Notizie Locali Cultura

Tenta di spendere una banconota da 50 euro falsa in un bar di Cortona: denunciata una 47enne

La segnalazione è arrivata dal titolare dell'esercizio commerciale: voleva pagare il caffè

Print Friendly and PDF
Martedì pomeriggio i militari della stazione di Cortona al termine di accertamenti, deferivano in stato di libertà per "tentata spendita di banconote false" una donna 47enne, originaria di Laterina , incensurata ma operaia. I carabinieri a seguito di denuncia-querela sporta da titolare bar sito in Cortona, località Sant'Eusebio, accertavano che la denunciata presso la predetta attività commerciale, tentava di pagare un caffè con banconota da 50 euro risultata successivamente falsa al dispositivo di controllo. La banconota veniva posta sotto sequestro, in attesa di essere versata presso gli uffici della banca d'Italia, come previsto dalla legislazione vigente. La donna è stata segnalata alla Procura della Repubblica di Arezzo.
Redazione
© Riproduzione riservata
01/11/2017 15:38:23


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cultura

Riconoscimento per il professor Alfredo Milani di Sansepolcro >>>

A Sarsina una sede distaccata dell'Itis "Guglielmo Marconi" >>>

Droga ad Arezzo, in manette due persone: in tasca 700 grammi di marijuana e 15mila euro >>>

A Gorizia consegnato il primo premio de Il Tombolo di Anghiari >>>

Colpita con lo specchietto sulle strisce, cade a terra ma il conducente scappa >>>

San Giustino, al cinema Astra la rassegna “In viaggio a teatro” >>>

Eugenia Dal Bò vince il 35esimo Premio Pieve "Saverio Tutino" >>>

Pieve Santo Stefano: al regista Pupi Avati il premio "Città del Diario" 2019 >>>

Maltempo in Altotevere: a Trestina caduti 164 millimetri di acqua in 24 ore >>>

Anghiari: “Ingegnati di conservare la sanità” >>>