Notizie Locali Attualità

Dal 1° settembre ripartiranno i treni sulla ex Fcu da Sansepolcro a Perugia

La rassicurazioni date al vicesindaco e assessore ai trasporti biturgense, Luca Galli

Print Friendly and PDF

Dal prossimo 1° settembre, che cadrà di sabato, i treni torneranno a percorrere la linea della ex Ferrovia Centrale Umbra da Sansepolcro a Perugia. Qualora i tempi venissero rispettati, il blocco sulla tratta per i lavori di riqualificazione – relativamente alla parte terminale in territorio toscano e comunque da Città di Castello verso nord - sarebbe durato poco meno di un anno. Come noto, il fermo è scattato alla mezzanotte dello scorso 13 settembre e dalla settimana successiva si è cominciato a mettere meno sugli oltre 150 chilometri di strada ferrata; nel frattempo, si è concretizzato il passaggio nelle mani di Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) e ora si procederà in maniera tale da ripristinare il tutto alla vigilia della riapertura del nuovo anno scolastico e comunque della ripresa a pieno regime delle varie attività dopo il periodo delle ferie estive. “Così mi è stato assicurato da Mauro Fagioli, direttore del servizio ferroviario di Umbria Tpl e Mobilità – ha detto Luca Galli, vicesindaco e assessore ai trasporti del Comune biturgense – e la riapertura oramai prossima del collegamento fra Città di Castello e Umbertide costituisce un segnale molto indicativo”. In effetti, sarà questione di poche settimane, ma le due città altotiberine torneranno presto a essere collegate anche su rotaia; rispetto a quanto annunciato in dicembre, la tabella di marcia ha subito un leggero slittamento nei tempi: si era parlato infatti di aprile e invece sarà maggio. Ma come mai sul versante biturgense non si è ancora messo mano e su qualche punto i binari cominciano a essere ricoperti dall’erba? “Al di là dei programmi di intervento – precisa Galli – la nostra parte è forse quella, nel contesto di tutta la linea, che necessita di interventi minimi, in quanto più a posto di altre”. Verrà ripristinata anche la trazione elettrica? “Al momento, questo appare più difficile. È vero, la tratta è stata rielettrificata, ma a quanto mi risulta il numero delle motrici sarebbe ancora insufficiente. Il problema è quindi di dotazione”. Ancora un po’ di pazienza per i pendolari, che proprio il mese scorso si erano lamentati per orari dei bus sostitutivi non consoni alle esigenze dell’utenza e con oltre due ore di tempo impiegate per coprire quasi 70 chilometri. Anche alla stazione ferroviaria verrà restituita quella dignità calpestata dall’azione dei vandali, che hanno mandato in frantumi i vetri a suon di sassate e scambiato questo luogo per una sorta di dormitorio.            

Redazione
© Riproduzione riservata
03/05/2018 08:36:40


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

1 commento alla notizia

sanborgo
ha commentato il
03/05/2018 09:47:33

Leggo esterefatto che ricominceranno a viaggire i cadaveri a gasolio,è una vergogna come vergogna è vedere un impianto elettrico rimesso a nuovo qualche anno fa e mai utilizzato. (spesi nostri soldi e parecchi) Inoltre le problematiche del rumore e inquinamento non verranno risolte nemmeno adesso. si vede che le cose devono andare avanti così.Cambia il pilota ma la macchina è la stessa.
Archivio Attualità

Due ristoranti della provincia di Arezzo inseriti nella Guida dell’Espresso 2020 >>>

"Viva!": studenti biturgensi a lezione di massaggio cardiaco >>>

E' nativo di Gubbio il nuovo capo della Gendarmeria vaticana >>>

I 75 anni di Fosco Bruschi, pioniere del podismo a Sansepolcro >>>

Sansepolcro, il nuovo piano del traffico arriva in giunta per l'ok >>>

Badia Tedalda, nonna Rosa festeggia il secolo di vita >>>

Il sindaco di Arezzo si sposerà il 21 marzo con l’affascinante americana Marjorie Layden >>>

Montedoglio: lavori di rifacimento del muro di sfioro assegnati a un'azienda di Terni >>>

Costi assistenza domiciliare in Valtiberina: "Ripresentare il modello Isee", dice Romanelli >>>

L’Accademia Enogastronomica della Valtiberina fa “centro” anche nella solidarietà >>>