Notizie Locali Altre notizie

Anghiari c'é: Comune, Misericordia e Frates lanciano un messaggio per la campagna vaccinale

Sindaco Polcri: “Serve un cambio di passo”.

Print Friendly and PDF

“Ci vuole un cambio di passo sulla vaccinazione in Toscana – ha dichiarato il sindaco di Anghiari Alessandro Polcri – Anghiari c’è, il nostro comune assieme al volontariato metterà in campo ogni misura necessaria a vincere questa enorme sfida e a sensibilizzare la cittadinanza, ma è urgente che a livello regionale qualcosa cambi”. 

Con queste parole il sindaco Polcri ha voluto mandare un messaggio di presenza e vicinanza alla comunità anghiarese, evidenziando allo stesso tempo delle importanti criticità nella campagna vaccinale regionale. 

“Serve una svolta, a partire dalle persone con più di 80 anni e dalle persone vulnerabili – ha aggiunto Polcri - anziché trovarci in Regione per stabilire le zone rosse locali che tanto poi vengono decise dal presidente della Regione con i sindaci interessati, sarebbe meglio trovarsi per parlare di vaccini e di come recuperare il tempo perso. Ci vuole meno burocrazia e più senso pratico. Occorre decidere e occorre farlo ora”. 

Il comune di Anghiari ha avuto un ruolo importante durante tutto il corso della pandemia, collaborando con le associazioni di volontariato nella distribuzione delle mascherine e promuovendo iniziative economiche a sostegno delle famiglie e delle aziende in difficoltà. Anche in questo momento, ha spiegato Polcri , mettiamo a disposizione ogni strumento necessario per accelerare e far funzionare al meglio la campagna vaccinale.  

“Il nostro Gruppo "Donatori di sangue Fratres" ha aderito alla campagna vaccinale Covid-19, promossa dal nostro comune e dalla Misericordia di Anghiari – ha dichiarato il presidente Luca Chiarentin - stiamo portando avanti la campagna di vaccinazione affinché tutti i nostri donatori decidono di vaccinarsi, chiediamo inoltre ai donatori guariti dal COVID-19 di donare il plasma mediante "Plasmaferesi". Confidiamo pertanto che tutte e tutti ricorrano al vaccino, non solo per salvaguardare la propria salute, ma anche per dare il proprio piccolo, ma essenziale contributo, alla soluzione di questa crisi sanitaria, sociale ed economica. Mai come adesso uniti possiamo vincere”. 

“La Misericordia di Anghiari continua ad essere in sinergia con la pubblica amministrazione, nella figura del sindaco, con il volontariato e il campo socio-sanitario affinché la cittadinanza venga sensibilizzata e aderisca alla campagna di vaccinazione di massa che oggi resta l’unico strumento a disposizione per sconfiggere il Covid – ha dichiarato Massimo Redenti Governatore della Misericordia di Anghiari – i nostri volontari hanno ben presente la pericolosità di questa malattia, l’hanno vissuta da vicino e continuano a viverla, da qui l’invito a vaccinarsi. Il significato dello striscione che abbiamo condiviso con l’associazione dei donatori Fratres e l’amministrazione comunale è proprio quello di dare un’ulteriore spinta alle adesioni”. 

Redazione
© Riproduzione riservata
29/03/2021 16:53:31


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Altre notizie

Attivata la cassa automatica per il pagamento delle fatture di Nuove Acque a Sansepolcro >>>

La Società Balestrieri dona alla Caritas Diocesana una cabina igienizzante ad ozono per indumenti >>>

Caccia a nuove varietà di olio in Alta Valle del Tevere >>>

Festa del Lavoro: a San Giustino anticipati di un giorno i servizi di raccolta differenziata >>>

La Toscana un anno dopo la pandemia >>>

Monica Bellucci e Luisa “Lisa” Zappitelli nell’ultimo libro di Aldo Cazzullo >>>

Arte nelle scuole a Città di Castello >>>

La Massoneria della provincia di Arezzo torna a svolgere la propria attività >>>

Ricordato a Rigutino Livio Conti, il Patriota della “Osoppo” fucilato dai nazisti il 29 aprile 1945 >>>

70 anni di matrimonio per Bruna e Rivo >>>