Opinionisti Fausto Braganti

Si fa presto a dire America

La situazione e' deprimente!

Print Friendly and PDF

La strategia di Donald Trump per la rielezione nel 2024 non è un segreto ma è chiara e lampante. Ha pure un nome: “legislatura indipendente degli stati”. In altre parole: le legislature degli stati possono ottenere il controllo “plenario”, ossia esclusivo, delle norme valide per la scelta degli “elettori presidenziali”. In pratica, ogni legislatura avrebbe a sua disposizione una base legale per annullare il risultato dell’elezione e potrebbe procedere a nominare gli “elettori” che preferisce. Tradotto in italiano: gli stati possono passare leggi in cui viene stabilito chi ha diritto di voto, come se un giorno venisse fuori una legge che proibisce a quelli coi capelli rossi si esercitare il loro diritto di voto.  È uno spettro che grava sul sistema elettorale americano nel senso che una legislatura statale avrebbe il potere di imporre le sue norme elettorali in una sconvolgente interpretazione dell’Articolo II della Costituzione. Il pericolo esiste perché quattro giudici della Corte Suprema - tra i quali l’estremista italo-americano Alito - hanno già espresso una misura di appoggio per quella interpretazione. Qualora a questi quattro si unisse la passionaria anti-aborto Amy Coney Barrett, l’ultimo giudice nominato da Trump, la frittata sarebbe fatta.

Questa è dunque la strategia trumpiana che si affida ad un numero sufficientemente ampio di legislature controllate dai repubblicani, arroccate su un’interpretazione costituzionale che annullerebbe una vittoria democratica nella consultazione presidenziale. In un recente articolo che ha suonato un forte campanello d’allarme sui disegni anti-costituzionali di Donald Trump, Barton Gellman dell’Atlantic ha fatto notare che per l’attuazione di quella strategia Donald Trump non si affida agli azzeccagarbugli che perorarono la sua assurda denuncia di brogli elettorali nel 2020 ma alla Federalist Society ed ai gruppi di “dark money” (destinatari di finanziamenti occulti), come lo screditato Honest Election Project, specializzato in tattiche per la soppressione di voti democratici.

La conclusione emergente è che se in America dovesse prevalere la tesi che le legislature possono in effetti annullare il voto popolare, la democrazia diverrebbe di colpo lettera morta. L’attuazione di leggi che privilegiano le legislature anziché la regolamentazione federale è dunque al centro del tentativo di Trump di strappare la rielezione facendo leva sulle legislature repubblicane, e servendosi degli esistenti incarichi, dai segretari di stato agli organi addetti alla conta e al controllo dei suffragi. In parole povere, il pericolo che si pone alla democrazia è che alcuni stati non si attengano agli statuti che regolano lo svolgimento delle elezioni. Una schiera di legali associati al movimento MAGA (Trump) è al lavoro da tempo per individuare e sfruttare i punti deboli dell’ordinamento elettorale. Una forte possibilità, come dicevamo, è che il conflitto legale finisca alla Corte Suprema che a tutti gli effetti è nelle mani dei repubblicani. Sullo sfondo, infuria il confronto che il campo repubblicano è pronto a spingere a gravi conseguenze, da una nuova insurrezione alla violenza su scala nazionale.
Molto, se non tutto, dipende da come l’amministrazione Biden reagirà nell’imminenza delle elezioni di midterm, nel novembre 2022. Biden deve attuare la giusta strategia per scongiurare che anche poche legislature statali si arroghino il controllo sulle scelte degli “elettori presidenziali”. La Corte Suprema infatti potrebbe recepire le pressioni che non
mancherebbero di manifestarsi nel caso in cui il GOP repubblicano dovesse conquistare la maggioranza del Senato e della Camera dei Rappresentanti. In tal caso, saranno i repubblicani a contare a voti ed a spianare la strada al grande ritorno di Donald Trump. È uno scenario che mette sotto processo la democrazia americana e che Joseph Biden ha il dovere di arrestare mettendo in campo tutti i poteri e le risorse della presidenza.

Sarà Biden all’altezza di questa sfida?

Fausto Braganti
© Riproduzione riservata
06/01/2022 07:26:30

Fausto Braganti

Fausto Braganti - Pensionato, attualmente residente nelle Corbieres (sud est della Francia, vicino a Perpignan). Nato e cresciuto a Sansepolcro. Dopo il liceo ha frequentato l’Università di Firenze, laureandosi in Scienze Politiche al Cesare Alfieri. Si è trasferito a Londra nel 1968, dove ha insegnato italiano all’Italian Center per poi andare a Boston negli Stati Uniti, dove ha lavorato per Alitalia per 27 anni con varie mansioni e in diverse città, sempre nel settore commerciale. Dopo Alitalia è rimasto nel campo turistico per altri 15 anni per promuovere l’Italia agli americani. Ha pubblicato un libro di memorie, “M’Arcordo…” sulla vita a Sansepolcro nel dopo guerra, ottenendo un discreto successo. Ama la Storia: studiarla, raccontarla e scriverla.


Le opinioni espresse in questo articolo sono esclusivamente dell’autore e non coinvolgono in nessun modo la testata per cui collabora.


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Fausto Braganti

Si fa presto a dire America >>>

Spero di sbagliarmi... >>>

Si fa presto a dire Israele >>>

Si fa presto a dire America >>>

Come cambia l'america >>>

Gli americani hanno scoperto un nuovo nemico >>>

Si fa presto a dire America… >>>

Si fa presto a dire America… >>>

2020-11-20 Si fa presto a dire America >>>

Si fa presto a dire America…il dopo elezioni >>>