Notizie Nazionali Cronaca

Terremoto: scossa di magnitudo 4.1 a Genova

La terra trema anche in Sicilia, nelle Marche e nell’Appennino Modenese

Print Friendly and PDF

Mezza Italia ha tremato oggi, da sud a nord. Due scosse di terremoto - la prima di magnitudo 2.5, la seconda di magnitudo 3.6 - sono state registrate in provincia di Catania tra la notte scorsa e le prime ore di stamane, alle 23,51 a 2 chilometri a Nord Ovest di Ragalna, e alle 4.21 a 4 chilometri a Sud di Paternò. L'ipocentro della prima è stato individuato a una profondità di 3 chilometri, quello della seconda ad una profondità di 10.

Paura anche nelle Marche
Alle 12,24 a Folignano, in provincia di Ascoli Piceno, i sismografi hanno segnalato una scossa di magnitudo 4.1 con epicentro a 8 chilometri dal capoluogo. Secondo l'Ingv ha avuto una profondità di 24 chilometri. Subito dopo si sono verificate altre due scosse, con lo stesso epicentro, una di magnitudo 3.6 (alle 12,25) e una di magnitudo 2 (alle 12,27). L'Ingv ha poi stabilizzato la rilevazione della magnitudo a 4.1 per la prima scossa e 3,6 per la seconda. 

Scossa in Liguria
La terra ha tremato anche a Genova, nel pomeriggio, intorno alle 15.40. La scossa, secondo quanto riporta il sito Ingv, è stimata tra 3,9 e 4,4: il sisma è stato nitidamente avvertito in centro città e moltissime persone sono uscite da banche e uffici, e anche dal palazzo della Regione Liguria. I sismografi rilevano un’intensità di 4.1 gradi della scala Richter. La scossa si è fatta sentire in tutta la provincia, ma anche a La Spezia e a Savona. Tra le 15,39 e le 16 sono arrivate 146 telefonate ai centralini del 112 e del 118. Migliaia di persone si sono precipitate fuori da case e uffici. In pieno centro a Genova, tra i tanti altri edifici che sono stati sgomberati poco dopo la forte scossa, è stato evacuato precauzionalmente anche il palazzo delle Poste.

Alle 15,50 il traffico ferroviario è stato sospeso in via precauzionale per verifiche tecniche tra Genova e Recco. Sono intervenuti i tecnici per consentire la regolare ripresa del traffico ferroviario: disagi per i treni Alta Velocità, InterCity e Regionali. Le Ferrovie hanno sospeso il traffico anche sulla linea Genova-La Spezia per precauzione. Stop ai convogli tra Genova Brignole e Santa Margherita Ligure dopo che i sistemi informatici hanno inviato delle allerte alla centrale operativa. Da quanto emerge i sistemi di sicurezza avrebbero dato un alert che richiede prima della riapertura della linea una ricognizione sulla sicurezza per scongiurare eventuali danni. Le Ferrovie hanno annunciato che la circolazione dei treni è stata sospesa anche lungo tre linee che da Genova portano a Milano, Torino e Busalla. Anche in questo caso la chiusura è stata a scopo precauzionale per consentire ai tecnici di fare ispezioni in loco nel tratto comune dal capoluogo a Ronco Scrivia.

La scossa è stata avvertita in particolare nell’entroterra di Genova e del Levante, a Bargagli, Davagna e Torriglia. Il movimento tellurico ha sorpreso anche i turisti della riviera di levante, da Portofino a Sestri Levante, sia quelli che si trovavano negli alberghi ai piani più alti sia chi era in spiaggia. 

«Ero a casa e ho sentito una scossa fortissima, tutto ha iniziato ad oscillare e i soprammobili sono caduti – racconta Sergio Casalini, sindaco di Bargagli – per fortuna nessun danno, ma solo tanto spavento. Sono scioccato». Il sindaco ha contattato subito il responsabile della protezione civile della Regione Liguria Giacomo Giampedrone prima di proseguire il sopralluogo in paese. «I miei concittadini stanno già rientrando nelle case». «Ero in casa e ho ancora tutto il tremolio addosso: tremava il pavimento. Sono scappato in strada e così tanti altri concittadini – prosegue il sindaco –  Anche gli operai che si trovavano sui ponteggi al lavoro sul palazzo del Comune si sono buttati giù. Tremava tutto».

Alcune pietre e calcinacci si sono staccati dalla chiesa di Pieve Ligure, a 7 chilometri dall’epicentro. La chiesa è quella di San Michele Arcangelo, una delle prime pievi (parrocchie) costruite in Liguria, il cui edificio originario venne eretto prima dell’anno mille. La chiesa venne poi ricostruita tra il XIV e XV secolo.

Altre scosse sono state registrate nell'area metropolitana di Genova, secondo quanto riporta l’Ingv dopo quella più forte delle 15.39 di 4,1 gradi. Una alle 16,07, sempre nell’area di Bargagli, di 1,9 gradi. Un’altra alle 16.29 di 1,8 gradi a Davagna (Comune contiguo a Bargagli) e l’ultima alle 17.03 a Bargagli, sempre di 1,8 gradi. La scossa più forte di terremoto, dopo quella da 4.1 registrata alle 15.39 a Bargagli, si è avvertita alle 17.32 a Davagna, sempre nella città metropolitana di Genova. È stata di magnitudo 2.7 ed è stata nuovamente avvertita anche in centro città, a Genova.

Scosse anche in Emilia sull’Appennino modenese.

Un’altra scossa di terremoto, stima provvisoria magnitudo tra 3,7 e 4,2, seguita da un’altra di minore intensità, è stata registrata in Emilia poco prima delle 17,50, nel Modenese nella zona dell’Appennino al confine con la provincia di Lucca. Circa un minuto dopo un’altra scossa, al momento segnalata tra 2.9 e 3.4 di magnitudo. La scossa è stata avvertita sull'Appennino emiliano, ma anche in Toscana.

 

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
22/09/2022 20:18:33


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Frana di Ischia, trovato il corpo dell’ultima persona >>>

“Declassate perché lesbiche”. I giudici condannano il sindaco >>>

Chiesto l’ergastolo per gli anarchici della Fai, Cospito e Beniamino >>>

Maremoto a Stromboli, due frane causano onde tsunami di oltre un metro e mezzo >>>

La Chiesa allenta le misure anti-Covid, tornano le acquasantiere e il segno di pace >>>

Maltempo in Sicilia, persone intrappolate in auto nel Messinese >>>

Influenza verso il record storico, prossima settimana curva epidemica in zona rossa >>>

Negli ospedali l’odissea dei disabili >>>

Addio a Gerardo Bianco, una vita nella Democrazia Cristiana >>>

Studentessa violentata in ospedale a Roma, arrestato infermiere >>>