Sport Nazionale Pallacanestro (Nazionale)

Basket, Serie A2: Trieste, prima sconfitta. Verona fa il colpaccio

Nel 12° turno i giuliani sconfitti a Verona dopo 11 vittorie consecutive

Print Friendly and PDF

Attenzione signori, la dodicesima giornata di A-2 ha dell’incredibile. Cominciamo dalla notizia più inattesa: dopo undici vittorie consecutive, Trieste cade a Verona. Parevano invincibili, ma la squadra scaligera ha fatto il miracolo. Le altre sorprese? Sempre ad Est, il crollo di Treviso in casa, contro Ravenna; la sconfitta di Ferrara a Roseto; i 18 punti presi dalla Fortitudo a Montegranaro. Ad Ovest, la seconda sconfitta consecutiva della capolista Casale, che cade a Cagliari e ora è inseguita ad appena due punti da Biella, vincente in casa contro la Virtus Roma. In corsa verso la vetta anche Trapani, Agrigento, Scafati e Tortona. Eroica Rieti, che passa anche a Siena. Spettacolo nell’anticipo di venerdì in quel di Bergamo, dove la squadra di casa stoppa Udine dopo tre supplementari.

IL MATCH — 55’, i tempi regolamentari più tre supplementari: non è stata una partita, ma una vera battaglia sportiva quella che ha avuto luogo a Bergamo nell’anticipo di venerdì sera. Peccato che al PalaNorda ci fossero soltanto un migliaio di spettatori, perché la vittoria contro Udine – conquistata in una maratona dai continui colpi di scena – avrebbe meritato un palcoscenico ben più ampio: sono spettacoli che accadono raramente e mettono in luce tutta la bellezza della pallacanestro. Detto che per i bergamaschi è davvero un’impresa aver battuto una squadra tosta e ambiziosa come Udine, il modo in cui ci sono riusciti è pazzesco: il primo tempo dei ragazzi di coach Ciocca è di alto livello e vale i sei punti di vantaggio sulla formazione friulana. Poi il crollo nel terzo quarto (9-25), finito con Udine avanti di dieci e un Veideman immarcabile. Quindi la rimonta e il contro-sorpasso nell’ultimo periodo, in cui Bergamo – trascinata dalle triple di Mascherpa - potrebbe chiudere la gara, quando Solano segna il +2 ad appena 12” dalla sirena. Dykes però non ci sta, e trova il tempo per infilare il canestro del pareggio. Inizia un’altra partita, dove contano più i nervi che i muscoli: sia nel primo che nel secondo overtime Bergamo va avanti nel punteggio, ma poi viene raggiunta. Nel terzo Mascherpa (21 punti alla fine) decide di chiuderla: segna una tripla, un sottomano, due liberi. Bastano per un piccolo vantaggio (96-93): a Udine restano 12”, ma l’ultimo attacco si schianta sulla difesa bergamasca. Si chiude coi liberi di Solano e la festa del PalaNorda per la terza incredibile vittoria in campionato dei propri beniamini.

IL PROTAGONISTA — Si chiama Jared Brownridge, è un rookie classe 1994, gioca a Mantova e non risponde allo stereotipo che abbiamo della guardia USA. Poco atletico, poco egoista, poco evidente: non è esattamente una prima donna. Difende, passa molto la palla, palleggia quanto basta: ha un modo alquanto personale di diventare protagonista. Ogni tanto è costretto a prendersi la squadra in mano, ma preferisce uscire dai blocchi e colpire. Tiratore di striscia, gli capitano serate particolarmente in ombra come quella contro Imola: solo due triple su sei, otto punti totali fino all’ultimo minuto, poche possibilità di mettersi in luce. A volte per risolvere una gara basta fare soltanto una cosa, ma farla bene: magari essere nel punto giusto al momento giusto. Dopo una gara passata per gran parte a condurre, la sua squadra viene raggiunta da una tripla di Bell con 29” da giocare, 80-80. L’ultimo attacco mantovano è un assalto al canestro: il primo tiro non va, il rimbalzo è ancora degli Stings. Il secondo non va, ma Brownridge è lì: non passa nemmeno un secondo da quando raccoglie la carambola e fa partire il semigancio. La palla entra, mancano due centesimi, è vittoria.

I TOP FIVE — Patrick Baldassarre (Reggio C.) 20 punti in 22’, 5/5 da due e 1/2 da tre, 8 rimbalzi, 2 recuperi, 3 assist (33 di valutazione). Carlton Guyton (Piacenza) 23 punti in 42’, 5/7 da due e 3/6 da tre, 6 rimbalzi, 2 recuperi, 5 assist (34 di valutazione). Giacomo Sanguinetti (Piacenza) 22 punti in 33’, 2/3 da due e 6/10 da tre, un rimbalzo, 3 recuperi, 7 assist (31 di valutazione). Lee Roberts (Virtus Roma) 32 punti in 34’, 12/15 da due e 8/10 ai liberi, 12 rimbalzi, una stoppata, due assist (51 di valutazione). Melvin Johnson (Tortona) 32 punti in 38’, 4/7 da due e 6/12 da tre, 5 rimbalzi, un recupero, 13 assist (39 di valutazione).

LA SORPRESA — Non chiedetele continuità di rendimento, quella al momento non è cosa semplice da ottenere. Ma i miracoli, quelli glieli potete chiedere, perché a Verona ogni tanto accadono: così anche le corazzate che appaiono invincibili possono tornare a casa dalla città scaligera non con le ossa rotte, ma per lo meno con una sconfitta completamente inattesa. Succede a Trieste, finora meccanismo perfetto che si inceppa nel primo tempo, terminato 45-29 per Verona nell’esaltazione generale: l’intensità e la grinta della squadra di casa – specie in difesa - sono esagerati per i giuliani, fiacchi e molto più imprecisi del solo. Ma i veri campioni non sono facili da sconfiggere; nel terzo quarto la squadra di coach Dalmasson piazza un parziale di 31-10, totalmente annichilente. Sul 51-57 pensi che la bella favola veronese sia terminata, che fosse tutto una bolla di sapone. Invece i ragazzi di Dalmasson si rialzano dopo lo schiaffo, ricominciano a giocare e si riprendono in mano la partita, arrivando nuovamente a +7. Cavaliero inventa canestri impossibili, ma dall’altra parte c’è il trio Amato-Greene-Jones che sembra di un altro livello. Si arriva al punto a punto degli ultimi secondi, e sembra già incredibile che qualcuno sia riuscito a portare Trieste fino a qui. Da Ros impatta a 5” dalla fine, allora coach Dalmonte affida tutte le sue preghiere a Greene: nessuno riesce a fermalo, sono i due punti della vittoria.

RISULTATI E CLASSIFICA A-2 EST — Bergamo-Udine 98-93 d. 3 t.s., Treviso-Ravenna 66-73, Montegranaro-Fortitudo Bo 83-65, Roseto-Ferrara 81-79, Mantova-Imola 82-80, Jesi-Orzinuovi 99-85, Verona-Trieste 81-79, Piacenza-Forlì 92-83 d. 1 t.s. Classifica: Trieste 22; Montegranaro 18; Fortitudo Bo, Udine, Ravenna 16; Mantova, Jesi 14; Verona 12; Treviso, Ferrara, Imola, Piacenza 10; Forlì 8; Orzinuovi, Bergamo 6; Roseto 4. (Gazzetta)

Redazione
© Riproduzione riservata
18/12/2017 17:20:24


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Pallacanestro (Nazionale)

Time Out a processo. Inchiesta Mens Sana, Minucci rinviato a giudizio >>>

Serie A1: Brescia, vittoria e aggancio in vetta >>>

Basket, Serie A2: Trieste, prima sconfitta. Verona fa il colpaccio >>>