Notizie Nazionali Economia

Effetto Covid: meno 7% sulle entrate tributarie

Il gettito derivante dai controlli è crollato a -17%

Print Friendly and PDF

Gli effetti del coronavirus si fanno sentire sulle entrate tributarie. Nel primo semestre 2020 (gennaio-giugno) le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 186,304 miliardi di euro, in flessione del 7% (con una riduzione di 13,983 miliardi di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo comunica il dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia spiegando che «la variazione negativa riflette sia il peggioramento congiunturale sia le misure adottate dal Governo per fronteggiare l'emergenza sanitaria». «La sensibile diminuzione di gettito, riscontrata già nei mesi precedenti - sottolinea il Mef - è stata determinata dagli effetti del decreto legge 23 dell'8 aprile 2020 che ha disposto il rinvio dei versamenti tributari e contributivi per i soggetti esercenti attivita' di impresa, arte o professione, fiscalmente domiciliati nel territorio dello Stato». Il risultato del semestre appena trascorso tiene anche conto del dato di giugno, che al contrario dei mesi precedenti ha visto un più davanti alle entrate. A giugno 2020, infatti la variazione positiva è stata di 1.317 milioni (+3,7%) che deriva dall'andamento delle imposte dirette (+4.974 milioni, +25,7%), mentre le imposte indirette continuano a segnare un significativo calo (-3.657 milioni, -23%) imputabile principalmente al risultato dell'Iva sugli scambi interni (-1.693). L'aumento delle imposte dirette è legato al risultato delle imposte autoliquidate che risultano influenzate dal diverso termine di versamento del mese di giugno dell'anno 2020 rispetto al 2019 in cui il termine di versamento del 30 giugno, che cadeva di domenica, è slittato al 1 luglio. 

Il gettito, invece, delle entrate derivanti da attività di accertamento e controllo si è attestato a 4,127 miliardi (-858 milioni di euro, pari a -17,2%) di cui: 1,894 miliardi di euro (-611 milioni di euro, -24,4%) sono affluiti dalle imposte dirette e 2,233 miliardi di euro (-247 milioni di euro, -10%) dalle imposte indirette. Lo rileva il dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia. I dati, spiega il Mef, «risultano influenzati dal decreto “Cura Italia” che aveva già sospeso i termini di versamento delle entrate tributarie e extratributarie derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione nel periodo dall'8 marzo al 31 maggio 2020, ulteriormente prorogati dal decreto rilancio fino al 31 agosto». 

Le entrate relative ai giochi ammontano, nei primi sei mesi 2020, a 4.491 milioni (-3.325 milioni, -42,5%).

Notizia e foto tratte da La Stampa
© Riproduzione riservata
06/08/2020 05:17:53


Potrebbero anche interessarti:

Ultimi video:

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Bisogna essere registrati per lasciare un commento

Crea un account

Crea un nuovo account, è facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui ora.


Accedi

0 commenti alla notizia

Commenta per primo.

Archivio Economia

Alitalia, dal 1° ottobre niente più voli da Malpensa >>>

La "sprangata" sui contanti. Ecco cosa può farvi il Fisco >>>

Istat, negli ultimi 3 mesi 470 mila disoccupati: la metà sono under 35 >>>

Pil, Fitch taglia le stime: Italia verso un calo del 10% nel 2020 >>>

Caporetto delle imprese, un quinto delle aziende adesso rischia il crac >>>

Ecco quanto costa agli italiani lo spreco per il malfunzionamento della Pubblica amministrazione >>>

L’agosto nero dei saldi nelle grandi città: “I negozi perdono un miliardo e mezzo” >>>

Il Cdm approva il decreto agosto: 100 miliardi per sostenere imprese e famiglie >>>

Effetto Covid: meno 7% sulle entrate tributarie >>>

Pil in calo del 12,4% nel secondo trimestre, ai minimi dal 1995 >>>