Notizie Nazionali Economia

Fisco, Bonomi: "Tagliare le tasse si può"

"Riconfigurare il 4-5% della spesa pubblica a favore dei redditi bassi"

Print Friendly and PDF

Tagliare le tasse si può. Ne è più che convinto Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, che chiama il governo all'azione. "Se vogliamo rimettere i soldi in tasca agli italiani, specialmente quelli con redditi bassi, cioè sotto i 35mila euro che hanno sofferto durante la crisi e stanno soffrendo i colpi dell'inflazione, bisogna tagliare le imposte", ha affermato in un intervento a Mogliano Veneto (Treviso). Il capo degli industriali detta la sua linea: "Credo che un Paese che spende oltre mille miliardi all'anno di spesa pubblica possa riconfigurare il 4-5% di questa spesa, corrispondenti a 50-60 miliardi, e avere le risorse per fare questo intervento", ha spiegato.

Tasse e cuneo fiscale - "Noi abbiamo un cuneo fiscale del 46% ed è lì che bisogna intervenire", ha poi detto Bonomi. "Le urgenze che abbiamo fatto presente al governo oggi sono dedicare tutte le risorse sul caro bollette, avere un grande occhio alla finanza pubblica, e fare degli interventi importanti sul tema del lavoro, il primo dei quali è il taglio al cuneo fiscale", ha proseguito. Il presidente di Confindustria non è invece affatto convinto del provvedimento sui fringe benefit (i premi esentasse che le imprese potranno concedere ai dipendenti per pagare le bollette, questo bene accessorio nel dl Aiuti quater è salito da 600 a 3.000 euro. Considerando che la misura sarà in vigore fino al 31 dicembre, questa sorta di “bonus bollette” diventa simile a una tredicesima aggiuntiva, da dedicare alle utenze domestiche). "La platea dei lavoratori che ne potrebbero usufruire è molto ridotta, i primo conteggi parlano di circa il 17%. E poi - ha osservato Bonomi - non ci convince perché si sposta la palla sul campo delle imprese, alcuni lo poranno fare ma altre

Il ministro Adolfo Urso: "Taglio del cuneo sarà 2/3 per il lavoratore e 1/3 per l'azienda" - Sul cuneo fiscale è intervenuto Adolfo Urso, ministro dello Sviluppo economico, che ha risposto a Bonomi a distanza: "Non si può fare tutto e subito, possiamo fare ciò che è possibile e tracciare la rotta. Il taglio del cuneo fiscale sarà per 2/3 per il lavoratore e 1/3 per l'azienda". Inoltre, ha proseguito il ministro, "dobbiamo alzare i salari e questo avverrà gradualmente nel tempo. Soltanto innalzando i salari sarà possibile incentivare il lavoro". imprese non avranno lo spazio di bilancio e di finanze per farlo. La soluzione di responsabilitò deve essere da parte del governo: il taglio delle tasse sul lavoro".

notizia e foto tratte da Tgcom 24
© Riproduzione riservata
13/11/2022 06:13:26


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Tregua fiscale, Leo: “La misura funziona, 65mila richieste di agevolazioni in 5 giorni” >>>

Pensioni, stretta sulla riforma: ecco le 3 ipotesi sul tavolo del governo >>>

Sciopero dei benzinai congelato, attesa per il decreto >>>

Isee, è corsa al rinnovo per l’assegno unico: chi avrà l’aumento e come fare >>>

Inflazione morde, +100 euro a famiglia solo per il pane e la pasta >>>

Tasse, accise, ipotesi speculazioni: il prezzo del gasolio in Italia è fuori controllo >>>

L’inflazione rallenta la corsa: +11,6%. Ma meno rispetto agli altri Paesi europei >>>

Dal superbonus agli incentivi per i mobili: tutti gli sconti per le famiglie nel 2023 >>>

Iniziano i saldi: da domani in Sicilia e Basilicata, dal 5 gennaio in tutta Italia >>>

Bollette, calano i costi per la luce (atteso -25%) ma aumentano per il gas (+20%) >>>