Notizie Locali Economia

Il gruppo Prada perde fatturato ma é fiducioso per il futuro

La fashion house ha chiuso il 2020 con ricavi per 2,42 miliardi di euro in calo del 24%

Print Friendly and PDF

Il gruppo Prada contiene il calo nel secondo semestre del 2020, anno che comunque risulta penalizzato dalla pandemia Covid-19 e dai conseguenti lockdown. La fashion house guidata da Miuccia Prada e Patrizio Bertelli ha chiuso il 2020 con ricavi per 2,42 miliardi di euro in calo del 24% a cambi costanti. Nella seconda metà dell’anno la flessione è dell’8 per cento. L’ebit, spiega la nota, risulta positivo a 20 milioni di euro (216 milioni nel 2° semestre), mentre il risultato netto 2020 è negativo per 54 milioni di euro (positivo per 126 milioni nel 2° semestre). Gli investimenti sono arrivati a 122 milioni e il capitale circolante netto è sceso, rispetto al 2019, del 5% a 667 milioni. La posizione finanziaria netta è di  negativa per 311 milioni, in miglioramento rispetto a -406 milioni del dicembre 2019.

Il gruppo, cui fanno capo i marchi Prada, Miu Miu, Church’s e Car Shoe, aveva chiuso i 12 mesi al 31 dicembre 2019 con ricavi netti per 3,226 miliardi di euro, in crescita del 3% a cambi correnti e flat a cambi costanti. L’utile netto del gruppo aveva toccato quota 256 milioni di euro nel 2019, beneficiando del Patent Box. 

Quanto alla performance dei diversi mercati, nel 2020 le vendite in Europa ammontano a 561 milioni, in calo del 35 per cento. L’Asia Pacific si attesta a 914 milioni, superando dell’1% i livelli dell’anno precedente: la forte crescita registrata nella seconda parte dell’anno (+19%) è ascrivibile principalmente a Cina Continentale (+52%), Taiwan (+61%) e Corea (+22%). Le vendite nel mercato americano sono state pari a 291 milioni (-17% rispetto al 2019), con un sostenuto recupero nel secondo semestre (+4%). Il Giappone ha registrato vendite pari a 272 milioni, -28% rispetto all’anno precedente. In Middle East le vendite ammontano a 78 milioni (-12% rispetto al 2019) e hanno evidenziato una forte crescita nel secondo semestre (+26%).

Al recupero ha dato un significativo contributo il canale e-commerce che ha più che triplicato i livelli del 2019, “sostenuto da un’efficiente piattaforma logistica e da una customer experience sempre più immersiva”. Nella nota è stato comunicato solamente l’andamento dell’online, ma non la quota, che nel 2018 era molto bassa. Le vendite del canale wholesale sono ammontate a 275 milioni di euro (-49% rispetto al 2019) a seguito della decisione strategica di razionalizzazione proseguita nell’anno (-20% nel 2° semestre), mentre il canale retail ha segnato un -18% a cambi costanti (-6% nel 2° semestre).

Il Cda, tenuto conto della mancata distribuzione dei dividendi dell’anno precedente, del trend positivo delle vendite confermato anche nei primi mesi del 2021 e non da ultimo della ben bilanciata posizione finanziaria netta, ha proposto all’assemblea degli azionisti di distribuire un dividendo limitato a 3,5 centesimi di euro per azione, per un totale di 90 milioni, attingendo dalle riserve distribuibili di Prada spa che ammontano a 1,6 miliardi.

“In questo anno così drammatico siamo comunque riusciti a raggiungere gli obiettivi che ci eravamo prefissati grazie all’impegno e al senso di responsabilità delle nostre persone”, ha commentato nella nota Patrizio Bertelli, AD del Gruppo Prada. “Abbiamo risposto con rapidità ai cambiamenti del mercato, rafforzando il rapporto con la clientela locale i cui consumi nella seconda metà dell’anno hanno quasi completamente compensato l’assenza di turisti. Siamo riusciti a raggiungere buoni livelli di redditività e a generare un importante flusso di cassa, migliorando così la nostra posizione finanziaria. Questi risultati ci infondono fiducia per affrontare lo sviluppo che ci attende non appena terminerà la fase più critica della pandemia”.

Notizia tratta da pambianconews.com
© Riproduzione riservata
13/04/2021 06:31:08


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Chiaroscuro Superbonus 110%: serve proroga al 2023 >>>

Incidente di Badia Tedalda: solo per miracolo non piangiamo morti sul lavoro >>>

Turismo nell'Aretino: crollo degli arrivi nel 2020, -56% >>>

Operai precipitati col pick-up a Rofelle, la Fillea Cgil: “più investimenti in sicurezza” >>>

Firmato un protocollo d'intesa fra Adm e Camera di Commercio Arezzo-Siena >>>

Gal Alta Umbria: al via il progetto Gustum >>>

Sansepolcro: taglio del nastro per "Kimono, l'Arte della Bellezza", centro estetico di avanguardia >>>

665 milioni di tamponi covid: il contributo della robotica di ARS nel contrastare la pandemia >>>

Saldo negativo in provincia di Arezzo: 74 imprese chiuse nel primo trimestre >>>

Valeria Alvisi è il nuovo direttore della Confesercenti Arezzo >>>