Notizie Locali Cronaca

Condannato a sei mesi di carcere un imprenditore di Città di Castello

Un operaio aveva perso tutte le dita della mano destra all'interno dell'azienda

Print Friendly and PDF

Sei mesi di reclusione per il titolare di una falegnameria di Città di Castello dove nel 2013 un operaio aveva perso tutte le dita della mano destra mentre puliva una fresa. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico del tribunale di Perugia Marino Albani. Il magistrato ha imposto al datore di lavoro, difeso dall’avvocato Eugenio Zaganelli, il pagamento di una provvisionale di 10 mila euro, il resto da liquidarsi in sede civile, una pena di gran lunga inferiore rispetto alle richieste della parte civile che pretendevano 600 mila euro. L’operaio, con le cuffie alle orecchie, stava pulendo il piano di lavoro della macchina in movimento e accidentalmente, la mano destra aveva urtato la fresa. Il poveretto ha riportato “l’indebolimento permanente della funzione prensile”.

Redazione
© Riproduzione riservata
20/10/2021 11:33:33


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Cronaca

Covid-19: in Toscana i nuovi casi sono 544, con 7 decessi >>>

Covid-19:a Città di Castello due nuovi positivi e una guarigione >>>

Denunciate un gruppo di persone specializzate nei furti all'interno dei parcheggi dei supermercati >>>

Presunte molestie sessuali all'ospedale San Donato di Arezzo >>>

Covid-19: balzo a 71 dei nuovi casi in provincia di Arezzo >>>

Incidente nella superstrada E45 >>>

Tre feriti in un incidente a Camucia di Cortona: grave una bambina di 10 anni >>>

Usufruiva della 104 ma invece di accudire la madre malata correva dall'amante >>>

Studente perugino ferito alla schiena e a un fianco a New York >>>

Aumentano i controlli da parte della Polizia di Stato di Arezzo >>>