Ambiente Stili Di Vita

Troppi esseri umani sulla Terra, limitare i cambiamenti climatici con decrescit

Con 8 miliardi di esseri umani impossibile limitare le attività responsabili del degrado ambientale

Print Friendly and PDF

Con una popolazione mondiale che si avvicina agli 8 miliardi di esseri umani, la crescita demografica delle nazioni è purtroppo ampiamente ignorata dai governi ogni volta che si prende in considerazione il cambiamento climatico. Ad esempio, alla COP26 i leader di governo non hanno affrontato la limitazione della domanda globale di energia, acqua, cibo, abitazioni, terra, risorse, beni materiali, macchinari, trasporti, ecc. ottenuta riducendo la crescita delle rispettive popolazioni umane In generale, i governanti e i loro consulenti economici non sono disposti a riconoscere che la stabilizzazione e la decrescita della popolazione sono essenziali per affrontare il cambiamento climatico. Inoltre, molti paesi, tra cui Canada, Cina, membri dell’Unione europea, Iran, Israele, Giappone, Russia, Corea del Sud e Stati Uniti, continuano a spingere per un’ulteriore crescita delle loro popolazioni. La Cina, ad esempio, è passata da una politica del figlio unico a una politica dei tre figli per aumentare la sua popolazione di oltre 1,4 miliardi.

La Russia ha adottato una serie di politiche per aumentare il suo basso tasso di natalità, tra cui il programma per il capitale di maternità, la Giornata della procreazione, i finanziamenti statali per le neomamme, i benefici sociali per le famiglie con bambini piccoli e le agevolazioni fiscali per le famiglie più numerose. Gli Stati Uniti fanno molto affidamento sull’immigrazione, più di un milione di immigrati all’anno, per aumentare la propria popolazione, che si prevede raggiungerà i 400 milioni entro la metà del secolo.

Piuttosto che l’immigrazione, la maggior parte dei membri dell’Unione Europea mira ad aumentare la propria popolazione portandola al di sopra dei livelli di fertilità sostitutivi. L’atmosfera in molte parti d’Europa si riflette nel manifesto tedesco che dice: “Possiamo fare i nostri bambini, non abbiamo bisogno di stranieri. L’Ungheria, in particolare, è stata brutale nella sua opposizione all’immigrazione e agli stranieri, e diretta nelle sue politiche, programmi e incentivi finanziari volti ad aiutare gli ungheresi ad avere tutti i bambini che vogliono.

Inoltre, l’Iran ha recentemente adottato un disegno di legge che limita la sterilizzazione, l’aborto e la distribuzione gratuita di contraccettivi nel sistema sanitario pubblico a meno che una gravidanza non minacci la salute di una donna, il tutto volto ad aumentare il suo tasso di natalità e ad aumentare la sua popolazione di 85 milioni di altre decine di milioni  nei prossimi decenni. E Israele promuove la crescita demografica della sua popolazione ebraica e l’espansione degli insediamenti come prerequisito per la sicurezza e lo sviluppo economico e la sua attuale popolazione di 8,7 milioni potrebbe aumentare a 15 milioni entro il 2050.

Per gran parte della storia umana la crescita demografica è stata relativamente lenta. La rapida crescita della popolazione mondiale è relativamente recente, essendosi verificata in gran parte durante la seconda metà del XX secolo con tassi di crescita e di aumento della popolazione record. La popolazione mondiale ha raggiunto 1 miliardo intorno al 1804, è raddoppiata a 2 miliardi nel 1927, è raddoppiata di nuovo a 4 miliardi nel 1974 e raddoppierà ancora a 8 miliardi entro il 2023 (Figura 1).

Si prevede che la soglia dei 10 miliardi della popolazione mondiale si verificherà intorno alla metà del secolo, con gran parte della crescita nei Paesi meno sviluppati. Ad esempio, l’attuale popolazione africana di circa 1,4 miliardi dovrebbe raddoppiare a 2,8 miliardi entro il 2056. Particolarmente degno di nota è il fatto che la popolazione della Nigeria, che è più che quintuplicata negli ultimi 70 anni, si prevede che raddoppierà nuovamente, raggiungendo i 423 milioni entro la metà del secolo. e soppiantare gli Stati Uniti come terza popolazione mondiale.

E’ tempo di porre fine alla farsa e riconoscere le conseguenze disastrose che un mondo con 8 miliardi di esseri umani sta avendo sui cambiamenti climatici. Ad esempio, sulla base delle performances fino ad oggi di Brasile, Cina, Unione Europea, India, Giappone, Russia, Stati Uniti, i primi 7 produttori di emissioni di gas serra rappresentano quasi i due terzi delle emissioni globali e la metà della popolazione del mondo, è improbabile che il mondo raggiunga gli obiettivi necessari per affrontare il cambiamento climatico né risponda efficacemente al degrado ambientale e alla perdita di biodiversità (Figura 2).

Ulteriori informazioni sulle emissioni di gas serra sono offerte dai confronti pro capite dei principali Paesi. Mentre nel 2018 la media mondiale di tonnellate di CO2 equivalente per persona era di circa 6, gli Stati Uniti e la Russia avevano i livelli pro capite più alti rispettivamente di 19 e 18. I livelli pro capite per la popolazione mondiale più che miliardaria, Cina e India, erano considerevolmente inferiori, rispettivamente a circa 8 e 2 (Figura 3).

Sembra inoltre improbabile che il mondo raggiunga l’ obiettivo globale adottato dalle 196 parti nel 2015 nel trattato internazionale giuridicamente vincolante sui cambiamenti climatici, l’Accordo di Parigi, di limitare il riscaldamento globale ben al di sotto di 2, preferibilmente a 1,5 gradi Celsius , rispetto ai livelli pre-industriali. Inoltre, per preservare un clima vivibile sul pianeta, la comunità mondiale delle nazioni non sarà probabilmente in grado di ridurre le emissioni di gas serra a zero entro il 2050.

Sebbene sia ampiamente riconosciuto che il cambiamento climatico è un’emergenza globale, il sistema internazionale delle nazioni non riesce ad affrontare questa sfida e i relativi problemi globali a causa delle ambizioni nazionali. Per affrontare efficacemente questo gap, alcuni credono che sia necessaria una nuova visione del mondo della politica planetaria, con la sopravvivenza della biosfera da designi un obiettivo internazionale rilevante per tutte le nazioni. Tuttavia, il passaggio dal primato della sovranità nazionale a un approccio planetario sembra improbabile in tempi brevi.

Una risposta demografica significativa al cambiamento climatico è la migrazione umana, sia interna che internazionale. Sempre più persone migrano per sfuggire alle conseguenze disastrose del cambiamento climatico, tra cui l’innalzamento del livello del mare, lunghi periodi di siccità, caldo mortale, aria inquinata, inondazioni devastanti, incendi violenti e tempeste violente.

E’ quasi certo che il pianeta subirà un innalzamento del livello del mare nei prossimi decenni di circa 152 centimetri. Questo aumento è particolarmente minaccioso per non meno di una dozzina di nazioni insulari, tra le quali Fiji, Maldive, Isole Marshall, Micronesia, Seychelles, Isole Salomone e Tuvalu. Inoltre, entro la fine del decennio circa il 50 per cento della popolazione mondiale vivrà in aree costiere esposte a tempeste, tsunami e inondazioni.

Inoltre, l’esposizione al caldo estremo, che è triplicata dal 1983 al 2016, ora colpisce circa un quarto della popolazione mondiale. Le ondate di calore più lunghe e più calde sono diventate una caratteristica regolare del cambiamento climatico. Le comunità a basso reddito, specialmente nei Paesi in via di sviluppo, sono le più vulnerabili con più di due terzi delle famiglie globali che non hanno accesso all’aria condizionata.

I governi dovranno decidere come affrontare al meglio lo spostamento della popolazione indotto dal clima, che è già una realtà per milioni di persone in tutto il mondo. Nei prossimi decenni, si prevede che decine di milioni di “migranti climatici” saranno sfollati a causa del caldo estremo, della siccità, dell’innalzamento del livello del mare o di altri gravi eventi climatici all’interno e tra i Paesi. Alcuni chiedono un relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani e il cambiamento climatico.

Altre risposte demografiche attese ai cambiamenti climatici sono la riduzione della fertilità e l’aumento della morbilità e della mortalità. Il caldo, per esempio, può peggiorare i risultati per la salute riproduttiva e la salute materna  così come portare in futuro a minori tassi di natalità e danni alla sopravvivenza infantile.

Inoltre, il cambiamento climatico è considerato la più grande minaccia per la salute che devono affrontare gli 8 miliardi di esseri umani del mondo. I cambiamenti climatici del pianeta avranno gravi conseguenze sul piano sociale, economico e ambientale e per determinanti della salute, tra cui aria, acqua, cibo e riparo.

L’Oms riferisce che tra il 2030 e il 2050 il cambiamento climatico dovrebbe causare 250mila morti in più all’anno per malnutrizione, malaria, diarrea e stress da caldo. Inoltre, altri stimano che il riscaldamento globale potrebbe portare alla morte prematura di oltre 80 milioni di persone nel resto del secolo.

Ogni volta che si discute, si scrive o si menziona il cambiamento climatico, la crescita demografica delle nazioni non può più essere ignorata o messa da parte dai governi. La questione di un pianeta con 8 miliardi di esseri umani e che continuano a crescere deve essere seriamente affrontata nei negoziati sul cambiamento climatico.

In breve, la stabilizzazione e la decrescita delle popolazioni umane sono essenziali per limitare la sempre crescente domanda demografica  di energia, acqua, cibo, terra, risorse, abitazioni, riscaldamento/raffreddamento, trasporti, beni materiali, ecc. che sono responsabili del cambiamento climatico, del  degrado ambientale e la perdita di biodiversità del pianeta.

Notizia e Foto tratte da Tiscali
© Riproduzione riservata
03/12/2021 06:29:09


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Stili Di Vita

Troppi esseri umani sulla Terra, limitare i cambiamenti climatici con decrescit >>>

Obiettivo sostenibilità, scelte consapevoli per una società migliore: nasce Sostenabitaly >>>

Nella spazzatura 931 milioni di tonnellate di cibo >>>

Arrivano le nuove etichette energetiche per gli elettrodomestici: ecco cosa cambia >>>

Le armi nucleari diventano finalmente illegali >>>

La FAO tende la mano alle lobby dei pesticidi >>>

Rifiuti Raee non riciclati, sprecati 57 miliardi di dollari di oro e materie preziose >>>

Arriva il buono mobilità per l'acquisto di bici e monopattini elettrici >>>

"La distruzione della Natura è alla base della crisi coronavirus" >>>

Smart Mobility: quali sono le città più intelligenti >>>