i lavori su via Marconi >>>

ESTRA acquisisce il 100% di Ecocentro Toscana S.r.l. >>>

Bibbiena, iniziati i lavori al parco del centro sociale: investimento da 130mila euro >>>

"Il Partito Democratico ed il Centro Sinistra vanno completamente rifondati" >>>

Amici animali, salvato un giovane capriolo sulla SP246 >>>

Variante alla SR71 a Camucia, via ai lavori per 15,5milioni >>>

Riorganizzazione del sistema di raccolta dei rifiuti, al via gli incontri ad Arezzo >>>