Notizie Locali Cronaca

Cromo esavalente e organo-clorurati nei pozzi di Sterpete a Foligno

Legambiente chiede alla regione che fine ha fatto il procedimento di bonifica

Print Friendly and PDF

L’estate 2021 è particolarmente siccitosa e l’ordinanza sindacale n°466 del 18-12-2020  che prevede il divieto di attingimento dell’acqua in tutta la zona di Sterpete  perché inquinati da Cromo esavalente  (CromoVI) e organo-clorurati (già rilevati nel 2012 e con conseguente ordinanza) è ancora attiva, ma nulla si sa della bonifica che in base al procedimento regionale già attivato,   doveva essere a carico di OMA ritenuto il soggetto responsabile dell’inquinamento da CromoVI.

Legambiente ha fatto richiesta più volte di accesso agli atti su questa vicenda ma nessuno ci ha mai risposto a  parte il Comune di Foligno nella cui ultima risposta ci ha informato che invece della bonifica il soggetto responsabile dell’inquinamento “ha presentato un documento di analisi del rischio”. Cosa significhi esattamente non lo sappiamo ma restiamo preoccupati e quindi abbiamo fatto un ulteriore richiesta di accesso agli atti al Servizio Regionale “Risorse idriche, Acque pubbliche, Attività estrattive e Bonifiche” che speriamo stavolta risponda alle ormai ripetute richieste di chiarimenti da parte dell’associazione.

Ricordiamo infatti i cittadini di Sterpete a tutt’oggi non dovrebbero usare l’acqua dei pozzi a scopi irrigui  fino a quando la bonifica non sarà conclusa, perché il rischio è  una dispersione del CromoVI nel terreno e potenzialmente nella catena alimentare dovuta alla presenza dei numerosi orti in quella zona. Il limite del CromoVI nelle acque è infatti di 5 microgrammi/litro, un limite molto basso perché il Cromo è un metallo, e solo se in questa forma esavalente,  molto tossico e classificato nel   gruppo 1 dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). In questo gruppo infatti vengono classificati tutti quegli agenti sicuramente cancerogeni perché esistono “sufficienti evidenze di cancerogenicità negli esseri umani” da cui risulta che il   CrVI è sicuramente cancerogeno (soprattutto se inalato e quindi colpisce principalmente polmoni).

E’ chiaro quindi che con una estate così siccitosa e l’assenza  di controlli (chi li deve fare poi?) ci chiediamo chi è in grado di rispettare l’ordinanza, ma  anche come sia possibile che il problema del CromoVI non sia stato risolto e  si parli ancora di analisi di rischio, considerando poi  che dal 2012 negli stessi pozzi di parla  di inquinamento anche di organo-clorurati cui  non sembra sia stata mai trovata né sorgente  né quindi  attivate azioni di bonifica.  

L’ultimo accesso agli atti di Legambiente alla regione è datato 2 agosto e aspettiamo non solo una risposta ma anche azioni concrete al fine di risolvere il problema.

Redazione
© Riproduzione riservata
02/08/2021 14:55:28


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Covid-19, in Umbria somministrate 102 terze dosi di vaccino >>>

Svuotata la cassa in un negozio di pneumatici: denunciato dai carabinieri di Terranuova Bracciolini >>>

Covid-19: in Toscana 231 nuovi casi e 5 decessi >>>

Covid-19: a Città di Castello un nuovo positivo e un guarito >>>

Incidente stradale a Città di Castello: morta una donna di 69 anni >>>

Feriti due uomini nel violento scontro a Santa Mama in Casentino >>>

Cortona, si ribalta con l'auto lungo la strada del Sodo: ferita una 34enne del posto >>>

Grave incidente alle porte di Arezzo, tre i feriti: uno grave trasferito a Siena >>>

Arezzo, nigeriano trovato in possesso di diverse dosi di droga: arrestato >>>

Davide Pecorelli, l'imprenditore della Valtiberina avvolto da un alone di mistero >>>