Notizie Locali Comunicati

Caos nel consiglio comunale di Città di Castello: é mancato il numero legale

Polemiche tra il sindaco e il vice presidente del consiglio Gasperi

Print Friendly and PDF

Questa sera, 25 gennaio 2021, si è riunito il Consiglio Comunale di Città di Castello e anche questa sera non sono mancati i colpi di scena ma più di tutto anche questa sera non è mancato il tristemente classico “scarica barile”. La maggioranza non è stata in grado di adempiere al suo primo ruolo e di garantire il numero legale. C’è stata una prima richiesta di verifica del numero legale da parte del Consigliere Sassolini, capogruppo di Forza Italia, il quale ha subìto immediatamente degli attacchi ai quali anche il sottoscritto ha risposto chiedendo la verifica del numero legale (visibile da video). Nei 30 minuti tra un appello e l’atro è pur vero che mi sono sentito telefonicamente con il Sindaco al quale ho detto che non avrei tenuto il numero legale, tant’è che lo stesso mi ha risposto, giustamente, <>.

In sede di secondo appello, precisamente dopo 3 ore, 28 minuti e 04 secondi di ripresa video, il Sindaco ha pronunciato delle parole che lascerebbero intendere un mio sotterfugio nel tenere il numero legale insieme alla maggioranza. Spero vivamente che l’errore sia stato in buona fede e che non sia un tentativo di screditarmi. Mi sento di dire, e voglio che questo sia molto chiaro, che ritengo di aver avuto una pazienza che va al di là di ogni immaginazione con determinate compagini politiche, circa le viscide, false e meschine chiacchiere che taluni sono stati in grado di diffondere, nel recente passato ma non solo, sul mio conto.

Per quelle viscide chiacchiere saranno tutti chiamati a rispondere ma intendo stabilire, e lo comunico pubblicamente, qualora qualche scarsa mente non ci sia ancora arrivata, che la pazienza è finita e che alla prima chiacchiera meschina, che sia al bar, che sia sui social, in sede di Consiglio Comunale o qualunque altro contesto, la via da intraprendere sarà una e una soltanto: quella legale.

Forse uno schiaffo nella vita l’ho preso e non mancherò di restituirlo dieci volte, ovviamente nei limiti della Legge, ma sia chiaro che il concetto di porgere l’altra guancia, ahimè, non mi si addice per niente.

A buon intenditore poche parole.

Vice – Presidente del Consiglio Comunale,

Marco Gasperi.

Redazione
© Riproduzione riservata
26/01/2021 09:16:07


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Il CTS da ragione a Ghinelli e non al Pd >>>

Emergenza Covid a Umbertide: Pd e altre opposizioni chiedono Consiglio straordinario ad hoc >>>

Arezzo, De Robertis (PD): “Sul trasporto ferroviario Regione più forte sui contratti di servizio” >>>

A Città di Castello le scuole resteranno chiuse: ordinanza anche per i nidi >>>

Scuole chiuse per 15 giorni. Nessun sostegno alle famiglie >>>

Dal primo marzo a San Giustino via alla raccolta differenziata “porta a porta” del verde >>>

"Ripristinare le fermate dell'alta velocità alla stazione di Arezzo" >>>

Forse qualcosa si muove per l'Ospedale della Valtiberina di Sansepolcro? >>>

Coingas: schiaffo del Comune di Arezzo a tutti gli altri comuni della provincia >>>

“Servono più fermate di treni pendolari alle stazioni di Terontola e Camucia” >>>