Notizie Locali Comunicati

Un grido d’allarme sull’isolamento dell'Altotevere rispetto alle altre aree dell’Umbria

Chiamati in audizione dalla 2° commissione Consiliare della Regione

Print Friendly and PDF

La possibilita’ di essere chiamati in audizione dalla 2° commissione Consiliare della Regione dell’Umbria e’ motivo di soddisfazione, innanzitutto  ci ha permesso di  avere  un confronto con la Commissione Regionale sul Tema del Trasporto Pubblico Locale, ma anche perche’ ha riconosciuto alla nostra Associazione un ruolo che e’ quello di sollecitare ,controllare e proporre soluzioni su temi regionali di grande importanza.

Dobbiamo ringraziare di questo il Consigliere Regionale Michele Bettarelli, il quale si e’ adoperato dopo aver ricevuto il nostro documento sul tema “ I trasporti al tempo del Coronavirus “ e richiedere prontamente un’audizione della Commissione in tempi strettissimi. Un grazie al Presidente della Commissione  Mancini e all’Assessore ai Trasporti  Melaseccheil quale nonostante gli impegni ha partecipato all’intera commissione

Abbiamo presentato documenti di supporto alle nostre richieste riguardanti il rapporto con Rfi che gestisce in questo momento FCU e abbiamo allegato copia del Piano Regionale dei Trasporti da dove si evince che molte delle nostre richieste sono riportate all’interno del Piano stesso ( valenza 2014/2024) .

Il nostro e’ stato un grido d’allarme sull’isolamento che il nostro territorio ha rispetto alle altre aree dell’Umbria e soprattutto sulla situazione  creatasi  con il CORONAVIRUS che ha visto il settore trasporti tra quelli che hanno avuto piu’ difficolta’ e che stentano a riprendere anche alla luce dell’imminente inizio dell’anno scolastico.

Infine abbiamo con il nostro intervento messo in luce la drammatica situazione della Ferrovia Centrale Umbra, dove a fronte di proclami di lavori ed interventi importanti da parte di RFI si ha una serie di inconcepibili ritardi… qui le nostre proposte :

1)      Immediata Progettazione  degli  interventi legati alla sicurezza di terra ( con il sistema SCMT ) ,qui  si hanno 18 milioni di euro fermi perche’ non c’e’ stata una gara ad evidenza pubblica per l’affidamento dei lavori ,questo intervento permetterebbe di velocizzare la tratta C. di Castello / Ponte S. Giovanni e di portare la velocita’ ad una media di 70 Km orari.

2)      Ridiscutere con RFI e con Trenitalia gli accordi fatti in precedenza sulla gestione delle risorse e sulle tracce ,portando cosi i nostri treni a Fontivegge –Ellera. Noi riteniamo la PSG – FONTIVEGGE di valenza strategica enorme.

3)      Alla luce di quanto riportato sul Piano Regionale dei Trasporti, rivedere la filosofia con cui si prepara un orario cercando di istituire alcune corse veloci  su ferro ( con poche fermate ) gia’ dal prossimo orario invernale ( vedi allegato pag. 299/303). Evtando di istituire ancora corse con autobus che stanno creando problemi al traffico e all’ambiente di PERUGIA

4)      Ottimizzare al meglio l’utilizzo di ferrovia ed autobus per far si che non esistano piu’ zone isolate o poco fruibili..

5)      Creare una cabina di Regia in Capo alla Regione che ottimizzi gli orari delle singole Aziende di trasporto, e’ innegabile lo scarso dialogo tra le varie aziende trasportistiche che creano solo disagi agli utenti umbri.

6)      La creazione dell’Agenzia del trasporto da parte della regione dovra’ essere una opportunita’ non solo per un vantaggio fiscale dell’IVA, ma dovra’ innanzitutto vedere all’interno della struttura manageriale  figure con conoscenze specifiche trasportistiche che siano esse automobilistiche e ferroviarie, e non come ora con figure che prediligono la parola “ non e’ possibile far niente “.

“Il non e’ possibile” ha creato questa situazione in una regione che vuol fare del turismo un fiore all’occhiello,ma che e’ difficile da raggiungere ed ancor di piu’  da attraversare.

Abbiamo terminato il nostro intervento con l’auspicio che la Regione possa tornare a svolgere il       ruolo che le compete cioe’ quello di Programmazione dei servizi e del controllo , che per troppo tempo, purtroppo  e’ stato lasciato in mano alle Aziende di Trasporto.

L’Assessore ha risposto in maniera puntuale e precisa alle nostre segnalazioni e preoccupazioni, ci aspettiamo un cambio di rotta che possa finalmente vedere il nostro territorio non isolato come ora , ma fruibile con una ferrovia che ci possa permettere di viaggiare in questa bella Regione, salvaguardando l’ambiente.

La Commissione e’ stata sospesa, per essere riconvocata a breve .

Redazione
© Riproduzione riservata
11/07/2020 13:10:08


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Comunicati

Saldi estivi: l’indagine di Confesercenti Arezzo sull’andamento >>>

Vicenda Ubi-Intesa: il centrosinistra non ha credibilità per parlare di banche >>>

Ma saranno veri i 12 milioni che la sanità toscana ha promesso al sindaco Cornioli? >>>

I rifiuti di Firenze bruciati ad Arezzo? >>>

"Permane la sofferenza del sistema museale e scompare il biglietto unico" >>>

Coronavirus in Toscana: 23 nuovi casi, 8 dei quali positivi dopo una vacanza all'estero >>>

Città di Castello, investimenti sull'ospedale per oltre 3 milioni di euro >>>

Partito Comunista Arezzo: apertamente contrari al potenziamento dell'inceneritore di San Zeno >>>

Un altro indagato nelle partecipate Aretine: Massimiliano Dindalini (Pd), presidente di Tiemme >>>

Passo dei Mandrioli, dal 18 agosto al via i lavori per la messa in sicurezza del fronte emiliano >>>